Post USA-Italia, le parole di Conor O’Shea: “Bravi a reagire alle difficoltà, miglioreremo”

Così il ct irlandese al termine della sfida di San José. Mike Catt: “Dobbiamo imparare a chiudere le partite”

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Conor O’Shea vede il bicchiere mezzo pieno dopo la vittoria sofferta dell’Italia sugli Stati Uniti per 20-24 a San José, al termine di una prestazione poco brillante degli azzurri. “Sono contento per i ragazzi. La squadra ha saputo reagire alle difficoltà, la vittoria ci rende felici. Eravamo reduci da un viaggio lunghissimo dall’Argentina, avevamo in campo una squadra molto giovane: Mbandà e Negri all’esordio; Panico, Ceccarelli, Gega alle loro prime esperienze internazionali. La settimana scorsa avevamo giocato meglio, ma le circostanze erano diverse – spiega il tecnico irlandese – Le trenta ore di viaggio da Santa Fe sono state un fattore, al pari del caldo, ma la squadra ha reagito nei momenti difficili, è sempre stata aggressiva come avevo chiesto. L’attitudine dopo il giallo a Canna è stata positiva. Mbandà ha fatto un’ottima partita, Favaro è stato un leader sul campo, i giovani stanno acquisendo velocemente esperienza. Ora abbiamo otto giorni per preparare il Canada. Miglioreremo”.

 

Gli fa eco capitan Ugo Gori: “E’ stato un successo sudato e per questo è ancora più bello. Abbiamo mostrato grande orgoglio. Ora dobbiamo lavorare duro per imporci contro il Canada: costruiremo una nuova vittoria lavorando duro in settimana a Toronto. […] Lo spirito di questo gruppo è eccezionale. La mischia e la touche hanno fatto un gran lavoro – ha aggiunto il numero nove azzurro – e sono state determinanti per la vittoria. Dobbiamo essere più precisi in certe fasi del gioco, ma sono sicuro che miglioreremo dove è necessario in vista della prossima partita”.

 

Uno dei più positivi del match, non solo per le due mete concretizzate da rolling maul, è stato senz’altro Ornel Gega: “Ho solo finalizzato il lavoro dei compagni, le mete sono merito del lavoro di squadra. Forse avremmo potuto gestire meglio questa partita. Siamo una squadra molto giovane, un gruppo che con un po’ di malizia ed esperienza potrà ottenere grandi risultati”.

 

Sul match si è espresso anche Mike Catt, allenatore dei trequarti azzurri: “I ragazzi credono nel sistema difensivo e sono orgogliosi di giocare per l’Italia, questo è molto importante. C’è energia positiva in questa squadra, stiamo lavorando e miglioreremo partita dopo partita. Dobbiamo imparare a chiudere le partite quando ne abbiamo la possibilità, cosa che oggi non è accaduta, ma vincere serve a creare fiducia”.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Italia, tanta voglia di vittoria con la Scozia

Kick-off alle 15.15, diretta tv DMAX, streaming anche su OnRugby

22 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020, Luca Bigi: “Vogliamo essere dominanti nelle fasi statiche”

Il capitano azzurro ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Scozia

21 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020, Smith: “Stiamo lavorando da un mese per costruire la nostra identità”

L'head coach degli azzurri ha parlato in conferenza, dopo l'annuncio della formazione degli azzurri contro la Scozia

20 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Italia, la formazione per la sfida con la Scozia

Franco Smith conferma la fiducia al team visto a Parigi. Marco Lazzaroni torna in distinta gara

20 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni, verso Italia-Scozia: la vittoria firmata da Ongaro e De Marigny

Correva l'anno 2004 e gli azzurri seppero imporsi con uno scarto di sei punti sui rivali

19 Febbraio 2020 Foto e video
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020, Italia: gli Azzurri verso la conferma

Infermeria vuota, lavoro duro agli ordini dello staff, fiducia e consapevolezza: ecco gli ingredienti della settimana azzurra

19 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale