Movimento Italia: a Rovigo l’ovale è “ibrido” con un’Accademia a metà tra FIR e club

Dalla prossima stagione una nuova struttura guidata dai tecnici rossoblu con la supervisione federale di Stephen Aboud

ph. Action Images/Brandon Malone

ph. Action Images/Brandon Malone

Che delle novità fossero attese nel mondo delle Accademie federali è cosa risaputa, ma ora filtrano i primi dettagli e sono importanti. Secondo il Resto del Carlino andato in edicola qualche giorno fa a Rovigo a partire dalla prossima stagione ci sarà una “vera e propria Accademia anche se non ci sarà più il convitto in quanto i ragazzi consumeranno i pasti e dormiranno ognuno a casa propria. Anche a Padova, Milano e Roma funzionerà un’Accademia senza convitto, in pratica dei Centri di Formazione Permanente con la supervisione della Federazione”.
La particolarità di questa nuova creazione è la natura ibrida, diciamo così, visto che come ricorda il quotidiano “si tratta di un progetto a lungo meditato in casa Junior Monti che ha deciso di proporlo alla Federazione illustrandolo nel dettaglio e legandolo alla possibilità di continuare con i tecnici di fiducia del club”. Responsabili di questa nuova accademia sotto l’aspetto prettamente tecnico/agonistico saranno infatti  Joe McDonnell e Jason Wright, allenatori della Rugby Rovigo per i prossimi tre anni freschi di annuncio, che potranno contare su ” tecnici locali scelti da loro e che lavoreranno seguendo i programmi e le direttive della coppia neozelandese”.

 

Un incontro tra realtà locali e FIR, con Stephen Aboud che seguirà il progetto per conto della Federazione. L’irlandese dal prossimo primo agosto sarà il Responsabile della Formazione di giocatori di alto livello giovanile sino alla Nazionale U20, delle Accademie e della Formazione degli allenatori, e lavorerà a strettissimo contatto con il nuovo ct azzurro Conor O’Shea. I giovani coinvolti parteciperanno al campionato U18 Elite e al torneo riservato alle accademie.
Un primo passo che inizia a concretizzare quanto scritto sul comunicato FIR con cui si annunciava il nuovo staff della nazionale, laddove si diceva che Aboud era stato ingaggiato per “potenziare la struttura formativa della Federazione con competenze e responsabilità che andranno dall’alto livello sino a ricadere sulle aree tecniche dei Comitati Regionali”. Un primo passo che arriva da una città e un club i cui rapporti con la FIR sono stati spesso contrassegnati da saliscendi, per usare un eufemismo.
Una soluzione che va incontro alle esigenze del movimento e dei club locali e che potrebbe diventare un esempio da seguire anche in altre realtà territoriali, in attesa della creazione delle Accademie che dovrebbero presto essere affiancate alle franchigie celtiche. Almeno secondo quanto detto in diverse occasioni dal presidente Gavazzi, che però non ha mai parlato di una tempistica precisa in merito a quest’ultima possibilità.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Italia: brutto infortunio per Lorenzo Pani

Il trequarti non sarà a disposizione per i prossimi impegni degli Azzurri

26 Maggio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, la ricetta dell’allenatore della difesa Hodges: “Porto gli insegnamenti di Shaun Edwards”

Il nuovo membro dello staff degli Azzurri: "Ci sono pochi posti dove giocare più difficili di Samoa e Tonga. Abbiamo la fortuna di avere dietro atleti...

25 Maggio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Gonzalo Quesada dal polo alla palla ovale: “Mi piace tantissimo, ma lo sport della mia vita è il rugby”

Ospite di una manifestazione equestre, il CT della nazionale ha parlato di Italrugby e dei prossimi obiettivi tecnici

25 Maggio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Marzio Innocenti: “Voglio cambiare la storia del rugby italiano, ma sono preoccupato per il futuro”

Nel corso di una lunga intervista al Daily Mail (che fa i complimenti agli Azzurri) il presidente ha raccontato le sfide e gli investimenti che attend...

24 Maggio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Dino Lamb è sulla via del ritorno

Il seconda linea si è messo alle spalle una stagione che è stata piena di infortuni

24 Maggio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

ItalSeven: i 16 convocati per il primo impegno stagionale

Gli azzurri debutteranno al Torneo Internazionale 7’s di Haguenau dell'1 e 2 giugno

21 Maggio 2024 Rugby Azzurro / Rugby Seven