Nessuna vittoria e alcuni problemi: il difficile Sei Nazioni dell’Irlanda

La squadra di Joe Schmidt arriva da due trionfi finali consecutivi. Ma le cose sono iniziate male…

ph. Andrew Boyers/Action Images

ph. Andrew Boyers/Action Images

DUBLINO – Nel vasto ambiente del Sei Nazioni in moltissimi si dicono sorpresi dalle zero vittorie dell’Irlanda dopo due giornate del torneo. Moltissimi, tranne gli irlandesi, visto che molti di loro avevano scommesso sulle zero vittorie dopo tre partite e per questo erano già molto sorpresi di non aver perso la prima con il Galles (non che ci sia mancato molto). Dopo quel pari è arrivata una sconfitta a Parigi che avrebbe potuto essere una vittoria, se solo nei 60 minuti in cui l’Irlanda ha controllato la partita avesse segnato più dei 9 punti che è riuscita a mettere insieme. La mancanza di istinto omicida, del colpo del ko, sono state sottolineate in molti commenti post gara. Da queste parti non molti sono sorpresi di questo inizio di Sei Nazioni. Ricordiamo che Joe Schmidt prima del torneo aveva dichiarato: “Sarei contento di essere a fine torneo nella metà superiore della classifica, perché dopo la terza partita potremmo essere veramente in difficoltà”. Tradotto voleva dire che l’allenatore temeva di perdere tutte le prime tre partite. Potrebbe esserci andato parecchio vicino, considerato che all’orizzonte c’è Twickenham.

 

Dopo la sconfitta di Parigi il tecnico ha detto chiaramente che “anche se matematicamente c’è qualche speranza, di fatto non abbiamo possibilità di vincere il titolo. Ora dobbiamo rimetterci in sesto e andare a Londra a giocare la miglior prestazione possibile”. Più facile a dirsi che a farsi, visto che l’elenco degli infortunati è lunghissimo. Proprio ieri è stato confermato che Sean O’Brien e Dave Kearney non saranno in campo a Londra. In pratica quasi tutti i leader della squadra che è andata ai Mondiali sono fuori. Ricordiamoci infatti che ai verdi mancano Iain Henderson (fra i migliori alla Coppa del Mondo), Peter O’Mahony (secondo molti destinato a diventare capitano della squadra) e Tommy Bowe. In pratica dei leader rimangono solo Rob Kearney e Johnny Sexton. A proposito: da queste parti tutti hanno criticato duramente l’arbitro di Francia-Irlanda scrivendo che i falli contro Sexton e Dave Kearney avrebbero dovuto essere puniti molto più duramente e che quell’arbitro non si deve più vedere a questi livelli. Altro che fair play.

 

Tutto questo ha fatto venire a molti la tentazione di provare qualche esperimento nelle prossime tre partite. La tentazione di far debuttare giovani nel catino di Twickenham è stata subito stoppata dall’ex apertura Ronan O’Gara. “Sono contrario per due motivi – ha detto ROG alla RTÉ – Innanzitutto la maglia della nazionale te la devi guadagnare. Non si fanno tentativi con la maglia verde, non funziona così. Inoltre questa Inghilterra e quello stadio non si prestano a esperimenti”. Difficile dargli torto.

 

di Damiano Vezzosi

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni