La “sua” Parigi e gli attacchi terroristici: parla Sergio Parisse

Il capitano azzurro rilascia una intervista dopo i blitz di venerdì che sono costati la vita a 129 persone

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Una intervista atipica, di quelle che Sergio Parisse non navrebbe mai voluto rilasciare. Ma lui è il giocatore-simbolo dle nostro rugby, il capitano dello Stade Francais, la squadra parigina campione di Francia. Inevitabile che qualcuno gli chiedesse qualcosa degli attacchi terroristici che hanno interessato la capitale transalpina lo scorso venerdì sera. A farlo è l’agenzia di stampa La Presse.
Quando gli si chiede come sta vivendo questi giorni il capitano azzurro risponde netto: “Come chiunque altro, parigino o no, che si trova in questa splendida città. Con disagio, preoccupazione, terrore e rabbia. L’atmosfera è surreale. Io e i miei compagni viviamo questo sconcerto in un ambito di estrema solidarietà. Per quelli francesi credo sia un dolore ancora più grande visto che coinvolge anche i loro parenti e amici”.

 

Gli viene chiesto anche se pensa che lo sport possa avere un ruolo importante: “Certamente sì, lo sport è sempre stato motivo di aggregazione ed identificazione, sia all’interno di una squadra che per i tifosi assumendosi l’onere, e non sempre riuscendoci, di essere d’esempio. Il terrorismo normalmente sceglie di colpire i punti di grande aggregazione come un concerto o una partita. Situazioni di grande spensieratezza, tramite le quali, oltre a raggiungere un grande numero di persone, punta a minare la serenità della gente portandola a non partecipare più a questi eventi di grande socializzazione”.
Poi chiude con una battuta sulle parole di Cavani e David Luiz, calciatori sudamericani del Paris Saint Germain, che hanno detto che potendo “non rientrerebbero” a Parigi: “Pur rispettando la loro opinione – dice Parisse – sentendomi parte integrante di questa città, mi sembrerebbe di tradire il mio amore per lei e tutti i miei amici francesi riconoscendo così la vittoria del terrorismo”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Top 14: seconda giornata tra rossi, infortuni e mete tecniche

Parisse titolare e vincente, Ceccarelli subentrato e sconfitto di poco. Brutto colpo al ginocchio subito da Handrè Pollard

14 Settembre 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top 14: un inizio col botto alla stagione 2020/2021

Subito fuochi d'artificio nel massimo campionato francese: li raccontiamo in parole e numeri

7 Settembre 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Come è andato il weekend degli italiani in Francia?

Gli esiti delle sfide con azzurri impegnati tra Top14 e Elite 1 femenine

7 Settembre 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Tanta Italia sui campi d’élite francese nel weekend, tra uomini e donne

Diversi i nazionali italiani, tra azzurri ed azzurre, in campo tra Top14 ed élite 1

5 Settembre 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Piccola guida al Top 14 2020/2021

Le incertezze, i favori del pronostico, i giocatori da osservare nella nuova stagione del massimo campionato francese

3 Settembre 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top14: Stade Francais-Bordeaux è stata ufficialmente rinviata

La squadra parigina non era in grado di garantire un roster completo per la partita

1 Settembre 2020 Emisfero Nord / Top 14