RWC, McLean ci crede: “L’Irlanda? Possiamo ripetere il 2013”

Il trequarti azzurro è fiducioso in vista della partita di domenica. Parisse, Ghiraldini e Castro hano lavorato a parte

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Le ultime dal ritiro azzurro di Cobham in vista della partita con l’Irlanda di domenica: Sergio Parisse ha lavorato a parte, assieme a Ghiraldini e Castrogiovanni, a parlare è stato invece Luke McLean. Il comunicato FIR

 

Doppia seduta sul campo in mattinata, crioterapia e palestra nel pomeriggio per la Nazionale Italiana Rugby che negli impianti del Cobham RFC, nel Surrey, prepara agli ordini del CT Brunel la partita di domenica all’Olimpico di Londra (16.45 locali, 17.45 diretta Sky Sport 2 e differita MTV dalle 23) contro l’Irlanda.

Per gli Azzurri è il crocevia della Rugby World Cup 2015, con la vittoria che terrebbe aperta la porta dei quarti di finale e la sconfitta che condannerebbe invece l’Italrugby a battere la Romania l’11 ottobre ad Exeter per garantirsi il terzo posto nel girone ed un posto ai Mondiali giapponesi del 2019.

Oggi lavoro a parte per Parisse – rientrato ieri in gruppo dopo l’infortunio di Cardiff – Ghiraldini e Castrogiovanni, mentre il resto della rosa ha svolto regolarmente il piano di allenamenti.

L’attesa per la sfida di domenica cresce ora dopo ora ed oggi, nella conferenza stampa di giornata, è toccato a Luke McLean, uno dei veterani della linea arretrata italiana, offrire il proprio punto di vista sulla gara contro l’armata in verde: “L’Irlanda si presenta da favorita ed è giusto che sia così, ha già conquistato dieci punti e mostrato un grande gioco. Noi per contro abbiamo faticato ad esprimerci secondo i nostri standard. Ma dobbiamo ricordarci tutti che, nel 2013, giocando il nostro miglior rugby, siamo riusciti a batterli. E’ con questo in mente che stiamo preparando il match di domenica: crediamo di poter ripetere quella prestazione e stiamo lavorando per riuscirci”.

Da McLean, che contro l’Irlanda potrebbe conquistare il suo cap numero settantaquattro raggiungendo l’indimenticabile Diego Dominguez, anche analizzato l’importanza del rientro di Parisse: “Siamo felici di riavere Sergio con noi, sappiamo che ha fatto tutto il possibile per esserci ed in queste settimane abbiamo sentito la sua mancanza. Ovviamente spero, per lui e per noi, che possa scendere in campo domenica”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Onrugby Relive: Italia-Georgia, è il match da rivivere nel sabato azzurro

La sfida del novembre 2018, disputata al Franchi, vide la squadra di O'Shea imporsi nettamente sui rivali

22 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Maxime Mbandà “Ho provato sensazioni mai immaginate prima”

Il flanker delle Zebre e della Nazionale racconta la sua lunga esperienza con la Croce Gialla di Parma

21 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

91 anni di Azzurri!

Dal Montjuic di Barcellona all'Olimpico, auguri alla Nazionale italiana di rugby

20 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Cosa ci fa l’Italia (ancora) nel Sei Nazioni?

Dopo l'editoriale del Times che auspica l'uscita dell'Italia dal Torneo abbiamo provato a fare un'analisi sul perché sia una cosa senza senso per tutt...

18 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Cosa fanno oggi gli azzurri del XV ideale dell’epoca Sei Nazioni?

Solo 5 sono ancora in attività. Per gli altri una nuova carriera

17 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Come gioca l’Italia di Franco Smith

Una analisi del gioco d'attacco degli Azzurri, sulla base delle tre gare giocate nel Sei Nazioni 2020

17 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale