Nuova Zelanda: quando il razzismo entra sul campo da rugby

Dal paese kiwi arriva uno spiacevole episodio su cui stanno indagando le autorità

COMMENTI DEI LETTORI
  1. mezeena10 1 Agosto 2015, 10:29

    precisazione: Aca gioca col Christchurch Club, gli insulti provenivano da un solo tifoso della Lincoln University..giocavano a Rugby Park..
    un padre di 2 ragazzini ha sentito chiaramente l’ insulto e ha testimoniato in favore di Aca..
    l’ insulto è il peggiore che si possa fare ad una persona di colore, “f…in’ black c..t”..
    da animali, con tutto il rispetto per gli animali!
    il colpevole gia identificato e presto sarà esposto al pubblico ludibrio, fortunatamente!

  2. mezeena10 1 Agosto 2015, 10:35

    peggio l’ insulto rivolto da un ex giocatore di league australiano, tale Billy Moore, che ha detto che i Warriors, nonostante l’ assenza di S. Johnson, la squadra NZ avrebbe comunque giocato il suo “coconut style”..
    “Warriors ‘play that coconut style, Polynesian sort of football”..razzismo strisciante, da redneck ozzie..
    ma forse sarebbe meglio pensare al razzismo di casa nostra..o no?
    ps saluti alla conventicola, continuero a seguirvi!
    buone vacanze!!!
    #frangiarumorosa
    #frangiaindirezioneostinataecontraria
    #frangiaalmare

    • venezuela 1 Agosto 2015, 10:53

      Dai @mez che abbiamo capito che ti serviva una buona scusa per passare piu’ tempo al mare in attesa della vendemmia… 🙂
      Buone vacanze!

      • mezeena10 1 Agosto 2015, 11:09

        per te rispondo dai..
        ti ringrazio e ricambio! un abbraccio! 🙂

    • Schwalger 1 Agosto 2015, 12:14

      Umberto Casellato su rai sport commentando romasevens 3/4 anni fa disse qualcosa del tipo, sono molto bravi, sono abituati a giocare con le noci di cocco/ crescono giocando con le noci di cocco… (parlava della squadra British Army se nn ricordo male, dove ci sono molti giocatori originari del sud pacifico) ma si capiva che era un complimento, che nn c’era nessun intento di denigrare… forse questo politicamente corretto è una gran bufala… tra un po’ ci indigneremo se diranno: gli italiani? mangiano la pizza…

      • And 1 Agosto 2015, 12:23

        l’ha detto Munari non so quante volte nelle sue telecronache ridacchiando questa cosa delle noci di cocco

      • mezeena10 1 Agosto 2015, 12:30

        se dicessero gli italiani giocano col loro tipico stile mafioso???

        • mezeena10 1 Agosto 2015, 12:36

          e coconut non significa “giocare con le noci di cocco”!!!
          è un insulto razzista!

          • Schwalger 1 Agosto 2015, 12:51

            nn difendo l’episodio specifico… dico che la schiera di moralisti che campa sulla pochezza dialettica e scarsa sensibilità umana di chi apre bocca senza rendersi conto di dire una cosa stupida è francamente patetica e sanctimonious (nn so come si dice in italiano)…

          • xnebiax 1 Agosto 2015, 12:54

            ha ragione mez

          • Schwalger 1 Agosto 2015, 13:13

            è un sostantivo aggettivato riferito ad uno stile di gioco… girando per il mondo molte persone mi parlano di come gli australiani siano razzisti… a volte ho sentito dire “gli australiani sono più razzisti dei neozelandesi”… io nn lo so e nn penso che certe cose siano misurabili… il tizio nel video ha sicuramente detto una porcata… ma che ne trai fuori una conclusione come “razzismo strisciante, da redneck ozzie..” estendendole oltre il tizio ad altri redneck mi sembra il tipo di generalizzazione che porta ai pregiudizi e a commenti stupidi e anch’essi un po razzisti… ho detto la mia.. nn voglio offendere nessuno… se l’ho fatto chiedo scusa…

          • venezuela 1 Agosto 2015, 14:27

            @Schwalger quindi ad esempio cio’ che disse il gran capo del calcio italiano Tavecchio secondo te’ fu solo una pessima battuta??? Visto che tra l’altro molti dei presenti ridacchiavano…

          • Schwalger 1 Agosto 2015, 15:17

            @ venezuela nn conosco l’episodio… un anno fa mi è finita sulla home di facebook una foto con balotelli in un campo di pomodori postato da un gruppo di notizie al quale era iscritta una mia amica… chiesi a facebook di rimuoverla.. i moderatori mi hanno risposto che nn costituiva un insulto razzista… sono rimasto basito…

          • Schwalger 1 Agosto 2015, 15:25

            però se tavecchio che da quanto desumo dal tuo post deve essere il presidente della figc ha detto quello che ha detto e gli altri ridacchiavano, dimostra di appartenere ad una generazione che nn sa che questi tipi di epiteti costituiscono razzismo… ha detto una cosa razzista e in quanto capo della figc si deve dimettere punto… intervenga il governo.. ti sembrerà strano quello che ho scritto ma da due anni vivo in quasi totale isolamento mediatico… leggo questo blog ogni tanto e theroar… qualche volta l’app dello spiegel… dopo la faccenda dello spread mi sono semplicemente stufato di dovermi subire una doccia di immondizia da un mondo dell’informazione totalmente asservito… nn accendo la tv da due anni…

          • venezuela 1 Agosto 2015, 16:11

            Se il tuo isolamento mediatico ti permette di schivare tali schifezze probabilmente hai ragione tu…

    • 6nazioni 1 Agosto 2015, 12:19

      mez x caso ti sei svegliato con il piede sinistro questa mattina……
      comunque salutami il mare piu’ bello del mondo.
      #ppct

  3. Maury7 1 Agosto 2015, 11:38

    Niente di nuovo,solo che spesso quando queste cose succedono non fanno notizia

    • Camoto 1 Agosto 2015, 12:10

      Concordo e in Italia possiamo insegnare poco, l’unica differenza è che da noi difficilmente si traduce in atti di violenza, ma l’allerta è massima.

      • Maury7 1 Agosto 2015, 14:06

        Ricevere insulti razzisti è una cosa che mi capita spesso,mi è successo in Sudafrica quando mi dicevano che non volevano che partecipassi alle competizioni di rugby perchè ero un bianco straniero.
        E mi sta succedendo ora negli USA nel football con i procuratori che mi danno dell’italiano mafioso perchè rifiuto di offrire contratti quando mi offrono giocatori col comportamento dubbio e con passati poco limpidi.
        In Sudafrica ci sono state parecchie aggressioni di sfondo razzista nel rugby ma i media non ne hanno mai parlato

  4. Iocopoco-Maioco 1 Agosto 2015, 14:18

    propri in questo periodo in Australia Adam Goodes ( uno dei piu` grandi giocatori di aussie rules in circolazione! attualmente ai Sydney Swans mi pare) e` stato fischiato ripetutamente in diversi match per il fatto di essere aborigeno, era inoltre stato chiamato “monkey” da una ragazzina che ovviamente nn sapeva cosa volesse dire causa la giovane eta`. questi avvenimenti hanno sollevato grandi polemiche e dibattiti sulla questione degli aborigeni in australia che ancora nn vengono riconosciuti nella costituzione; proprio questo e` una delle lotte che Goodes sta portando avanti al di fuori del campo. dico questo per far capire come praticamente ogni paese abbia una parte della popolazione e mentalita` culturale in se` di sfondo razzista, che sia contro aborigeni, persone di colore, romeni, italiani, meridionali, ecc. e che bisognerebbe quindi riflettere come sia possibile come succedano ancora queste cose!! colpa la hanno sicuramente i mass media che nn fanno altro che manipolare e distorcere la realta`;per ragioni politiche ed altro; inculcandoci finte paure e inducendoci a categorizzare e quindi colpevolizzare alcune comunita` e culture diverse della nostra poverta` o malessere, in modo da farci spostare l’attenzione su altre cose invece di vedere dove stanno veramente i problemi.

    • Schwalger 1 Agosto 2015, 14:44

      grazie per la segnalazione… aussie rules non lo seguo…. su wikipedia è riportata tutta la cosa… vi invito a leggerla… se si presume che l’altro voglia insultare, ogni gesto ogni parola può essere interpretata come un insulto… mi riferisco al gesto mimato…

      • Camoto 1 Agosto 2015, 15:25

        Schwalger, il politically correct è importante nella diffusione di massa. Per farti capire, pensa se ti giudico nazista solo perché il tuo nick mi ricorda il tedesco.
        Quando la finiremo di associare un aggettivo ad un popolo, etnia o semplicemente un paese avremmo fatto non 1 ma 10 passi avanti.
        Citare poi l’esempio di chi si allena con le noci di cocco, o per essere più vicini a noi di chi diventa calciatore giocando nei vicoli di Bari Vecchia è un paragone diverso, qui parliamo di fatti e di come uno sport è così radicato nel territorio da arrivare ad arrangiarsi quando non si hanno i mezzi economici per iscriversi in qualche club. Non voglio polemizzarti ma ci tengo a far capire che alcune dinamiche che sembrano innocenti nascondono mille trappole nelle libere interpretazioni.

        • Schwalger 1 Agosto 2015, 15:36

          il mio nick è una dedica a mahonri schwalger (samoa è stata per un periodo una colonia tedesca)… pensavo fosse chiaro…;) ne possiamo discuterne fino allo svenimento… per me vale la regola: hai detto una schifezza, non fa onore alla tua intelligenza, ma nn estendo la definizione di razzista a lui o al suo “gruppo di appartenenza”/nazionalità/ paese ecc ecc… chi nn capisce perchè chiamare una persona “ape” è sbagliato nn merita di insozzare la reputazione di chi gli sta, per loro sfortuna, vicino…. live long and prosper…

          • Schwalger 1 Agosto 2015, 16:02

            scusami se mi permetto ma quel “per farti capire” è un po’ “patronising”… ahahhah culture diverse,sensibilità diverse…
            conosci la legge di godwin? 😉
            ciao

          • Iocopoco-Maioco 1 Agosto 2015, 16:10

            secondo me noi tutti viviamo in una societa` razzista, nn solo nei commenti e azioni di alcune persone, ma anche dalle politiche che adottano i paesi nei confronti ad esempio dei richiedenti asilo o nelle condizioni di vita di coloro che sono costretti in campi di detenzione, o come in italia degli zingari o rom che sono a tutti gli effetti cittadini italiani ma che vengono pero` costretti a vivere nei “campi rom”…e quindi mi sembra senza senso e anche stupido dire che gli australiani sono piu` razzisti dei neozelandesi o qualsiasi altra cosa. gli srereotipi stessi, che a molte persone possono far ridere sono strumenti razziali con lo scopo di categorizzarci e classificarci. perquanto mi riguarda trovo sbagliato anche i confini geografici tra i paesi!! ma va be nn voglio entrare in altre discussioni…

          • Camoto 1 Agosto 2015, 16:18

            Lo Schwalger l’avevo cercato su internet prima di rispondere. Volevo solo farti capire di come l’ignoranza può influire in maniera negativa e questo era esattamente il mio caso. Contento per la tua cultura, certo che partendo dal razzismo per arrivare al nazismo il passo è molto breve, senza scomodare godwin e in altri post non mi sembra sia mai stato mai menzionato. Comunque sembra che i principi di cui parliamo siano gli stessi. E’ razzista l’accostare aggettivi a popolazioni.

          • Camoto 1 Agosto 2015, 16:23

            @Iocopoco-mapoco non è questo il blog adatto ma tutto quello che hai detto è identico a quello che penso. Scusa agli altri utenti per la divagazione.

  5. Schwalger 1 Agosto 2015, 16:21

    @Iocopoco… x i Roma nn so che dire… vedere bambini di 6 anni che mendicano nella metro invece di andare a scuola è una cosa che spezza il cuore… ma è un discorso talmente complesso che nn presumo di avere ne le capacità intellettuali ne le conoscenza per poterlo affrontare….

  6. Schwalger 1 Agosto 2015, 17:01

    tornando al policamente corretto e perchè secondo me certe volte sia un’esagerazione…
    Iocopoco-maioco è un gioco di parole simpatico che fa leva sul fatto che richiama un ipotetico giocatore giapponese… nessuno di noi lo trova offensivo… magari però lo potrebbe essere per un giapponese che legge questo blog… se questo lettore conoscesse quello che scrive l’utente Iocopoco-maioco capirebbe subito che nn vi è intesa nessuna offesa al popolo giapponese… però ad una interpretazione letterale del politicamente corretto il suono iocopoco-maioco costituisce una caratterizzazione denigratoria della lingua giapponese… ditemi voi dove è il confine…
    altro esempio: sono un grande fan dello show the Sopranos, semplicemente grandioso, james gandolfini era un attore eccezionale, la story-line è di livello altissimo, nn mi sono mai sentito dal fatto che tony soprano e compagnia sono di origine italiana… lo show in italia però nn ha riscosso successo, il doppiaggio è una ciofeca e la ricezione è stata: solita parodia degli italianimafiosi.. almeno una volta l’anno mi risparo i blu-ray

    • Iocopoco-Maioco 1 Agosto 2015, 17:39

      Ciao Schwalger, hai ragione, il mio nome utente nasce da un gioco di parole, pero` dire che denigra la lingua giapponese mi sembra un po` eccessivo…pero` capisco quello che vuoi dire, nn ci avevo pensato onestamente…e me ne dispiaccio se ho causato offese o imbarazzo a qualcuno

    • Camoto 1 Agosto 2015, 18:09

      Hai ragione, non esistendo un confine netto cmq prefersico evitare a priori.
      Ah dimenticavo, benvenuto (visto che razzista non sei) e ci si sente ai prossimi post sul rugby.

Lascia un commento

item-thumbnail

Leinster verso la finale di Champions, Cullen: “Siamo un’altra squadra rispetto alle finali perse con La Rochelle”

Per la terza volta consecutiva la franchigia irlandese arriva all'ultimo atto, e secondo il tecnico stavolta può finire diversamente

20 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Galles, altri guai per Gatland: Anscombe rifiuta la convocazione e Sheedy si fa male di nuovo

Il tecnico dovrà sfidare Sudafrica e Australia con una mediana ridotta all'osso

item-thumbnail

Video: lo avevate mai visto un placcaggio di 20 metri?

Il povero mediano dei mischia dell'Hoerskool Goudveld ha ricevuto un trattamento che difficilmente dimenticherà, e il video fa quasi mezzo milione di ...

20 Maggio 2024 Foto e video
item-thumbnail

Jasper Wiese “pianta” Ross Vintcent, viene espulso e ora rischia di saltare Sudafrica-Irlanda

Il terza linea sudafricano potrebbe ricevere una squalifica che gli impedirebbe di disputare il doppio match più atteso dell'anno

item-thumbnail

All Blacks, Sam Cane: “Non sono un giocatore finito”

Il flanker manifesta la sua gran voglia di finire la propria carriera internazionale al meglio

item-thumbnail

Benetton, Marco Zanon: “Torniamo dal Sudafrica con in tasca qualcosa di importante”

Il centro della franchigia biancoverde fa il bilancio della tournée e della gara di sabato con i Bulls