Test-match: Samoa-All Blacks, una zanzara mette a rischio la storica sfida?

Nell’arcipelago del pacifico si registrano casi di chikungunya, un virus provocato da una zanzara

chikungunya

Come è noto il prossimo 8 luglio gli All Blackes torneranno a giocare contro una squadra del Pacifico e per la prima volta nella loro storia scenderanno in campo ad Apia, cpitale delle Samoa. Una partita storica a cui si è giunti dopo lunghissime trattative e non poche polemiche da parte delle federazioni dell’area, che da tempo accusno la NZRU di snobbarle per andare a invece a giocre in mercati più ricchi come gli USA e il Giappone, anche se gran parte dei tuttineri sono originari o hanno i genitori che sono nati tra Fiji, Tonga e appunto Samoa.
Sulla partita però si forma un nuvolone da non sottovalutare, un nuvolone che si chiama chikungunya. Non è un scioglilingua, ma il nome di un virus influenzale piuttoso grave che viene trasmesso da un paticolare tipo di zanzare, presente anche a Samoa e che dallo scorso luglio ha causato nel paese circa 400 casi.

 

“La chikungunya è una malattia virale caratterizzata da febbre acuta e trasmessa dalla puntura di zanzare infette. (…) Dopo un periodo di incubazione di 3-12 giorni, si manifesta una sintomatologia simil-influenzale che include febbre alta, brividi, cefalea, nausea, vomito e soprattutto importanti artralgie (da cui deriva il nome chikungunya, che in lingua swahili significa “ciò che curva” o “contorce”), tali da limitare molto i movimenti dei pazienti che quindi tendono a rimanere assolutamente immobili e assumere posizioni antalgiche.
Si può sviluppare anche un esantema maculopapulare pruriginoso. Il tutto si risolve spontaneamente, in genere in pochi giorni, ma i dolori articolari possono persistere anche per mesi”. Così definisce il virus il Centro Nazionale di Epidemiologia dell’Istituto Superiore di Sanità. Non il massimo convererete in sensenso assoluto, a maggior ragione se due mesi dopo ci sono i Mondiali.
La NZRU fa sapere che sta monitorando la situazione e che si stanno studiando interventi e correttivi. La partita al momento non è a rischio ma la federazione neozelandese vorrà garanzie.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

I primi convocati dell’Inghilterra per il raduno di preparazione ai Test Match estivi

Sette esordienti per Steve Borthwick, privo degli atleti impegnati nelle semifinali di Premiership

item-thumbnail

Springboks e All Blacks: l’idea di due tour completi fra Sudafrica e Nuova Zelanda

Le nazionali più titolate del mondo stanno cercando un accordo per il futuro

item-thumbnail

Test Match estivi: l’Inghilterra perde una pedina importante per il tour in Giappone e Nuova Zelanda

Steve Borthwick affronterà gli impegni di giugno e luglio con alcune assenze di rilievo

item-thumbnail

Gatland ha rivelato che c’è “una porta aperta per il ritorno di George North in Nazionale”

Il tecnico ha detto che valuterà le condizioni della leggenda gallese, che potrebbe concedersi un'altra "Last Dance" dopo il finale deludente di Cardi...

item-thumbnail

Sudafrica, Rassie Erasmus: “Pronti a ripartire. Ci attende un 2024 intenso”

Il tecnico degli Springboks carica i suoi in vista di un calendario fitto di impegni

item-thumbnail

Anche Hugo Keenan verso il Sevens olimpico

L'irlandese si unisce al già nutrito contingente di giocatori che passano temporaneamente al rugby a sette