Sei Nazioni 2015: da Edimburgo torna un’Italia con tanta testa

Quella contro la Scozia è una vittoria molto importante, ottenuta da un gruppo che non si è mai lasciato andare

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Cuore e palle. Non ha usato giri di parole capitan Parisse nei minuti immediatamente successivi al fischio finale di Murrayfield per descrivere la vittoria azzurra sulla Scozia. E ha ragione da vendere. Il terza linea che tutti ci invidiano – è in uno stato psicofisico straordinario – ha però dimenticato un terzo ingrediente che è stato fondamentale sul prato di Edimburgo: la testa.
L’Italia vista ieri non ha mai perso calma e concentrazione, una squadra che sapeva cosa voleva e come ottenerlo. I primi 10-15 minuti sono stati di quelli che facevano presagire il peggio, con tanti errori e falli (il primo concesso dopo soli 20 secondi di gioco) e una Scozia che sembrava davvero in palla. Eppure anche lì l’Italia non ha mai perso il filo della matassa e con pazienza e un po’ di fortuna ha rimesso in piedi la partita. Un’immagine su tutte: Furno che entra lanciato a dieci dalla fine ma forte dei sostegni e dell’efficacia della nostra cassaforte si gira prima del contatto per impostare una moul che ci porterà a cinque dalla meta.
Nel secondo tempo la Banda Brunel, anche nella fase centrale in cui ha più sofferto, ha tenuto quasi sempre in mano le redini del gioco e non si è fatta mai abbattere. Testa, tanta testa. Un gruppo che ha reagito con la giusta calma e determinazione quando a una manciata di minuti dalla fine ha visto assegnarsi un calcio contro quando era a un passo dalla linea bianca. Capace di rimettersi subito a ricucire e ricostruire fino ad ottenere quella meta tecnica che poteva essere concessa già qualche azione prima (bellissima la definizione di Brunel di quel momento: “lì ci siamo tutti un po’ “incassati” ). Cuore, palle e testa.

 

Cose da sistemare non ne mancano ma ora le restanti due gare del torneo – Galles e Francia, entrambe a Roma – le possiamo giocare con meno apprensione visto che il rischio cucchiaio di legno ce lo siamo messi alle spalle e allontanato il rischio di un sorpasso nel ranking da parte della Georgia (che ha vinto a Madrid 26 a 13 contro la Spagna), evidenzia quest’ultima magari temporanea e non gravissima ma che avrebbe pesato davvero tanto sul gruppo e sull’atmosfera. E a proposito di Georgia (o chi per essa), Parisse l’ha detto chiaro e tondo:  “Abbiamo dimostrato che nel Sei Nazioni ci stiamo a pieno titolo”, ha dichiarato il capitano azzurro a Tuttosport.
Torniamo da Edimburgo con una vittoria molto pesante, meritata, che dà tantissimo morale e qualche certezza in più, un’ affermazione di cui avevamo grande bisogno. Un patrimonio da non disperdere ma nemmeno da sopravvalutare. Ma siamo sicuri che Ghiraldini, Brunel, Parisse e compagni terranno i piedi ben saldi per terra.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Kieran Crowley e lo staff della Nazionale in visita alle Fiamme Oro

Il tecnico azzurro è andato a trovare, insieme agli assistenti e non solo, il club capitolino

22 Settembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Kieran Crowley e lo staff della Nazionale ospiti del Colorno

Dopo due società emiliane, lo stato maggiore del rugby azzurro è passato da Colorno per lavorare assieme allo staff tecnico biancorosso

16 Settembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: Le partite dell’Italia andranno in diretta in chiaro

Una bella notizia per tutti gli appassionati, resta solo da capire quale sarà la rete che le trasmetterà

30 Agosto 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia verso l’autunno: chi a 10 se si gioca il 30 ottobre?

Paolo Garbisi e Tommaso Allan non ci saranno se si giocherà fuori dalla finestra internazionale

20 Agosto 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Ange Capuozzo a OnRugby: «Ho due sogni: la nazionale e il Top14»

L'estremo italo-francese si racconta a OnRugby, tra il sogno della nazionale azzurra e l'obiettivo della promozione in Top14.

3 Agosto 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italrugby: gli Azzurri restano senza sponsor di maglia

Il main sponsor della nazionale esercitando il diritto di recesso ha scelto di non rinnovare il contratto con FIR

22 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale