Padua Ragusa, niente da fare a Colleferro

I siciliani provano l’impresa giocando un rugby tutto cuore ma un cinico Colleferro chiude i conti con 5 mete

Colleferro Ragusa Il Padua Ragusa si dimostra più squadra di quanto non avesse fatto l’ultima volta che giocò al Natali nello scorso campionato giustificando cosi i timori delle settimane scorse. D’altro canto un Colleferro in formazione rimaneggiatissima (infermeria solo posti in piedi…) gioca il match in maniera cinica controllando quando necessario, accelerando però nei momenti chiave della partita. In fondo al 80simo contiamo 5 mete a 2 per i rossoneri. Di Cui due di Olleia (MoM) e due dell’argentino Resta in grande spolvero, una di Matteo Cerquozzi. Il campo decisamente pesante, non ha aiutato il gioco alla mano che predilige il Colleferro. Ma l’apertura Merli e il mediano Resta hanno usato bene i piedi per tenere alta la squadra e allontanare la pressione del Ragusa molto aggressivo in salita difensiva. Qualche problema in touche da parte dei padroni di casa (4 perse su proprio lancio) perfetta la mischia chiusa che ,nonostante assenze importanti ( Papaianni, Cellini, Marocco), ha mantenuto intatta la tradizionale capacità di combattività anche in gioco aperto.

La Cronaca:
La prima segnatura arriva al 7’ da parte di Olleia bravo a sfruttare fino in fondo un drive da touche. Trasforma Merli per il 7 a 0. Il Ragusa torna nella metà campo avversaria e porta a casa 3 punti (Iacono) per entrata laterale su break down. 7 a 3 al 11’.
Al 21’ è il Ragusa che commette fallo da posizione favorevole per Merli che centra i pali per il 10 a 3.
Il ritmo blando del Colleferro subisce un’improvvisa accelerazione dal 28’ minuto. Drive da touche di 30 metri del Colleferro che arriva a poco dalla meta. Il Padua alza le barricate e resiste a 4 pick &go. E’ Resta poi che approfitta del martellamento dei suoi 8 percussori attaccando il canale vicino per la meta del 17 a 3 (tr Merli) . E` ancora il folletto argentino che da mischia chiusa decide di fare tutto da solo segnando al 35’ la meta del 22 a 3 che chiude il primo tempo. Durante l’intervallo German Greco, coach ragusano, striglia i suoi e cambia molti dei suoi. Ma al 64’ del secondo tempo è ancora Olleia che sfonda di prepotenza la barricata siciliana dopo un buco di Resta nella difesa avversaria ed una quarantina di metri conquistati. Trasforma Merli per il 29 a 3. La partita sembra chiusa con la meta del bonus… sembra ma non è così. Sul successivo calcio di rimessa da centrocampo il Colleferro sembra rilassarsi troppo e il pallone viene recuperato da Muccio (subentrato a Tumino nel secondo tempo) che sostenuto da Modica offre l’ovale a Valenti. Al ragusano non resta che correre libero fino alla meta con i rossoneri sorpresi dal guizzo (29 a 10 con la trasformazione di Iacono) . Due minuti dopo è lo stesso Muccio che sfrutta una salita difensiva davvero poco efficace del Colleferro segnando la meta del 29 a 17 (Tr. Iacono). Siamo al 70’ e il Padua comincia a pensare alla terza meta che regalerebbe loro il punto di bonus. Ma il Colleferro ferito nell’orgoglio riparte subito forte e da una mischia chiusa la palla vola fino a Resta che per l’occasione schierato all’ala viene fermato a un metro dalla meta. Centofanti smista per Cerquozzi che in volo segna la quinta meta che chiude definitivamente i giochi per il conclusivo 34 a 17.

Formazione Colleferro Rugby 1965:

15) Cerquozzi, 14) Stefanucci (dal 74’ Centofanti) , 13) Giusti, 12) Padovese (dal 56’ Della Vecchia), 11) Sabellico (dal 75’ Massimi), 10) Merli, 9) Resta, 8) Massicci, 7) Turriziani, 6) Battisti (dal 74’ Baglione) , 5) Giannelli, 4 ) Olleia (dal 53’ De Maggi) , 3) Proietti (dal 46’ Baroni) , 2) Ascenzi (dal 75’ Ponziani) , 1) Leo (Capitano)
All. Roselli, Maciocia

Formazione Padua Ragusa:
15) Iacono (Capitano), 14) Tumino, 13) Cappa, 12) Iacono S., 11) Iacono P, 10) Modica, 9) Valenti, 8), Digrandi, 7), Iacono C., 6), Stracquadanio, 5) ,Carbonaro, 4) Vona, 3), Bellio , 2) Di Mauro, 1) Campanella. Dal 41’ entrano: G Tumino, A. Modica, Muccio, Graozzo, Lo presti, Russo per Bellio, Tumino Gianluca, Stracquadanio, Carbonaro, Vona, Di Grandi

Cartellini gialli : al 72’ De Maggi (Colleferro), Lo Presti (Padua Ragusa)
Arbitro : signor Lasagni di Arezzo.
Spettatori : 400.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Una giovane atleta della Partenope Rugby scelta come mascotte di Land Rover Italia alla RWC 2015

Giusy Ambrosio il prossimo 4 ottobre volerà a Londra per assistere a Italia-Irlanda

6 luglio 2015 Club
item-thumbnail

A scuola di rugby e di valori con un maestro d’eccezione: Diego Dominguez

Concluso il Gruppo Mediobanca Rugby Camp, lunedì inizia il Diego Dominguez Rugby Camp

4 luglio 2015 Club
item-thumbnail

Land Rover Cup: Domenica 21 a Roma seconda tappa del torneo Under 12

Dopo il successo di Padova nuovo appuntamento sul campo della Capitolina

16 giugno 2015 Club
item-thumbnail

ASD Rugby Sambuceto 2008 cerca tecnici per la stagione 2015/2016

La società abruzzese attende candidature

28 maggio 2015 Club
item-thumbnail

Land Rover Cup: domenica a Padova in campo le under-12 venete

Si replica domenica 21 giugno a Roma alla Capitolina

27 maggio 2015 Club
item-thumbnail

Torneo old Maledetti Toscani: scendono in campo agonismo e goliardia

Appuntamento sabato 16 allo stadio Chersoni di Iolo

12 maggio 2015 Club