Cose azzurre: i dolori del giovane Tommaso Allan

L’apertura è tornata al club. Sui “perché” tecnici non discutiamo, ma forse era meglio tenerlo nel gruppo

ph. Sebastiano Pessina

Sull’esclusione di Tommaso Allan non entreremo nel merito tecnico: c’è un ct preparato che con il suo staff ha ritenuto più adatti alla bisogna della sfida contro il Sudafrica (ma anche contro Argentina e Samoa) il neo-arrivato Kelly Haimona e l’esperto Luciano Orquera. Potremmo rimanere qui a lungo a discutere dei pro e dei contro di una simile scelta sul piano sportivo ma rispettiamo in maniera totale una decisione più che legittima presa dalle persone che hanno questo tipo di compito. Allan ha delle caratteristiche, Haimona altre e Orquera ne ha di diverse, Jacques Brunel le conosce meglio di noi e ha fatto una scelta. Chi dice che bisogna non convocare Orquera perché “vecchio” non ci trova concorde, così come non pensiamo che qualcun altro debba vestire l’azzurro solo perché la carta d’idantità è più benevola con lui che con altri. Queste sono sciocchezze.
Allan, Haimona e Orquera – in rigoroso ordine alfabetico – sono oggi in maniera indiscutibile le nostre tre migliori e più “formate” opzioni per vestire la maglia numero 10. Non ci pare che Brunel stia lasciando a casa un Dan Carter o un Jonathan Sexton. Tra quei tre fa le sue scelte, poi il campo darà le risposte (basta solo pensare alle critiche e ai dubbi che hanno accompagnato un mese fa la convocazione di Haimona, che oggi nessuno mette più in discussione).

 

Però c’è una cosa che non ci piace e non capiamo del tutto, ovvero il fatto che Allan sia stato fatto lasciar andare già il mercoledì. Non siamo magari dei fini psicologi ma stiamo parlando di un ragazzo che sa benissimo che uno dei motivi principali della sua prima convocazione è che nel suo ruolo la nazionale era in grande difficoltà; che è perfettamente conscio che il suo processo formativo tecnico, fisico e mentale è tutt’altro dall’essere concluso; che la sua maturazione completa è ancora là da venire. Motivi questi che rendono l’esclusione di Robert Barbieri meno pesante in termini di prospettiva futura. Mantenerlo nel gruppo e sì, magari mandarlo poi anche in tribuna, sarebbe stato importante. 
Tommaso Allan poco più di un anno fa veniva “strappato” alla Scozia, dodici mesi dopo ha vissuto un mese di test-match (importantissimo in chiave RWC) dalla tribuna quando gli è andata bene, senza mettere nemmeno un minuto di partita nelle gambe. Non viene magari messo alla porta ma di sicuro ora seduto in salotto sulla poltrona buona c’è qualcun altro e forse lui nella stanza che conta non c’è nemmeno più. Magari il Perpignan ha fatto il diavolo a quattro per riavere il suo giocatore (nel fine settimana giocherà contro il Pau capolista), e probabilmente gli accordi tra FIR e LNR prevedono che in caso di non utilizzo un giocatore venga rimandato alla sua società. Ma non è che la cosa ci convinca più di tanto. Intanto questa pratica con Benetton Treviso e Zebre – che pure giocano – non viene applicata né oggi né lo è stata in passato. E poi se si vogliono trovare delle “scuse” per tenere un atleta nel gruppo non è così impossibile farlo. Anzi.
Una vicenda di questo genere è di quelle che possono segnare un giocatore ancora in crescita e che compirà 22 anni solo il prossimo aprile. Un mese così, con un epilogo certo non dei migliori per il ragazzo, potrebbe nel tempo renderlo anche più forte caratterialmente. Oppure stenderlo, come è capitato ad altri. Il tempo ci dirà di che pasta è fatto Tommy, che certo non sparisce dai radar della nazionale. Però noi lo avremmo tenuto nel gruppo.

 

Il Grillotalpa

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

I convocati dell’Italia per il tour estivo contro Samoa, Tonga e Giappone

Quesada taglia 6 giocatori, conferma 4 esordienti e inserisce un 34esimo uomo tra gli invitati

13 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: chi andrà al tour estivo? Il borsino dei pre-convocati

Il c.t. Quesada dovrà tagliare 6 giocatori prima della partenza per il Pacifico: ecco la situazione ruolo per ruolo

9 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, una lista che guarda avanti. Ma il futuro può essere adesso

Qualcuna delle facce nuove della lista allargata della nazionale potrebbe avere subito un'opportunità

8 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Chi è Loris Zarantonello, il nuovo tallonatore dell’Italia

Gonzalo Quesada ha convocato un nuovo numero 2, proveniente dalla Francia ma di origini italiane: gioca nel Castres, il suo idolo è Camille Chat ma di...

7 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, otto esordienti in lista: l’identikit dei nuovi Azzurri

Chi sono gli uncapped inclusi da Gonzalo Quesada nella prima lista di nomi in vista del tour estivo

7 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: 39 pre-convocati per preparare i test match estivi

Diverse novità in un gruppo che dovrà essere ristretto a 33 unità e sul quale gravano gli impegni dei club

7 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale