Un paio di ko per aiutare il Mondiale All Blacks, parola di Graham Henry

Per il ct campione del mondo “una o due sconfitte aiuterebbero la causa neozelandese” in chiave iridata. E difende Dan Carter

ph. Sebastiano Pessina

“Il record casalingo è salvo, ora occhi puntati al Rugby Championship e alla imbattibilità che dura da ben 21 partite. Eppure, una sconfitta non ci starebbe male. Meglio ora che tra 12 mesi”. Terminava così l’articolo sugli All Blacks scritto dalla nostra Melita Martorana dopo la vittoria dei tuttineri sul Sudafrica nell’ultimo turno di Rugby Championship.
Ora a darle man forte arriva nientemeno che Graham Henry, il ct che nel 2011 ha riportato il titolo mondiale nella terra dei Maori dopo 24 anni di attesa che alla stampa neozelandese ha detto che “una sconfitta, o anche due, prima della RWC aiuterebbe la causa degli All Blacks”.
Il tecnico ha poi “difeso” Dan Carter, visto che in Nuova Zelanda non sono pochi quelli che ormai vorrebbero titolare inamovibile Aaron Crude, a prescindere dallo stato di salute dell’apertura dei Crusaders: “Se Dan sta bene non ho dubbi, scelgo lui”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Inghilterra: Eddie Jones prolunga il suo contratto fino al 2023

Con un record di vittorie eccezionale, Jones si è guadagnato la conferma fino alla prossima Coppa del Mondo

item-thumbnail

World Rugby: i tour estivi restano in bilico

Lo ha chiarito Bernard Laporte, presidente della federazione francese

item-thumbnail

Scozia: Finn Russell e Gregor Townsend, prove di disgelo

L'apertura potrebbe tornare in nazionale. I rapporti col tecnico stanno migliorando

item-thumbnail

Il rugby può rinunciare ai test match di novembre?

Raelene Castle, CEO della federazione aussie, dice che si potrebbe pensare di chiudere il Super Rugby e giocare il Championship, evitando di venire in...

item-thumbnail

British & Irish Lions 2021: si pensa a una modifica del calendario nel tour in Sudafrica

Per gli organizzatori dell'evento c'è un must necessario: non sovrapporsi alla programmazione olimpica di Tokyo 2021