Un paio di ko per aiutare il Mondiale All Blacks, parola di Graham Henry

Per il ct campione del mondo “una o due sconfitte aiuterebbero la causa neozelandese” in chiave iridata. E difende Dan Carter

ph. Sebastiano Pessina

“Il record casalingo è salvo, ora occhi puntati al Rugby Championship e alla imbattibilità che dura da ben 21 partite. Eppure, una sconfitta non ci starebbe male. Meglio ora che tra 12 mesi”. Terminava così l’articolo sugli All Blacks scritto dalla nostra Melita Martorana dopo la vittoria dei tuttineri sul Sudafrica nell’ultimo turno di Rugby Championship.
Ora a darle man forte arriva nientemeno che Graham Henry, il ct che nel 2011 ha riportato il titolo mondiale nella terra dei Maori dopo 24 anni di attesa che alla stampa neozelandese ha detto che “una sconfitta, o anche due, prima della RWC aiuterebbe la causa degli All Blacks”.
Il tecnico ha poi “difeso” Dan Carter, visto che in Nuova Zelanda non sono pochi quelli che ormai vorrebbero titolare inamovibile Aaron Crude, a prescindere dallo stato di salute dell’apertura dei Crusaders: “Se Dan sta bene non ho dubbi, scelgo lui”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

British & Irish Lions: fra il pareggio con gli All Blacks e l’incertezza degli Springboks

La selezione d'Oltremanica ricorda lo storico match provando a proiettarsi verso l'anno prossimo

item-thumbnail

E se Hoskins Sotutu giocasse con l’Inghilterra?

Scopriamo perchè e come il fenomeno dei Blues potrebbe vestire la maglia numero 8 della squadra di Eddie Jones

item-thumbnail

“Non canterò più Swing Low, Sweet Chariot “, lo dice il CEO della Federazione Inglese

In Inghilterra continua a far discutere il canto dei tifosi della Nazionale della Rosa

item-thumbnail

Francia: Galthié svela alcuni retroscena del ritiro internazionale di Jefferson Poirot

Il ct della nazionale transalpina offre un punto di vista diverso alla vicenda

item-thumbnail

Eddie Jones lancia l’allarme: “Il rugby? Sta diventando troppo simile al football americano”

Il coach dell'Inghilterra analizza l'evoluzione del gioco negli ultimi vent'anni