Concussion, continua la campagna del Board per la sensibilizzazione

#recogniseandremove è l’ultimo progetto lanciato. Ma alcune situazioni, come quella di Fritz, continuano a far discutere

ph. Paul Harding/Action Images

Prosegue la campagna dell’International Board rivolta alla sensibilizzazione di giocatori e dirigenti sul tema della concussion. Così come proseguono le polemiche che spesso vengono sollevate da alcuni episodi se non allarmanti quantomeno sospetti in occasione del rientro in campo di giocatori dopo brutti colpi alla testa (l’ultimo caso è quello di Fritz durante la semifinale di Top 14 persa dal suo Tolosa, con coach Novés che entra in spogliatoio a “sollecitare” il suo ritorno in campo dopo un brutto colpo). Un articolo apparso sull’Irish Daily Mail nei giorni scorsi fa il punto sulla situazione introducendo alcune novità. Ll’Irb ha infatti recentemente messo l’accento sul tema sul tema, affermando che per il Board la questione concussion è tra tutte una delle più prioritarie. Proprio per questo è stato lanciato un nuovo progetto, dallo slogan, pardon hastag,  #recogniseandremove (riconosci la concussion e fai uscire il giocatore). Non esistono little concussion, si legge, e in caso di sospetta commozione celebrale il giocatore deve essere immediatamente fatto uscire, a qualunque livello egli giochi (tranne l’élite). La volontà della IRB è ben chiara: fare in modo che staff e medici di campo prendano nei confronti di una sospetta commozione le precauzioni da adottare in caso di commozione vera e propria, ovvero far uscire il giocatore. A livello élite le cose però non cambiano, con il protocollo PSCA che rimane valido e per ora invariato. Anche se casi come quello di Fritz dovrebbero essere quantomeno esaminati a fondo, cosa che il Board e la Federazione francese stanno puntualmente facendo.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup: i Test Match di preparazione dell’Italia in diretta su Rai 2

Le partite degli azzurri del mese di agosto saranno trasmesse in chiaro dall'emittente di Stato

17 luglio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Ci può essere un nuovo Nehe Milner-Skudder?

Ovvero: un giocatore senza presenze in nazionale può diventare improvvisamente il titolare da qui alla Rugby World Cup in Giappone?

17 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

La Rugby World Cup 1999 raccontata da Marco Pastonesi

Quando la Coppa del Mondo si trasformò da "teatro per eroi dilettanti, a palcoscenico per attori professionisti".

item-thumbnail

RWC Best XV: la miglior ala (n° 14) è John Kirwan

L'ala degli All Blacks ha battuto il suo connazionale Doug Howlett. Da giovedì i sondaggi per la maglia n°11

17 luglio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby Championship: Aphiwe Dyantyi fuori per l’esordio del Sudafrica

L'ala salterà la sfida contro l'Australia per un infortunio rimediato in allenamento

16 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

World Rugby ha approvato una piccola modifica alla mischia

In un processo che ha coinvolto anche alcuni giocatori, l'organizzazione mondiale ha rivisto un piccolo dettaglio sull'ingaggio

16 luglio 2019 News