Il Sei Nazioni (e l’Italia) visti da PlanetRugby: ecco il torneo nostro e degli altri

Per il noto portale inglese abbiamo diversi problemi ma ci sono delle note positive. Ma comunque la banda Brunel vince un Awards davvero poco ambito…

ph. Sebastiano Pessina

Qualcosa da salvare c’è. A dirlo è il noto portale Planet Rugby, che come ogni anno al termine del Sei Nazioni analizza il torneo delle sei squadre partecipanti. Certo, rispetto allo scorso anno le cose sono andate ben peggio, ma qualcosa che deve farci ben sperare c’è. Ed è la prestazione di alcuni singoli. Tra questi, in particolare si sottolineano le prestazioni di Ghiraldini, Furno, Sarto, McLean, Geldenhuys e Campagnaro, che si è resentato in Europa segnando due mete al Millennium. Tra le cose negative, il record di placcaggi contro l’Irlanda, segno che teniamo troppo poco la palla in mano, e il poco edificante record di una vittoria nelle ultime dieci partite, per altro contro una compagine fijiana decimata dai cartellini. Ora sotto con i Test di giugno, contro Fiji, Samoa e Giappone, tre squadre che ci stanno sopra nel ranking.

E gli Azzurri di Brunel finiscono anche tra gli Awards generali del torneo, nella ben poco lusinghiera categoria Peggior Team: l’attenzione è in particolare rivolta alla nostra linea giovane, che deve però migliorare e crescere, vedi la percentuale del 54% al piede. E poi sotto accusa finisce la nostra difesa, che ha concesso un sacco di mete e punti subiti.

Gli altri principali premi. Miglior giocatore all’estremo inglese Mike Brown, che è anche il giocatore che ha corso più metri palla in mano (543) e quello che ha segnato più mete (4, come Sexton), mentre il peggiore è il mediano di mischia francese Doussain. Sempre a proposito di mediani, Danny Care è il giocatore che più è migliorato e quello che ha segnato la meta più bella (contro l’Irlanda), mentre Burrell è il giocatore rivelazione. Capitolo allenatori: Joe Schmidt il migliore, Scott Johnson il peggiore (ma dai, verrebbe da pensare), mentre Saint-André è il peggior selezionatore, per le scelte molto criticate e i molti cambiamenti in corso d’opera. Infine, miglior match Francia-Irlanda. E voi cosa ne pensate di questa classifica? Oltre al fatto che a farla è stata un sito inglese, ovviamente…

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italrugby: gli Azzurri restano senza sponsor di maglia

Il main sponsor della nazionale esercitando il diritto di recesso ha scelto di non rinnovare il contratto con FIR

22 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Paolo Garbisi è nella lista dei 4 giovani mediani d’apertura più interessanti a livello mondiale

L'azzurro è in un sondaggio indotto da World Rugby assieme ad altri tre prospetti di altissimo livello

20 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La “querelle” sul trasferimento di Paolo Garbisi a Montpellier

La ricostruzione della vicenda che ha visto il mediano di apertura azzurro approdare a Montpellier per il prossimo TOP 14

17 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’Italia ha (ri)contattato Louis Lynagh

A dirlo è stato il papà Michael che svela anche i retroscena della cosa

29 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Maxime Mbandà: fra le Zebre e l’Italia, due “nuovi” capitoli della sua carriera

Il terza linea non vede l'ora aggiungere nuove pagine al suo personalissimo libro ovale

24 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: i convocati per la “prima” della nuova era Kieran Crowley, al via da domani

Nemmeno il tempo di rifiatare per il capo allenatore neozelandese, dopo il successo in Rainbow Cup. Comincia il suo percorso in azzurro

20 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale