Soldi, tecnici, accademie, voti: un articolo meglio di una fotografia

Su Repubblica di oggi Massimo Calandri riesce a mettere assieme i mali di un intero movimento con una lucidità e sintesi davvero rara

Ci sono a volte degli articoli capaci di scattare una fotografia quasi perfetta di un panorama. Poche parole misurate che sono quasi inattaccabili. Articoli che sono l’incubo (sì, più o meno…) di ogni giornalista. Intendiamoci, degli altri, di chi non li ha scritti ma che tanto avrebbe voluto farlo…
Oggi c’è qualcuno che ha scritto un pezzo così: Massimo Calandri, che sulla pagine dell’edizione romana di Repubblica, riesce a mettere assieme i principali mali del rugby italiano sottoponendoli a numeri, cifre e commenti autorevoli. Il consiglio è di cercare di recuperare l’articolo.
Calandri ricorda i 400 milioni di euro arrivati dal board del Sei Nazioni a partire dal 2000 (e i 5 cucchiai di legno), dell'”ossessione per gli asterischi”, ovvero i giovani formati nelle accademie, e nonostante questo del ricorso continuo agli oriundi (5 nella gara di debutto contro la Scozia quasi 15 anni fa, 7 sabato scorso contro l’Inghilterra).

 

E poi le opinioni. C’è quella di Diego Dominguez: «In Italia si è fatto molto poco per la formazione. Nessuno ha insegnato la tecnica, è mancata la programmazione: la consapevolezza che ci si doveva dedicare soprattutto ai bambini, ai piccoli dagli 8 ai 14 anni». C’è Giancarlo Dondi che fa autocritica: “Se guardiamo dove eravamo allora e dove siamo arrivati oggi, sembra impossibile. Giochiamo con le squadre più forti del mondo, a Roma vengono ventimila inglesi. Mi dò una colpa, in tanti anni di presidenza: aver demandato ad altri la gestione del settore tecnico”. E quella di Vittorio Munari: “Quindici anni fa avevo già lanciato l’allarme: se vogliamo diventare grandi per davvero pensiamo ai settori giovanili, basta con il clientelismo. Invece no. Oggi a chi viene affidata la didattica? A vecchi personaggi senza curriculum ma in grado di portare voti alle prossime elezioni. Continuiamo a barattare denaro e potere, ma non è così che resteremo nel Sei Nazioni».

 

E poi ci sono i numeri, le cifre e anche le opinioni del giornalista. Opinioni magari discutibili (come tutte) ma mai fuori obiettivo:  “Invece di investire nei giovani, magari assumendo già nel Duemila 20 tecnici stranieri (francesi, argentini, neozelandesi: fate voi) che avrebbero potuto formare duecento e poi duemila allenatori italiani, si è preferito cedere ai ricatti clientelari: spartire a pioggia il “tesoretto” in modo da garantirsi i voti sufficienti per mantenere lo status quo. Tanto, c’è sempre tempo per trovare un nonno italiano a qualche buon giocatore dell’altro mondo. O no?”.
Oppure: “Alfredo Gavazzi, nel 2012 ha annunciato la nascita di 9 Accademie e 36 Centri di formazione per ragazzi dai 16 ai 20 anni («Nemmeno gli All Blacks», ha ironizzato Martin Castrogiovanni). Ogni Accademia costa intorno ai 400.000 euro l’anno, per i centri si va dai 20 ai 50.000 euro. A libro paga quasi 120 fra tecnici e preparatori atletici, più di 70 hanno uno stipendio annuale superiore ai 30.000 euro. Uno sforzo economico impressionante per dare un qualche nutrimento alle due franchigie ma a scapito dei piccoli e grandi club”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

La FIR ha siglato un accordo con la Regione Abruzzo

Accordo di collaborazione triennale, L'Aquila sede dei raduni estivi dell'Italia maschile fino al 2026

21 Giugno 2024 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Italia, Mirco Spagnolo: “Mi sento un impact player. Devo continuare a sviluppare le mie capacità decisionali”

Il pilone della nazionale ha analizzato la sua stagione pensando ai prossimi impegni azzurri. Un percorso di crescita che non si vuole arrestare

20 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Lorenzo Pani è al lavoro sul suo percorso di recupero

Il trequarti della nazionale e delle Zebre muove i primi passi

19 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Lorenzo Cannone: “L’Italia vuole vincere tutte le partite di luglio per arrivare al meglio a novembre”

Il terza linea non nasconde le sue intenzioni pensando anche alla stagione vissuta con il Benetton

18 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia under 20: i convocati per il World Rugby U20 Championship

Trenta giocatori pronti a partire per il Sudafrica, dove si inizia a giocare il 29 giugno

item-thumbnail

Italia U20: Marcos Gallorini non sarà al mondiale giovanile

Un infortunio ferma il pilone destro degli Azzurrini