Il Vigorelli non sarà “nuovo”: restauro conservativo. E il rugby?

A Milano un’occasione sprecata per avere una struttura realmente moderna e polifunzionale. E il rugby rischia di “perdere” un palcoscenico importante

Un rifacimento con investimenti da 18 milioni da fare? No, nulla di tutto questo. Il restauro sarà solo “conservativo”: la pista di ciclismo – tanto storica quanto inutilizzata – rimarrà dove si trova, si sistemeranno spogliatoi e spalti e poco altro, per “soli” 5 o 6 milioni di restauro. Lo conferma alle pagine milanesi di Repubblica l’assessore allo Sport del comune meneghino Chiara Bisconti che ha dovuto fare di necessità virtù dopo il ricorso al Ministero dei Beni Culturali presentato da un’associazione ciclistica che ha innescato una battaglia di carte bollate (Palazzo Marino ha presentato a sua volta un ricorso del quale però non si avevano più notizie).
Il Comune spera comunque di dare vita a una struttura polifunzionale dove possano trovare spazio  anche hockey e rugby. Staremo a vedere, i dubbi rimangono, visto la presenza della pista di ciclismo fissa (il Comune di Milano voleva metterne una rimovibile): il campo potrebbe essere a norma?
PS: secondo Rupubblica al momento il Vigorelli “ospita il rugby”, ma si confonde con il football americano…

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Slow Motion #49: Beale chi è?

Il centro dei Waratahs ha propiziato la meta più bella della settimana,ben figurando nel finale del match contro gli Springboks. Ma quale versione del...

23 luglio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Argentina: i convocati per la trasferta australiana

Mario Ledesma ha selezionato 30 elementi: "Ruoteremo i giocatori. Contro la Nuova Zelanda abbiamo fatto bene"

23 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Sudafrica, Francois Louw: “I migliori Springboks che abbia visto”

Il terza linea è uno degli anziani del gruppo di Erasmus, e si è detto entusiasta delle potenzialità del gruppo

23 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019 – Le squadre: Tonga

Dice un proverbio tongano: Oua lau e kafo kae lau e lava. Che all’incirca dovrebbe tradursi come: rimani positivo e ringrazia per quello che hai...

23 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Australia, Nic White: “Bello essere qui, ma voglio i risultati”

Il mediano di mischia di Exeter mancava dai Wallabies da 4 anni, adesso può insidiare la maglia numero 9 di Will Genia

23 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

RWC Best XV: la miglior ala (n° 11) è Jonah Lomu

L’ala degli All Blacks ha sconfitto nettamente Bryan Habana. Da domani i sondaggi per la maglia n°13

22 luglio 2019 Terzo tempo
  1. Giov 13 dicembre 2013, 09:40

    Ma si è uguale no? Come mi disse una volta un conoscente: la palla è ovale, pensavo fosse lo stesso sport ma senza casco. D’altra parte il Volley non è il tennis giocato senza racchette? la palla è comunque tonda…..

    • Katmandu 13 dicembre 2013, 10:24

      in effetti hai mai provato a giocare a pallvamano con una pallaina da golf? altro che occhio nero al panda… 😀

  2. boh 13 dicembre 2013, 10:32

    Dove lo spostiamo il PRO12?……

    • Katmandu 13 dicembre 2013, 10:40

      ….a san siro….

    • Corrado Chiatti 13 dicembre 2013, 11:09

      all’arena civica ? l’ho vista dall’esterno ieri e come struttura mi è sembrata bellissima e piena di storia inserita in un contesto di un parco cittadino servito benissimo da servizi pubblici !

  3. Spinoza 13 dicembre 2013, 10:53

    una volta i milanesi erano persone più avvedute, innovative e lungimiranti. Oggi sono rincoglioniti come gran parte di questo paese…

    • Corrado Chiatti 13 dicembre 2013, 11:12

      il fatto è un altro è facile fare gli imprenditori con i soldi pubblici ! quando il pubblico non ha soldi da spendere trova mille cavilli per non spendere o spendere di Meno (spendere 8 milioni invece di 16 mi sembra una buona riduzione) !

    • gsp 13 dicembre 2013, 11:16

      se lo fanno per il rugby e’ lungimirante, se lo fanno per ciclismo e football americano no?

      • Katmandu 13 dicembre 2013, 11:56

        Gsp se fai un impianto polifunzionale è sempre meglio che un impianto aperto solo 3 gioni l’anno, detto ciò vorrei ricordare che il vigorelli ha una pista di ciclismo in legno di 397mt, le piste “moderne”, quelle per intenderci che ospitano i grandi eventi quali olimpiadi e modiali tendono a farli di 250 mt come ivelodromi che hanno ospitato solo le ultime 3 olimpiadi: Athens Olympic VelodromeLaoshan Velodrome, London VeloPark , per un discorso di praticità oltre che a standardizzare le prestazioni, ma per di più quando lo si è chiesto di fare la pista semovibile pare che i ciclisti si siano iquaxxati di brutto dicendo che era un patrimonio storico. ora facendo in questo modo han consentito al football di rimanere ma gli altri sport se la pigliano allegramente in quel posto e dato che è all’aperto e la pista sarà in legno fra 3/5 anni il Glorioso vigorelli non verrà più utilizzato dai ciclisto per il degrado del materiale che copre la pista e verrà lasciato solo a quelli del football (emeno male) quindi da un impianto polivalente hai un impianto sotto utilizzato
        ps pure il Velódromo Municipal do Rio che ospiterà le prossiime olimpiadi è di mt

    • San Isidro 13 dicembre 2013, 11:40

      l’etica di Spinoza…

  4. Corrado Chiatti 13 dicembre 2013, 11:19

    vademecum per chi vuole fare uno stadio di propria prorietà !
    1- comprare un’area edificabile
    2- fare il progetto (fatti bene) e farselo approvare
    3- spendere soldi per costruirlo
    4- con gli incassi degli affitti ripagare il mutuo che magari si è acceso per costrurilo.
    Facile e lineare mi sembra no ? Come succede in tutti gli altri paesi civili !
    Discorso diverso quando ci sono le opzioni probabili in italia !
    a_ il proprietario del terreno o dell’edificio è un ente pubblico
    b_ l’edificio è vincolato
    c_ quando aspetti soldi non tuoi per costruire
    Bella Italia !

    • gsp 13 dicembre 2013, 11:22

      Corrado, tu che di solito sei informato. solo per curiosita’, com’e’ la situazione flaminio?

      • eclipse 13 dicembre 2013, 12:13

        Da quanto ho capito,sarà dedicato completamente al calcio.

      • San Isidro 13 dicembre 2013, 12:25

        @gsp, Il Flaminio aveva una capienza di circa 35.000 posti, comprese le tribune mobili (mamma mia stare la sopra! traballava tutto!)…l’obiettivo della ristrutturazione prevedeva un ampliamento fino a 40.000 posti mi sembra…confermo che adesso è tutto abbandonato, ma sono fiducioso che un giorno i lavori riprenderanno…comunque, come dice @eclipse, l’impianto potrebbe essere adattato al calcio, rumors molto ufficiosi dicevano addirittura che il Flaminio potrebbe essere la nuova casa della Lazio di calcio…

      • Corrado Chiatti 15 dicembre 2013, 15:07

        Da quanto ne so dopo l’appalto di ammodernamento degli impianti del 2008 (tra l’altro non so se è stato completato in quanto nei seminterrati sono stati trovati dei resti archeologici) tutto è fermo dopo la decisione della federazione di abbandonare il Flaminio per l’olimpico, il rifiuto della Lazio di prenderlo in gestione e il blocco all’ampliamento dovuto al parere contrario della Famiglia nervi detentrice (solo in Italia succedono ste cose ) del vincolo architettonico !

    • ginomonza 13 dicembre 2013, 11:39

      Nel caso del Vigorelli solo il caso 2 e’ valido.
      Io non farei niente e lo lascerei cosı’
      Ci pensino I ciclisti a ristrutturare.
      Cosi’ per EXPO faremo bella figura.

  5. malpensante 13 dicembre 2013, 19:06

    In genere se ordino gli anolini e mi portano ris e tridura lo mando indietro. Sarebbe anche ora che si andasse a disturbare il portafogli di chi ha aggiudicato l’appalto ad minchiam (o fatto il bando, se il baco era lì). Tecnicamente si chiama danno erariale.

    • Katmandu 13 dicembre 2013, 21:00

      @ mal il bando prevedeva la tutela del Velodromo vigoerelli quindi doveva rimanere un velodromo. Ora quello che ha vinto il bando aveva fatto un progetto che prevedeva il velodromo semovibile e adattato a tutti quelli di alto livello con una pista di 250 mt contro gli attuali 400 scarsi fissi i ciclisti (o chi ne cura gli interessi) si son messi per traverso e gli hanno pure dato ragione e quindi il vigorelli invece di riavere nuova vita morirà dui nuovo e solo quelli del footbal americano fra due anni ci saranno dentro, sempre che non li sfrattano pure loro….

      • malpensante 13 dicembre 2013, 21:17

        Kat, se c’era un vincolo sulla pista i casi sono due: o se lo sono scordato nel bando, o hanno aggiudicato a una offerta a cui non potevano aggiudicare. Come si dice, tertium non datur. E sarebbe ora che chi fa delle cappelle (ad essere benpensanti,eh) che costano caterve di soldi e di anni alla pubblica amministrazione, cioè a noi, oltre a prendere dei calci in culo pagasse di tasca propria.

        • Katmandu 13 dicembre 2013, 21:31

          diciamo che da come ho capito io chi ha firmato il progetto voleva adattare il vigorelli agli impianti che ospitano olimpiadi (da almeno seoul’88 si corre sui 250mt)
          a mio avviso ha sbagliato in pieno chi ha giudicato la gara se volevano i 400mt dovevano non solo specificarlo ma non far vincere un progetto che non li prevedeva
          è come se tu mi assumi per ridipingere le pareti di casa tua di porpora, io ti dico che non ho il porpora ma ho solo il verde vomito, tu mi dici che va bene e allora interviene tua moglie leggermente eltrata dalla situazione e io ho quasi intinto il pennello (nella vernice), di chi è la colpa? indoviniamo

        • ginomonza 13 dicembre 2013, 23:56

          mal scusa ma prima di usare il latino cerchiamo di saper usare l’italiano. 😉
          Poi seriamente :
          1) i soldi.
          essi sono di coloro che hanno investito sul progetto citylife e corrispondono agli oneri di urbanizzazione quindi soldi privati che la pubblica amministrazione avrebbe utilizzato per fare un impianto polifunzionale del quale non c’è traccia a Milano.

          2) solo in Italia si può pensare di vincolare una pista scalcagnata ridotta in malora e non utilizzabile ( tantochè non è utilizzata da anni neanche da quelle associazioni ciclistiche che si sono opposte).
          che facciamo vincoliamo,per esempio, lo Stelvio perchè ci hanno corso Coppi, Bartali, Mercks, Hinault etc. etc. corridori tutti ben più grandi dei Maspes o Gaiardoni con tutto il rispetto che tutti si meritano.

          • malpensante 14 dicembre 2013, 11:57

            1) Mai sentito parlare di consumo di suolo? Gli oneri di urbanizzazione sono soldi PUBBLICI in cambio di guadagni privati e dello sfacelo palazzinaro.
            2) Se c’è un vincolo, prima lo faccio togliere, se è il caso, poi faccio la gara. O faccio la gara con il rispetto del vincolo.
            3) Ti avviso che lo Stelvio ha vincoli, è dentro un parco nazionale.

          • ginomonza 14 dicembre 2013, 15:29

            Mal
            allora il progetto city life sorge sulla vecchia fiera di milano ergo nessun consumo di suolo anzi oltre ai tre grattacieli verra creato un parco a tema con oltre 20000 alberi provenienti da molte parti del mondo
            quindi valorizzazione e non lasciato al degrado.
            Stelvio :spero che tu caoisca la differenza tra una roba viva come lo stelvio ed una morta come la pista di legno inutilizzabile neanche come legna da ardere: il paragone non regge.
            vincoli:
            può essere che l’amministrazione comunale abbia sottovalutato il problema vincolo ma criminali sono coloro che li vogliono mantenere:
            sopraintendenza e i ciclisti che tra parentesi non ci vanno mai.
            con questo pensiero dei vincoli non ci sarebbero stati il rinascimento nè il duomo di milano ne quello di pisa ne il magnifico palazzo strozzi di firenze e a padova non sarebbe venuto giotto e così via.
            invece abbiamo un paese mummia dove invece che la fantasia e l’intelligenza viene a galla l’immobilismo.

          • Corrado Chiatti 15 dicembre 2013, 15:14

            un bel regalo lasciato dal noto portavoce del nano malefico che durante il suo penultimo governo , con il famoso “decreto Bonaiuti” ha stabilito che tutti gli immobili pubblici con una età maggiore di 50 anni sono vincolati a livello architettonico ! anche magari un palazzo mezzo scalcagnato della asl roma g per esempio !
            Complimenti a questi geni del male !
            Chi lavora all’interno degli appalti pubblici può solo pensare quanti e quali possano essere i maggiori costi di manutenzione per un immobile pubblico tutelato architettonicamente ! poi parlano del debito pubblico !

  6. Gianangelo 14 dicembre 2013, 08:20

    il Vigorelli fu abbandonato dal ciclismo nel 1976 quando venne inaugurato il palazzo dello sport di San Siro, struttura stupenda all’epoca, adatta sia al ciclismo sia all’atletica e utilizzata più che altro dal basket. Palazzo poi danneggiato irrimediabilmente nella copertura dalla nevicata del 1985 e demolito dopo qualche anno per essere ricostruito ma solo negli intenti. Questo mi basta per essere scettico sulla rinascita del Vigorelli che morira col tempo visto che la pista non è più ne utilizzabile ne regolamentare e la famosa 6 giorni è morta anch’essa con buona pace delle associazioni pseudo ciclistiche.

  7. Dane 17 dicembre 2013, 16:33

    A ridaje con sta disinformazione….uff, che fatica…con ordine:
    1) Che la pista non sia regolamentare nè omologabile è una stupidata messa in giro ad arte da chi aveva interesse a smantellarla. La misura di 250 metri è obbligatoria solo per Mondiali ed Olimpiadi. Tutte le altre gare (dagli Europei alle 6 Giorni) sono assolutamente possibili.
    Da regolamento, tanto per fare un esempio, l’Italia si qualifica ai Mondiali di pista grazie al fatto di organizzare la 6 Giorni di Fiorenzuola: su pista da 400 metri all’aperto.
    Posso fare decine di altri esempi…
    2) Il Vigorelli non ha chiuso nel 1976 bensì nel 2001 (in mezzo ci son poi stati i campionati italiani, la scuola giovani interrotta nell’85 a seguito della nevicata, il record dell’ora di Moser dell’87, il restauro e ripristino del 1997, etc…) , per motivi inspiegabili a seguito dei quali il Comune non ha più messo a disposizione dei ciclisti la struttura che così (a seguito della mancata manutenzione, a quel punto ritenuta superflua) è andata deteriorandosi.
    3) La pista è ripristinabile a seguito di un mero restauro economicamente contenuto rispetto ai fondi a disposizione. Dopodichè la pista sopravviverebbe a seguito di una mera manutenzione ordinaria con un costo facilmente copribile già solo con gli ingressi a pagamento degli amatori (come accade in tutti i velodromi).
    Il velodromo di Barcellona (costruito in occasione delle Olimpaidi) è all’aperto e con pista in legno, e sopravvive benissimo…
    4) Come ha suggerito qualcuno, il bando è stato organizzato male: si è strappata l’autorizzazione della Soprintendenza dei Beni Culturali in maniera molto sospetta ignorando che è la Direizone regionale ad aver voce in capitolo su questo. In più si è fatto vincere un progetto che violava le già larghe prescrizioni concesse dalla Soprintendenza.
    Decidete voi se si tratti di incompetenza o malafede ma tant’è…
    5) Il campo di rugby non ci sarebbe stato nemmeno nel progetto vincitore, basta leggersi il regolamento del rugby e prendere due misure col righello sui disegni del progetto vincitore: era un altro il progetto per cui i rugbisti avrebbero dovuto fare il tifo, un progeto espressamente pensato per il rugby che però non è arivato nemmeno tra i primi tre.
    Vi hanno preso in giro, ed anche qui non si sa se per malafede o incompetenza.

    “Navigare informati” non è solo un consiglio, ma anche un dovere…

    • ginomonza 18 dicembre 2013, 22:32

      come al solito dici cagate pero’ ti faccio una domanda :
      chi è quel benpensante che ripara e mantiene una pista che non può ospitare bazzecole come campionati del mondo olimpiadi.
      o pretendi che il comune di milano ti organizzi anche le sei giorni?
      e poi perchè questi drogati non possono correre su una pista di 250m?
      righello ?
      guarda che la pista del progetto è smontabile quindi spazio per campo regolamentare c’era.ecco il righello va saputo usare ma se non si sa …

  8. Dane 17 dicembre 2013, 16:40

    p.s.: in ogni caso complimenti a Ginomonza che con grande lungimiranza ed acume riesce ad incolpare i ciclisti di non utilizzare una pista che è stata loro chiusa in faccia (prima) e poi lasciata andare in malora (dopo) da chi ne deteneva possesso e gestione nonostante le pressanti richieste lunghe un decennio da parte dei ciclisti di poterla riutilizzare.
    Domani divento sindaco, chiudo il Teatro alla Scala proibendo gli spettacoli di musica lirica, così potrò abbattere il Teatro Lirico più importante al mondo con la scusa che “tanto non ci andava mai nessuno”.
    Fenomeni!!!…

Lascia un commento