Le Fiji tra dubbi e risultato: le sensazioni degli Azzurri

In fase difensiva gli ingranaggi hanno bisogno di una bella sistemata, ma la vittoria intanto fa bene al morale

ph. Sebastiano Pessina

CREMONA – Dopo un brutto Giugno e un brutto inizio di Novembre, a quanto pare l’obiettivo principale era uno: vincere. Ne aveva bisogno Brunel, ne avevano bisogno i giocatori, e probabilmente anche tifosi e addetti ai lavori. All’Italia serviva proprio questo, un risultato da cui ripartire. Certo, ci si aspettava di non rivedere errori nell’uno contro uno e nella distribuzione difensiva, ma intanto ci si è ricordati che questa Nazionale sa anche vincere. Nelle parole dei giocatori queste due sensazioni, quella positiva per la vittoria e quella negativa per le lacune difensive, sono ben chiare.

 

“Abbiamo ritrovato la fiducia in alcuni punti di forza, come la touche e la mischia ordinata”, esordisce Mauro Bergamasco. Che segnala poi come l’Italia abbia giocato il match a viso aperto, dimostrando una “gran volontà di fare che però non sempre è stata concretizzata e che talvolta ha portato delle scelte forzate che ci hanno fatto perdere il possesso”. Vincere contro “ventidue colossi” è comunque stato molto importante, e “dal punto di vista mentale la prova è da considerare positiva“. Sulla forzatura di certe scelte, come il riciclo da terra che ha portato la prima meta avversaria, ritorna anche Ghiraldini: “dovevamo essere più sereni e lucidi nella gestione dei palloni”.
Cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno anche il ct Jacques Brunel, forse per cercare di proteggere un po’ il gruppo: “Siamo andati a riposo con un buon margine, volevamo mantenere la stessa strategia anche nella ripresa ma ci siamo riusciti a tratti. Di sicuro abbiamo sempre cercato di giocare una partita organizzata, sapevamo che così facendo avremmo potuto limitare le Fiji: ripeto, non sempre ne siamo stati capaci”.

 

Alessandro Zanni, man of the match, parla invece dei problemi avuti in difesa, fase in cui l’Italia si è trovata in difficoltà, concedendo miss match e spazi da attaccare per vie verticali. “Abbiamo sofferto la loro fisicità e la loro velocità, e se non placchiamo in avanzamento la difesa retrocede, e in questo modo è più difficile organizzarsi e schierarsi bene, anche perché tendi a stringere concedendo superiorità al largo”. Inutile nascondersi, “non siamo al livello difensivo del Sei Nazioni, ma ci lavoriamo molto“. L’ultimo match, contro l’Argentina, sarà per il terza linea della Benetton “il termometro” definitivo per misurare la salute della Nazionale, e per stabilire se sia stato un Novembre positivo o negativo.
Una nota positiva sono infine i giovani che stanno esordendo. “Ora è il momento più difficile”, avverte Bergamasco, “devono confermare di poter restare qui, ma la serietà e l’impegno che stanno mettendo fanno ben sperare“.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Kieran Crowley e lo staff della Nazionale ospiti del Colorno

Dopo due società emiliane, lo stato maggiore del rugby azzurro è passato da Colorno per lavorare assieme allo staff tecnico biancorosso

16 Settembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: Le partite dell’Italia andranno in diretta in chiaro

Una bella notizia per tutti gli appassionati, resta solo da capire quale sarà la rete che le trasmetterà

30 Agosto 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia verso l’autunno: chi a 10 se si gioca il 30 ottobre?

Paolo Garbisi e Tommaso Allan non ci saranno se si giocherà fuori dalla finestra internazionale

20 Agosto 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Ange Capuozzo a OnRugby: «Ho due sogni: la nazionale e il Top14»

L'estremo italo-francese si racconta a OnRugby, tra il sogno della nazionale azzurra e l'obiettivo della promozione in Top14.

3 Agosto 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italrugby: gli Azzurri restano senza sponsor di maglia

Il main sponsor della nazionale esercitando il diritto di recesso ha scelto di non rinnovare il contratto con FIR

22 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Paolo Garbisi è nella lista dei 4 giovani mediani d’apertura più interessanti a livello mondiale

L'azzurro è in un sondaggio indotto da World Rugby assieme ad altri tre prospetti di altissimo livello

20 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale