Dopo il bel successo sul Capoterra, il CUS Torino è atteso dal derby universitario contro il CUS Genova

Coach Regan Sue:«Con tutto il lavoro che facciamo in settimana, il risultato doveva per forza arrivare. Ora continuiamo così anche a Genova».

Il CUS Ad Maiora Rugby 1951 è tornato. In realtà non era mai andato via, semplicemente aveva smarrito la sua versione migliore. Contro il Capoterra coach Regan Sue e il suo vice Alejandro Eschoyez hanno potuto godersi una squadra che, dopo aver controllato la situazione nel primo tempo, ha imposto nella ripresa una superiorità fisica nettissima. Si è vista finalmente un’ottima disciplina, con pochi falli commessi e dunque anche pochi calci concessi agli avversari, una buona notizia dal momento che dall’altra parte c’era un cecchino temibile come Anversa. I cussini hanno operato un bel pressing e recuperato molti palloni nella propria metà campo, per poi ripartire. Insomma un bello spettacolo.

«Come avevo rilevato dopo la sconfitta di Perugia – commenta il tecnico neozelandese – avevamo svolto poco lavoro sui fondamentali e si era visto in campo. Nelle ultime settimane ci siamo concentrati sulla tecnica individuale e sull’attitudine giusta per affrontare le partite e la risposta è finalmente arrivata. Nei primi 40′ i ragazzi erano un po’ tesi, perché comunque il peso di quattro ko consecutivi si faceva sentire. In quelle occasioni avevamo commesso troppi errori ed eravamo stati salvati dal nostro sistema di gioco, che ci aveva permesso comunque di conquistare almeno il bonus difensivo. Contro il Capoterra ho apprezzato  un bell’adattamento da parte di tutti all’avversario e alle difficoltà che la partita ci proponeva. Nella seconda parte della gara ho visto la squadra che mi piace. Doveva arrivare una prestazione del genere, dopo tutto il lavoro che svolgiamo in settimana».

Il girone B della serie A si sta rivelando un concentrato di equilibrio e per raggiungere una posizione tranquilla di classifica la continuità sarà fondamentale. Il largo successo sui sardi dovrà dunque essere l’inizio di un nuovo campionato per i biancoblù e i segnali confortanti dovranno essere costanti. «Vogliamo ripeterci anche a Genova – spiega Sue – anche se troveremo un avversario molto impegnativo, che sul proprio campo gioca benissimo». In effetti il CUS Genova sul sintetico dello Stadio Carlini si è finora rivelato una vera e propria macchina da guerra e, dopo il più contenuto 28-20 inflitto al Badia, ha rifilato un 41-3 al Prato Sesto e un 49-22 all’Alghero. In trasferta invece non è stato fortunato e ha ceduto al Benevento per 18-16 e al Vicenza per 22-20. Nell’ultima uscita ha incontrato il CUS Perugia, nella rivincita dei playoff di serie B dello scorso anno ed è stato battuto per 26-6 con molte attenuanti. Mancavano infatti il centro e capitano Francesco Cadeddu, l’estremo/apertura Gianluca Sandri, il pilone Mauriçio Espasa, i tallonatori Giacomo Datti e Matteo Agrone, il seconda linea Andrea Sotteri, il seconda/terza linea Filippo Dell’Anno e l’ala Stefano Zaami, tutti infortunati, ed erano indisponibili anche  il terza linea Davide Manara, il pilone Danilo Coppola, l’ala/centro Filippo Carboni e  Josh Jacas, 24enne seconda linea gallese di origini tongane e velocissimo incursore, tornato in patria per problemi di famiglia. Assenze pesanti, dunque, in mischia e nei trequarti.

Domenica (inizio match alle ore 14,30) alcuni rientreranno contro il CUS Torino. Saranno di fronte due realtà molto simili. «Entrambi – afferma Alejandro Eschoyez – perseguiamo la filosofia di curare il settore giovanile e di far crescere i giocatori in casa. Il loro punto di forza è proprio lo spirito di appartenenza, che rende il gruppo forte e unito. Li guida un allenatore preparato come Rocco Tedone, che prima di fare il tecnico è stato un atleta del CUS Genova. Conosce bene i suoi ragazzi, perché li segue fin da quando erano bambini». Il talento migliore è il trequarti Federico Salerno, classe ’94, che è rientrato sotto la Lanterna dopo essere stato nell’Accademia Under 19 di Tirrenia e aver suscitato l’interesse dell’Aquila. È lui il bomber, con le cinque mete realizzate. Anche la coppia di mediani sprizza gioventù da tutti i pori: l’apertura è il 18enne Paolo Pescetto, che finora ha segnato dieci piazzati e sette trasformazioni, e il mediano di mischia è il 20enne Pietro Gregorio. Insidiosa è anche la velocità del 24enne Andrea Gerli, a segno due volte quest’anno. I rinforzi estivi, oltre a Jacas, rispondono ai nomi dei 21enni Ivan Barani, trequarti emiliano, già nella rosa dei Crociati Parma, e Mauro Cuccurese, seconda linea cresciuto nelle giovanili della Partenope e già componente dell’Accademia Under 18 di Roma. L’anno scorso ha indossato la maglia dell’Alessandria in serie B. Gli ultimi scontri fra i due CUS risalgono ai recenti campionati di B: nel 2010-2011 i torinesi s’imposero per 19-9 e per 29-7 e nel 2011-2012 toccò ai liguri affermarsi per 20-15 e per 6-3.  

Il programma agonistico del fine settimana sarà intensissimo. Si inizierà sabato mattina, con il Settore Propaganda cussino impegnato nel concentramento regionale di Settimo Torinese, in cui schiererà due compagini per ogni categoria dall’Under 6 all’Under12. Al pomeriggio saranno  in campo le tre Under 14 (tutte alle 15,30, una in casa contro il Novi e due in trasferta ad Alessadria e a Cuneo contro il Pedona), l’Under 16 regionale (ospite alle 16,30 del Cuneo Pedona) e l’Under 18 regionale (alle 16,30 a Grugliasco contro il VII Torino). Domenica alle 12,30 l’Under 18 Elite farà visita al Calvisano e l’Under 16 Elite al Grande Brianza. Alle 14,30 la squadra di serie A femminile giocherà a Monza, mentre a Grugliasco ci sarà il derby di serie C girone 2 Piemonte fra la cadetta biancoblù e l’Amatori Torino.  

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Una giovane atleta della Partenope Rugby scelta come mascotte di Land Rover Italia alla RWC 2015

Giusy Ambrosio il prossimo 4 ottobre volerà a Londra per assistere a Italia-Irlanda

6 Luglio 2015 Club
item-thumbnail

A scuola di rugby e di valori con un maestro d’eccezione: Diego Dominguez

Concluso il Gruppo Mediobanca Rugby Camp, lunedì inizia il Diego Dominguez Rugby Camp

4 Luglio 2015 Club
item-thumbnail

Land Rover Cup: Domenica 21 a Roma seconda tappa del torneo Under 12

Dopo il successo di Padova nuovo appuntamento sul campo della Capitolina

16 Giugno 2015 Club
item-thumbnail

ASD Rugby Sambuceto 2008 cerca tecnici per la stagione 2015/2016

La società abruzzese attende candidature

28 Maggio 2015 Club
item-thumbnail

Land Rover Cup: domenica a Padova in campo le under-12 venete

Si replica domenica 21 giugno a Roma alla Capitolina

27 Maggio 2015 Club
item-thumbnail

Torneo old Maledetti Toscani: scendono in campo agonismo e goliardia

Appuntamento sabato 16 allo stadio Chersoni di Iolo

12 Maggio 2015 Club