Verona Rugby Ragazze, al Petternella la prima ufficiale

Contro il Parabiago è arrivata la prima vittoria per la squadra veronese

È una domenica importante per le Ragazze, oggi si comincia ufficialmente! Anche se gli allenamenti insieme sono iniziati da più di un mese, il torneo ‘‘Petternella’’ giunto alla sua diciassettesima edizione è il primo banco di prova importante per testare le capacità di questo gruppo di recente formazione. Il girone in cui vengono inserite le Ragazze non è facile, ma c’è voglia di dimostrare il carattere e di mettersi alla prova, come gruppo e come giocatrici. La prima partita è contro Parabiago, le Ragazze di Verona si portano subito in vantaggio e dimostrano una superiorità individuale notevole, ma faticano ancora a finalizzare le molteplici azioni subendo quindi una meta dalle milanesi l’orgoglio delle Ragazze però non si fa aspettare e allo scadere dei 10′ regolamentari segnano l’ultima meta che definisce la vittoria. Durante la seconda partita contro Cogoleto, la squadra si deconcentra e nonostante il coraggio e la voglia di imporre le proprie qualità, il Verona non riesce a concretizzare gli sforzi, subendo due mete dal Cogoleto, che sfrutta le incertezze difensive. Terza partita difficile contro il Colorno Rugby, squadra che vincerà successivamente il Torneo, l’obiettivo per questo incontro è di testare le capacità individuali delle giocatrici. Forse la pressione si fa sentire e la squadra non entra mai in partita e si rassegna alla superiorità delle avversarie. Una partita dove le Ragazze non brillano certamente a livello tecnico. Il coach Claudio Casarotto prova a risvegliare le ragazze chiedendo loro un po’ più di voglia e di grinta, e con l’animo “combattivo” si va ad affrontare “Le Fenici” di Bologna. A causa di un calcio d’inizio sbagliato le Fenici si portano subito in vantaggio, ma il Verona non molla e prova a dimostrare le sue qualità, puntando su ruck e maul per avvicinarsi alla linea di meta. La tattica sembra funzionare, ma le Ragazze perdono palla nei loro 5m e subiscono la seconda meta Bolognese. In questo caso manca solo un po’ di esperienza per raggiungere l’obiettivo. L’ultima prova della giornata vede le Ragazze impegnate contro la squadra Croata Zark Mladost Zagreb. Nonostante la stanchezza, la voglia di farsi valere è alta, ma si scontra con l’organizzazione e l’individualità delle croate, che pressano molto le Veronesi impedendo loro di giocare un singolo pallone. Claudio Casarotto commenta così l’esordio delle Ragazze di Verona ‘‘Era importante per noi avere un primo test ufficiale. Venivamo da due amichevoli ma queste erano, appunto, amichevoli. In una competizione vera, con avversarie di livello assoluto, abbiamo finalmente potuto capire da dove parte la nuova squadra. La classifica è chiara: partiamo con un ritardo evidente. Ci aspettavamo di non essere immediatamente competitive, ma il responso del campo è stato più duro del previsto. Non mancano però le notizie positive: abbiamo un mese di tempo per correre ai ripari (la Coppa Italia inizierà solo il 3 Novembre) e ora sappiamo quali le aree su cui ci dobbiamo concentrare. E poi, nota non da poco, abbiamo vinto la nostra prima partita! Le due amichevoli precedenti si erano concluse con due chiare sconfitte. Ora sappiamo che si può vincere e che ci piace vincere, e abbiamo la consapevolezza che col lavoro queste soddisfazioni si moltiplicheranno. Organizzeremo tra un paio di settimane un’altra amichevole, per tenere alta la tensione agonistica e per verificare i progressi che stiamo facendo. Vogliamo farci trovare preparate al debutto in Coppa Italia.’‘ Valeria Fedrighi, capitano delle Ragazze si racconta entusiasta e soddisfatta al di là del risultato certamente migliorabile: ‘‘Abbiamo vinto la nostra prima partita come Verona Rugby Ragazze, dimostrando anche grinta e voglia di crescere insieme, ma soprattutto di giocare! Sono orgogliosa delle Ragazze e sicura che questo è solo un primo passo’’. Tra le Ragazze, il vicecapitano Sara Squassabia è più cauta, complice anche il suo ruolo di preparatore atletico: “Nel complesso la nostra prova è stata buona, abbiamo bisogno di lavorare sul gioco, ma ci arriveremo, se consideriamo che abbiamo dedicato tutto il primo mese alla preparazione atletica. Miglioreremo anche sviluppando un nostro spirito di squadra e la determinazione, che ci permetterà di dare sempre il 100%. Sono felice perché pur essendo all’inizio il feeling tra noi si sente, il tempo ci aiuterà a conoscerci e a crescere insieme.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Una giovane atleta della Partenope Rugby scelta come mascotte di Land Rover Italia alla RWC 2015

Giusy Ambrosio il prossimo 4 ottobre volerà a Londra per assistere a Italia-Irlanda

6 Luglio 2015 Club
item-thumbnail

A scuola di rugby e di valori con un maestro d’eccezione: Diego Dominguez

Concluso il Gruppo Mediobanca Rugby Camp, lunedì inizia il Diego Dominguez Rugby Camp

4 Luglio 2015 Club
item-thumbnail

Land Rover Cup: Domenica 21 a Roma seconda tappa del torneo Under 12

Dopo il successo di Padova nuovo appuntamento sul campo della Capitolina

16 Giugno 2015 Club
item-thumbnail

ASD Rugby Sambuceto 2008 cerca tecnici per la stagione 2015/2016

La società abruzzese attende candidature

28 Maggio 2015 Club
item-thumbnail

Land Rover Cup: domenica a Padova in campo le under-12 venete

Si replica domenica 21 giugno a Roma alla Capitolina

27 Maggio 2015 Club
item-thumbnail

Torneo old Maledetti Toscani: scendono in campo agonismo e goliardia

Appuntamento sabato 16 allo stadio Chersoni di Iolo

12 Maggio 2015 Club