Rugby nei Parchi al via, tra bambini festanti e un futuro milanese che sa di Heineken Cup

Presentata nel capoluogo lombardo la seconda edizione della kermesse che invaderà quattro polmoni verdi. Ma si è parlato anche di rugby di alto livello

 

Si comincia tra una decina di giorni, domenica 21 aprile (dalle ore 10), al parco di Trenno. Una giornata importante che dovrebbe coincidere anche con il posizionamento da parte del Comune delle prime “H” in un parco pubblico milanese. Poi – il 4 di maggio (ore 15) – toccherà al parco Nord, quindi al Forlanini (domenica 19 maggio alle ore 10) e grande chiusura al parco Sempione con la festa finale all’Arena civica Gianni Brera (domenica 2 giugno dalle ore 10). I quattro parchi meneghini saranno invasi da centinaia di bambini che apprenderanno divertendosi i primi rudimenti di palla ovale.

Sono questi gli appuntamenti previsti dalla seconda edizione di “Rugby nei Parchi”, evento organizzato da Rugby Grande Milano in collaborazione con il Comune della città lombarda.

 

Una kermesse di cui OnRugby è media partner per il web e che è stata presentata a Palazzo Marino. L’assessora allo Sport e Tempo libero Chiara Bisconti ha sottolineato gli ottimi risultati dell’edizione di dodici mesi fa e ha parlato di una “splendida iniziativa che spero possa coinvolgere sempre di più tutto il movimento del rugby milanese. Milano può essere una vera e propria palestra a cielo aperto, lo sport può diffondersi ovunque e i parchi sono i luoghi ideali per tantissime discipline. La palla ovale continua la sua fortissima ascesa di popolarità e di presa sui giovanissimi. Mi piace anche il fatto che il rugby stia acquistando sempre più popolarità tra le ragazzine e non dimentichiamo i grandi risultati che la Nazionale femminile sta ottenendo”.
A fare da trade union tra la base e l’alto livello era presente anche il ct azzurro Jacques Brunel e Maxime Mbandà, nazionale U20, cresciuto rugbisticamente a Milano con Amatori Junior e Rugby Grande Milano e che lo scorso anno era tra i volontari che ha contribuito al successo di “Rugby nei Parchi”.

 

A tenere banco anche il futuro: l’assessora Bisconti ha confermato che Milano si è ufficialmente candidata per ospitare la finale di Heineken Cup del 2015 e che sarebbe felicissima di poter nuovamente ospitare la nazionale a San Siro. E poi c’è la questione-Vigorelli, una struttura che necessita di lavori di restauro e sistemazione e che per il momento funziona a singhiozzo. Il presidente FIR Alfredo Gavazzi vorrebbe portare le Zebre a giocare proprio lì. La Bisconti ha confermato che sono in corso i colloqui con la FIR, ma non solo: “Il Vigorelli è sottoutilizzato, a oggi è un impianto che non esprime tutte le sue potenzialità. Deve diventare polifunzionale, oggi una struttura monodedicata non è in grado di sopportare i costi di gestione. Il rugby deve diventare un suo protagonista, assieme al ciclismo, al football americano, la boxe, eccetera. Il concorso per la ristrutturazione è chiuso e sono già stati selezionati dieci progetti. La prossima settimana una commissione tecnica ne scremerà altri”.

 

Anche questa seconda edizione della manifestazione sarà supportata da partner d’eccezione e particolarmente sensibili a supportare le attività legate al territorio, AlleanzaToro Assicurazioni e a2a, che avevano sposato l’iniziativa già lo scorso anno, a cui si aggiunge anche il Gruppo Mediobanca che ha previsto una serie di iniziative e servizi  per coinvolgere le famiglie milanesi e avvicinarle sempre più al mondo del rugby.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Fino in Russia con l’ovale: un giovane trentino con l’under 20 degli Orsi

Andrea della Sala, pilone 19enne del Rugby Trento, convocato dalla Russia under 20 grazie alla doppia cittadinanza

21 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Leinster in testa, Tolosa perde il podio. Italiane stabili

Scivolano indietro invece i Cardiff Blues che perdono sei posizioni

20 Febbraio 2020 News
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming dal 20 al 23 febbraio

Turno importante per Zebre e Treviso, impegnate contro Munster e Cardiff. Come seguirli e non perdersi nessuna sfida ovale

19 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Inghilterra: Andy Hancock ha passato il pallone

Nel Cinque Nazioni 1965 segnò una delle più belle mete della storia del Torneo, salvando Twickenham dalla vittoria scozzese

19 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #64: Italia attenta, Stuart Hogg è pronto

Meta importante per sé stesso e per gli Exeter Chiefs del capitano della Scozia, in campo anche nel weekend di stop del Sei Nazioni

18 Febbraio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Andrea Masi e la sua battaglia per il passaporto inglese

L'ex azzurro ci ha spiegato nel dettaglio tutte le difficoltà nell'ottenimento dell'ambito documento

13 Febbraio 2020 Terzo tempo