L’orgoglio della Francia non basta: Scozia ko ma è ultima

Scozia sempre avanti per oltre un’ora poi Medard e Fofana regalano ai transalpini la prima vittoria del torneo

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Bahiano 16 Marzo 2013, 22:55

    vedere giocare la Francia è un’esperienza surreale. Sembra che lo facciano apposta. Il due contro uno con Debaty(o Ducalcon) che ignora Clerc e va dritto è l’emblema di una (non)squadra senza organizzazione che si basa sui singoli.
    Avrebbero dovuto vincere di trenta punti. Che pena vedere tutto sto talento sprecato!

  2. aristofane 16 Marzo 2013, 22:58

    Brutta partita, resa brutta soprattutto dalla fallosità della Scozia e dagli errori Francesi. Scozia mai realmente pericolosa, sfrutta in pieno tutte le occasioni che ha e marca tutti i punti che può marcare (la meta è però viziata da un blocco che manco nella NFL). Francia che si sveglia con due belle mete, ma spreca una quantità enorme di occasioni…

  3. Katmandu 16 Marzo 2013, 22:58

    finita di vedere ora, direi che la francia ha meritato tutto sommato la vittoria con un secondo tempo con meno errori del primo
    scozia mi è sembrata che per metà del secondo tempo stava già festegiando il terzo posto e gli mancava la giusta cattiveria per chiudere la parita
    ma che bello vedere la più brutta francia di non so quanti anni a questa parte (forse a memria non l’ho mai vista così male)che se ne va a casa con un bel cucchiaione!

  4. Katmandu 16 Marzo 2013, 23:03

    ha mi sono dimenticato gli unici per cui mi spiace veramente sono medard picamoles e dosatuar
    ma che numero da circo ha fatto clerc sul calcio per lui da michalak?
    la meta di visser mi è parsa abbastanza irregolare ma le mete che si sono mangiati i francesi per la troppa confidenza (o troppo poca) hanno li hanno penalizzati più dell’errore arbitrale su Visser

  5. venezuela 16 Marzo 2013, 23:08

    eppure la francia continua ad avere delle ottime individualità….ma il gioco di squadra veramente confuso….o assente

  6. Stefo 16 Marzo 2013, 23:12

    Francia che salva la faccia nel secondo tempo, primo tempo invece sulla linea del resto del torneo non molte idee se non quelle che gli avanti portano…nel secondo tempo nettamente migliore a cominciare dal piu’ discusso Michalak che nel secondo tempo ha finalmente fatto vedere i lampi di cui sarebbe capace…peccato per l’infortunio che sembra bruttino. Francia che in generale nel secondo tempo ha scilto le briglie e si e’ messa a correre dimostrando quanto letale puo’ essere.
    Scozia: io tutte queste critiche le trovo abbastanza assurde, sono duri fisici nei breakdown ed oggi non e’ che i francesi fossero meno al limite od oltre degli scozzesi anzi. Sono ripartiti dalla difesa enlla loro ricostruzione e la cosa funziona, spiace vedere la qualita’ nei 3/4 poco sfruttata col gioco ma ogni tanto hanno delle accellerazioni splendide, al di la’ della meta con fallo netto di Sean Lamont se non sbaglio che comunque e stata splendida altre 2-3 accellerazioni in cui hanno mostrato veramente che se ci provano possono fare male.

    In chiave Lions per me difficile rinunciare ad uno come Hogg…il miglior giovane o “faccia nuova” del torneo, mentre forse anche Laidlaw potrebbe dire la sua.

    • Stefo 16 Marzo 2013, 23:15

      Ah dimenticavo in chiave Lions: Hamilton irrinunciabile, in un tour dei Lions servono giocatori duri come lui, per me con Gray fuori seconda linea Lions titolare: Hamilton-AW Jones solidi sui lineouts, gran lavoratori sia in difesa che come ball carrier e ottimi in mischia ordinata.

    • Katmandu 16 Marzo 2013, 23:17

      La scozia ha fatto quello che nei test si era dimenticata di fare e cioè rallentare il ritmo degli avversari in fase di non possesso. Nel secondo tempo IMHO si sono “dimenticati” per 25minuti di fare questo lavoro e la francia ne ha approfittato tutto qua

      • aristofane 16 Marzo 2013, 23:34

        E’ che dal punto di vista del gioco trovo questo atteggiamento poco simpatico. O hai la chiara opportunità di andare a contendere sul breakdown oppure ti schieri in difesa, se tutti si adeguassero a questo atteggiamento vedremmo partite molto diverse…poi è questione di gusti, ad altri potranno piacere le mani dappertutto e la pressione fortissima sulle ruck, a me, personalmente, annoia, e rende il lavoro dell’arbitro gravosissimo, soprattutto quando si trova costretto a dover scegliere quale fallo fischiare tra quelli prodottisi nel medesimo raggruppamento, è qui che nascono le dispute e le contestazioni all’arbitro stesso.

        • aristofane 16 Marzo 2013, 23:38

          Altro punto sull’agenda IRB dovrebbe essere il fuorigioco, “dietro all’ultimo piede” ha ancora un significato oppure è diventato “a metà della ruck”? Ciò dovrebbe poi valere anche sui 5mt, non credo che le regole cambino a seconda del punto del campo!

        • Stefo 16 Marzo 2013, 23:55

          aristofane gli scozzesi non fanno altro che applicare la lezione che hanno imparato negli ultimi anni…non prendiamoci in giro il galles degli utlimi anni ed anche quest’anno lavora in ruck molto sul metro dell’arbitro…e prendo il galles eprche’ e’ una squadra che tutti sempre applaudono ed ammriano e non vedono mai quanto lavoro “sporco” in ruck o sui breakdown fanno.

          • aristofane 17 Marzo 2013, 00:35

            Sono perfettamente d’accordo, anche il Galles porta molto al limite queste situazioni. Quello che propongo è una bella riunione arbitrale per chiarire la situazione e magari imporre delle direttive che portino ad uno sviluppo diverso il gioco, è ovvio che se l’arbitro permette il giocatore ci va a nozze (magari alcune squadre più di altre), il problema è nel metro generale di giudizio.

          • Stefo 17 Marzo 2013, 00:41

            Aristofane tutte le squadre in ruck ne combinano di cotte e di crude…non facciamo crociate contro questa o quella squadra, la maggior parte delle ruck se gli arbitri andassero alla lettera avrebbero almeno 1 fallo per parte da fischiare (e dico almeno perche’ sono anche di piu’) le direttive ce le hanno ma viene comunque rispettato che abbiano un’area grigia in cui muoversi se no il gioco verrebbe interrotto 4 ruck su 5.

          • aristofane 17 Marzo 2013, 01:15

            Stefo, credo che stia proprio qui il problema, l’area grigia c’è e sempre ci sarà (non vogliamo mica diventare americani!), ma nei breakdown è davvero troppo estesa, e troppo differenti sono i metri arbitrali usati. E’ giusto conoscere l’arbitro e adattarsi ai suoi metri, ma pare che questa stia diventando la chiave per vincere le partite! Mi pare eccessivo, come è eccessiva la libertà lasciata alla difesa quando si ritrova a difendere sui 5mt, le guardie stanno praticamente a metà ruck!
            Che poi alcune squadre sfruttino di più (per loro bravura) la zona grigia mi pare sia un dato di fatto, e mi pare che la Scozia rientri pienamente in questa categoria. Lungi da me lanciare crociate, sono gli arbitri che devono cambiare qualcosa… Walsh oggi pareva aver lasciato la testa nello spogliatoio all’inizio della partita (dominata dal Galles, ma anche qui avrei qualcosa da dire sulla loro mischia, come mai le terze scivolavano sempre addosso ai piloni inglesi? E come mai stappavano quasi sempre prima gli inglesi? Sono diventati improvvisamente masochisti e hanno deciso di perdere scientificamente la migliore posizione di spinta? Non è che forse il Galles ha creato appositamente questa situazione favorevole per spingere 5 contro 2 in ogni mischia? Magari poi sono io che non ci capisco niente…), forse sentiva la pressione della “finale”?

          • Stefo 17 Marzo 2013, 10:57

            Aristofane inizio dicendo che dissento sulla tua visione di Walsh, non ha arbitrato bene come la scorsa settimana ha fatto qualche errore in piu’ ma e’ stato un buon arbitraggio, come arbitra Walsh si sa, si sa che in ruck permette mediamente molto e cosi’ e’ stato…se sei cosi’ critico mi devi portare cosa avrebbe sbagliato.
            Sulla mishcia che fallo specifico imputi ai gallesi?Hai visto specificatamente Jones e Jenkins compiere qualcosa o e’ una tua idea perche’ non e’ possibile che una squadra venga messa nettamente sotto in msichia?
            Scusa aristofane ma se sei cosi’ critico vuol dire che hai visto specificatamente dei falli che Walsh non ha visto.

          • aristofane 17 Marzo 2013, 12:05

            Era puramente una mia impressione, la mischia gallese sarà stata in perfetta forma per tutto il torneo, ma dominare così ogni partita (a parte con l’Irlanda, ma li sono andate storte molte cose) mi è sembrato incredibile… qualche trucchetto l’hanno messo in campo, e sono molte le mischie che sono finite con le terze gallesi a spingere sui piloni avversari, non solo contro l’Inghilterra…
            Su Walsh… non è stato pessimo come Peyper o altri, (anche se dire “non ha arbitrato bene come la scorsa settimana ha fatto qualche errore in piu’” mi sembra un giudizio negativo) tuttavia nei primi minuti sembrava davvero spaesato, pareva fosse stato catapultato in campo direttamente dal letto! Poi si è ripreso, ma i primi minuti era davvero poco presente!
            Hai ragione, i falli con precisione non me li ricordo, ma questo è un problema di memoria, la prossima volta me li segno! 😉

          • Stefo 17 Marzo 2013, 12:22

            aristofane certo che i trucchetti li mettono in atto come lo fanno tutte le mischie, con la Scozia annusato che Joubert si era’ innervosito sui primi eraly engagement scozzesi li hanno tratti in inganno tutta la partita facendoli cadere in altri early engagement fintando loro per primi con piccoli movimenti l’engagement…ma polli gli scozzesi a caderci per tutta la partita.
            Ieri hanno usato ruccetti come ha cercato di usarli l’Inghilterra ma nulla di eclatante o incredibile, alla fine hanno vinto sulla spinta.
            Walsh per me la scorsa settimana ha arbitrato ,olto bene, ieri un po’ meno ma non ha combinato danni favorendo una invece che l’altra ha mantenuto il suo stile arbitrale (la cosa per me fiondamentale, se il 9 arbitri in una maniera, il 16 non puoi cambiare completamente il tuo metro). Il punto per me e’ quest, c’e’ un’area grigia giustamente, posso anche accettare che Walsh si posizioni in un certo livello di questa area grigia e Owens in un’altra l’importante e’ che siano coerenti partita dopo partita.

          • Stefo 17 Marzo 2013, 12:27

            Sul discorso falli da citare Aristofane non e’ contro di te ma pur dicendo che si c’e’ un problema arbitrale mi sembra che ormai il dire arbitro confuso che non ne ha azzeccata una sia una moda.
            Come ti scrivevo ieri poi e’ abbastanza facile criticare, ad ogni ruck ci sono minimo 1 fallo per squadra, uno sceglie cosa l’arbitro decide di lasciar passare e critica perche’ andando letteralmente sul regolamento il fallo c’e’ quasi ad ogni ruck.
            Il putno e’ vedere un arbitro essere equo e chiamare o non chiamare le stesse cose e continuo partita dopo partita nelle sue interpretazioni.

  7. Stefo 16 Marzo 2013, 23:50

    Decido di battere tutti sul tempo col mio XV del torneo:

    15-Halfpenny: giocato tutte le partite in maniera impeccabile, sicuro sui palloni alti e nel gioco al piede, nel far ripartire l’azione e nll’inserirsi nella linea d’attaco. Menzione speciale a Hogg…quando decide di ripartire da sempre la sensazione di poter creare qualcosa. Da rivedere qualcosa in fase difensiva.

    14- Cuthbert: sempre propositivo, taglia in mezzo per cercare palla quando la squadra fatica a fargliela arrivare e quando gliela fanno arrivare e’ sempre pericoloso. Solido al piede ed in difesa.

    13- Bod: sara’ vecchio e non avra’ piu’ la velocita di una volta ma in difesa e’ sempre perfetto ed e’ ormai un animale in via d’estinzione coi centri enormi che giocano a buttar giu’ l’avversario.

    12- Roberts: sono in difficolta’ in questo ruolo non ho visto molto in giro se non pachidermi che cercano di sfondare i muri…roberts almeno prova sempre qualche offload.

    11- Visser: poco sfruttato dal gioco scozzese quando pero’ e’ stato coinvolto ha fatto vedere di poter essere letale.

    10- Biggar: alla fine vince il Galles il torneo ed alla fine e’ il giocatore che partito peggio e’ venuto fuori alla distanza. Farrell ha saltato la partita con l’Italia ed oggi ha floppato di brutto quando invece Biggar ha sfoderato una prestazione impressionante.

    9- Laidlaw: il piu’ costante, uno dei pochi che non era naufragato alla prima a Twickenham ha giocato un bel torneo arricchito dalle sue percentuali di trasformazione.

    1- Healy: nel loose e’ un animale ed e’ diventato estremamente solido anche in chiusa.

    2- Ghiraldini: di gran lunga il piu’ completo, ormai solido al lancio, buon scrummager, buon ball carrier, buon difesnore…forse non e’ eccellente in nessuna di queste voci ma e’ di sicuro il piu’ completo del torneo.

    3- A. Jones: a parte la prima dove e’ stata spazzato via ha giocato un grn torneo ed e’ un gran leader. Menzione speciale a Cole: andato spegnendosi nel torneo ma se in forma e’ il numero uno in Europa.

    4- Hamilton: animale allo stato brado, si fa sempre sentire in campo in tutto quello che fa ed e’ sempre pronto a dare la carica ai compagni.

    5- AW Jones: la sua assenza alla prima si e’ sentita, piu’ di quanto si pensasse. Gran lavoratore, placca, porta palla ed in mischia ordinata e’ solidissimo.

    6- Zanni: torneo straordinario il suo, ormai e’ piu’ che una sicurezza per l’Italia ed un punto di riferimento nel ruolo a livello Europeo. Menzione speciale a Dusautoir: sempre leader sempre un grande ma sto anno Zanni per me gli e’ stato superiore.

    7- O’Brien: sempre il migliore in tutte le partite dell’Irlanda, ball carrier incredibilmente efficace e sempre presnete in difesa. Menzione speciale a Warburton e Tipuric: il primo partito lento e’ ritornato il giocatore che conosciamo nel corso del torneo con una prestazione magistrale nella partita decisiva, il secondo ha dovuto sopperire ai problemi di Warburtion nella prima parte del torneo ed ha fatto bene, sempre presente in ruck dove e’ pericolosissimo.

    8- Per me impossibile sciegliere tra Parisse e Picamoles, entrambi devastanti, modi diversi nel modo di giocare ma efficaci e fondamentali entrambi, entrambi leader imprescindibili per le loro squadre…Parisse straordinario c’e’ poco da aggiungere ma altrettanto Picamoles che ha portato la squadra francese sulle spalle per 4 partite, senza di lui i francesi non avrebbero fatto 150 metri in avanzamento in nessuna partita. Ci ho pensato su tanto ma non riesco a scegliere e’ l’unico parimerito che do.

    MVP del torneo: per me Halfpenny

    • Katmandu 17 Marzo 2013, 08:53

      Quoto per 14/15 io all’ala al posto di chutbert avrei messo (udite udite) venditti, e per dirlo io, ha fatto a mio parere prestazioni più continue del gallese

      • Katmandu 17 Marzo 2013, 08:57

        Ps stef scusa ma se a 12 si mettesse fofana? Va beh è arrivato ultimo con la francia ma quando ne ha avuto l’occasione ha sempre macinato gioco per se e per gli altri

    • ike 17 Marzo 2013, 11:10

      Hai dei dubbi su Roberts ? E’ mimetizzato nel gioco del Galles, ma quando ti accorgi che c’è è già tre metri più avanti.
      Quanto a Parisse-Picamoles, mi spiace per Sergio, ma direi decisamente Picamoles.
      Biggar è il frutto di un pò di limitatezza del settore, ma non vale Sexton

      • Stefo 17 Marzo 2013, 11:12

        Ike come fai a mettere Sexton a 10 del torneo quando ha giocato solo una partita?Il 15 del torneo esprime quelli che sono stati i giocatori migliori nel corso del torneo non i potenzialmente migliori.

        • ike 17 Marzo 2013, 19:14

          Mettendo insieme tempo giocato, senso tattico, classe e utilità alla squadra a me vengono nell’ordine Sexton e Farrell.
          Se Farrell ieri avesse giocato da par suo l’ordine sarebbe stato invertito.
          Biggar mi ha convinto solo ieri.
          PS
          Scusa la risposta ritardata, ma non sono come i mie figli che vivono, mangiano e dormono su Facebook!

          • Stefo 17 Marzo 2013, 20:02

            ike secondo me fraintendi il senso che io do (e siti come scrum, planetrugby o altri danno) al XV del torneo. Non e’ un discorso in generale chi e’ il piu’ forte ma relativo al torneo. Ora Sexton ha giocato 100 minuti piu’ o meno nel torneo non credo che possa venir eletto migliore apertura del torneo avendo giocato 1/5 dei minuti del torneo. E’ il piu’ forte?Lo chiedi a me che tifo Leinster e Irlanda 😉
            Farrell e’ piu’ forte di Biggar in senso assoluto ma di nuovo stando al torneo Farrell ha perso la sfida diretta…ha “chockato” e di brutto ieri come tutti i giovani virgulti inglesi mentre Biggar ieri nella partita piu’ importante ha sfoderato una prestazione sontuosa ed onestamente ha seguito per me il percorso di tutto il Galles nel torneo…partenza lenta sono migliorati di partita in partita.

            Quindi sulla base che il posto io lo baso sulle indicazioni di questo torneo non in generale, su chi nel torneo e’ stato piu’ decisivo io (ma eovviamente e’ soggettivo) il posto lo do a Biggar.

            Se mi chiedi di metterli in ordine a livelli assoluti cioe’ in base alle capacita’ la classifica e’ Sexton, Farrell, Biggar.

  8. ike 17 Marzo 2013, 11:06

    Come mi faceva notare ieri un amico, un vero “cucchiaio di legno” si dovrebbe dare solo quando si perdono tutte la partite.
    Qui non ha perso nessuno.
    Galles e Inghilterra sono sopra le altre.
    Francia e Irlanda sono ultime e l’Irlanda ha battuto chi ha vinto il six Nations.
    Una corretta espressione delle forze viste in campo.
    Quindi da onesti amanti di questo gioco: nessun cucchiaio di legno, nemmeno per i non tanto simpatici francesi, che in fin dei conti con l’Inghilterra hanno dato l’anima e con la Scozia hanno vinto.

    • Stefo 17 Marzo 2013, 11:11

      ike veramente la cosa e’ molto discussa, gli inglesi dicono che va all’ultima in classifica punto e basta, i francesi a chi ha perso tutte le partite che gli inglesi invece chiamano whitewash, sono due scuole di pensiero.

      • ike 17 Marzo 2013, 19:18

        Al di là della fiscalità della cosa, che pure importa, cogli la mia volontà di dire che alla fin fine l’importante è vedere del buon rugby. Altrimenti facciamo la fine del calcio.
        PS
        Se vogliamo davvero dare un cucchiaio di legno ai cugini d’oltralpe che non ci vogliamo sicuramente molto bene, ma ci danno in compenso splendidi allenatori, battiamoli un’altra volta di fila a questa.

        • Stefo 17 Marzo 2013, 19:56

          No ike il mio discorso e’ che una cosa dibattuta da decenni tra anglofoni e francesi…tutto qua…gli anglofoni insistono che va a chi arriva ultimo senza se e senza ma, i francesi dicono che va a chi le perde tutte…direi chi ha ragione o tornto e’ seguire una scuola di pensiero ma difficile dire a priori hanno ragione gli uni o gli altri.

  9. Stefo 17 Marzo 2013, 11:09

    Cia kat, per quel che riguarda il mio 15 lo confermo come scritto ieri: Cuthbert 14 e Roberts 12. Fofana troppo poco per poter entrare nel 15 del torneo per quanto mi paiccia moltissimo.

  10. ernesto 18 Marzo 2013, 12:23

    Fofana al posto di Roberts

Lascia un commento

item-thumbnail

Sei Nazioni-CVC: la trattativa rallenta

Il board del torneo e il fondo d'investimento non chiuderanno a breve l'accordo

12 Agosto 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Irlanda-Italia verso le porte chiuse

La federazione irlandese rimborserà i biglietti per le sfide tra Irlanda e Italia (anche quella femminile) e gli spalti potrebbero restare vuoti

item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: date, orari e stadi per la conclusione del Torneo

La competizione si chiuderà entro il 31 ottobre, e ci sarà una conclusione anche per il torneo femminile

item-thumbnail

Sei Nazioni: i giocatori dell’Italia scelti per creare il XV ideale

Per i vent'anni dalla "nascita" del torneo, arriva un'occasione unica per i fan: creare il loro best team

28 Luglio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni, Laporte: “CVC acquisirà il 14,5% del Torneo”

Il vicepresidente di World Rugby ha reso nota l'operazione durante l'assemblea generale della federazione francese