BergaMirco promette sorprese e racconta la sua paura

Il trequarti ha temuto che l’infortunio di Firenze mettese la parola fine alla sua carriera

ph. Sebastiano Pessina

“Lo ammetto, il sospetto che la mia carriera fosse finita sul prato di Firenze mi è venuto. Cosa sia capitato, di preciso, ancora non l’ho capito. (..) E’ successo come quando due uova sbattono fra loro: se ne rompe soltanto una, ma senza spiegazioni reali”.
Mirco Bergamasco spiega così a Guido Alessandrini sulle pagine di Tuttosport la sua paura dopo l’infortunio capitatogli a fine novembre nel secondo tempo di Italia-Australia.
Il recupero, per fortuna, sta andando a gonfie vele e Mirco potrebbe rientrare nel gruppo già per l’ultima fase del torneo continentale. Il trequarti spende poi parole di ammirazione per il lavoro svolto dal ct Brunel: “Ci muoviamo, ci divertiamo, osiamo. Con questo ct abbiamo ritrovato il piacere di giocare come soltanto con Berbizier, anche lui francese, era successo in questi ultimi anni. E allora lo dico: quest’Italia sorprenderà tutti nel prossimo Sei Nazioni”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Italia, la formazione per l’esordio contro la Namibia

Conor O'Shea fa un po' di turnover e lascia in panchina Polledri e Minozzi. 17 su 23 saranno all'esordio in un Mondiale

20 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Luca Bigi: “Vogliamo imporre il nostro gioco”

Il tallonatore azzurro, probabile titolare con la Namibia, ha parlato della sfida che attende l'Italia

19 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, il pragmatismo di capitan Parisse: “Il nostro primo obiettivo si chiama Namibia”

A meno di una settimana dall'esordio iridato, il leader azzurro stringe il focus sui primi avversari da affrontare

16 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Italia, il punto della situazione da Sugadaira

Le parole di Minozzi, Ghiraldini (che sta recuperando) e Tebaldi, a nove giorni dall'esordio mondiale. Gli azzurri intanto si sono spostati a Osaka

14 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nuovi dettagli sull’addio di O’Shea alla panchina dell’Italrugby

Dopo la notizia dell'avvicendamento tra il tecnico irlandese e Rob Howley emergono nuovi particolari

12 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Guglielmo Palazzani: “Abbiamo ricevuto una grande accoglienza in Giappone”

Il mediano di mischia azzurro ha parlato dell'ambientamento in terra nipponica e dell'imminente gara contro la Namibia

10 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
  1. stefano nicoletti 14 Gennaio 2013, 13:00

    Anche secondo me avremo delle sorprese.

    • mezeena10 15 Gennaio 2013, 13:53

      concordo..mai come quest’anno potrebbe esser l’italia la mina vagante del torneo..almeno lo spero..sempre si confermino sui livelli mostrati a novembre con qualche mese di “rifinitura” in piu (penso a qualcuno che in altri ruoli potrebbe render di piu, tipo masi)..sfruttare il fattore campo obbligatorio e vincere in scozia!

Lascia un commento