Jake White e quel sogno che indossa una maglia color oro

In una intervista l’ex ct springboks campione del mondo non fa mistero che a una chiamata della nazionale australiana direbbe di sì

ph. Mike Hutchings/Action Images

“But you ask would I like to coach the Wallabies. Of course that is a dream job”. Servono traduzioni? Non lo riteniamo necessario, ma insomma, l’attuale head coach dei Brumbies non fa mistero che davanti a una chiamata della federazione australiana per guidare la nazionale non si tirerebbe certo indietro. Anzi. Jake White, che un mondiale lo ha già vinto nel 2007 guidando gli springboks, lo dice candidamente al quotidiano The Australian.
Una intervista che arriva in un momento molto particolare, in cui l’attuale ct Robbie Deans non smette di essere sulla graticola, per vari motivi: il primo è che la sua conduzione tecnica continua a non piacere e convincere. E’ vero che la sua Australia è terza nel ranking dietro al Sudafrica per un pugno di centesimi, che è una delle uniche due squadre a non aver perso contro gli All Blacks da luglio 2011, che è arrivato secondo nel Rugby Championship e che nei test autunnali ha vinto contro Inghilterra e Galles. Però è anche vero che con i dragoni ha vinto grazie a una meta negli ultimi venti secondi e che per un pelo non vinceva nemmeno con l’Italia: diciamo che in queste due occasioni la dea bendata ha ridato ai wallabies quello che si era presa in termini di infortuni nei mesi precedenti. E non è che l’Australia abbia mai particolarmente brillato negli ultimi tempi (pareggio con gli All Blacks e vittoria in Argentina a parte).
Probabilmente alla ARU non sono pochi quelli che vorrebbero cambiare gestione, ma i Lions sono in arrivo. E subito dopo inizia il Rugby Championship. Insomma, la posizione di Deans è tutt’altro che stabile, ma il tempo lavora per lui. Anche se in caso di disfatta con la selezione britannica…

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

In Nuova Zelanda temono di aver regalato all’Irlanda un altro potenziale titolare internazionale

James Lowe, Gibson-Park e Bundee Aki: ora c'è lo spettro di un nuovo errore

item-thumbnail

Test Match Summer Series 2024: due partite verranno dirette da arbitri italiani

Una partita a fine giugno e una a metà luglio. Ci sono anche designazioni da assistenti

item-thumbnail

I primi convocati dell’Inghilterra per il raduno di preparazione ai Test Match estivi

Sette esordienti per Steve Borthwick, privo degli atleti impegnati nelle semifinali di Premiership

item-thumbnail

Springboks e All Blacks: l’idea di due tour completi fra Sudafrica e Nuova Zelanda

Le nazionali più titolate del mondo stanno cercando un accordo per il futuro

item-thumbnail

Test Match estivi: l’Inghilterra perde una pedina importante per il tour in Giappone e Nuova Zelanda

Steve Borthwick affronterà gli impegni di giugno e luglio con alcune assenze di rilievo

item-thumbnail

Gatland ha rivelato che c’è “una porta aperta per il ritorno di George North in Nazionale”

Il tecnico ha detto che valuterà le condizioni della leggenda gallese, che potrebbe concedersi un'altra "Last Dance" dopo il finale deludente di Cardi...