Benetton Treviso e Zebre, viaggio tra due diversi problemi di crescita

Cosa ci dicono i primo due mesi di partite delle due principali squadre italiane? Considerazioni e alcuni spunti di riflessione

COMMENTI DEI LETTORI
  1. luis 28 Ottobre 2012, 11:19

    La vera differenza per Treviso è il budget ( che alla fine vuol dire giocatori di spessore internazionale ) rispetto alle corazzate di HC e PRO 12: il lavoro che sta facendo Franco Smith e il suo staff è di sicuro valore e se pensiamo -come detto-che nessuno nasce imparato e da dove sono partiti io credo che possiamo essere contenti.Certamente ci sono cose da migliorare ma ci vogliono tempo e…soldi!!! Poi ci sta anche di giocare male e perdere come ieri sera, anche se di fronte ci stava una onesta squadra, molto “rognosa” ma niente di più. Sarebbe stato importante leggere meglio la gara ed evitare di sparare calci a vanvera dando l’impressione provata di non sapere cosa fare.
    Per quanto riguarda le Zebre penso che nell’articolo le ovvie considerazioni siano oltremodo esaustive: non si nasce imparati e non si inventa niente su due piedi, ci vuole tempo e tanta pazienza.

    • Il Mago 29 Ottobre 2012, 13:43

      scusate ma sta storia del budget deve anche finire soprattutto se ci si paragona alle scozzesi (Edimburgo e Glasgow) che hanno lo stesso budget se non di poco inferiore a Treviso, e lo dico da tifosissimo dei Leoni !!!!

  2. Stefo 28 Ottobre 2012, 11:24

    Crescita enorme di Treviso rispetto allo scorso anno?Mi sembra una visione molto partigiana della cosa, qualche passo avanti c’e’ stato ma non enorme (se si parla rispetto alla scorsa stagione). I limiti mi sembrano molto gli stessi dell’anno scorso per il momento. Detto questo il Benetton nelle scorse due stagioni ha fatto buone prime parti di stagione come la sta facendo oggi, il vero passo in avanti enorme per la Benetton sara’ passare a reggere tutta una stagione sia sul piano del gioco che dei ritmi che dei risultati.

    Zebre…work in progress.

    • ginomonza 28 Ottobre 2012, 11:58

      Stefo concordo pienamente anzi per TV secondo me non c’è nemmeno tanto progresso sia riguardo ai risultati sia riguardo al gioco rispetto all’anno scorso e forse regresso ( per risultati) rispetto a due anni fa e per me questo è grave.
      Ciò che mi preoccupa è che nel secondo tempo subiscono quasi sempre.
      Passi per Tolosa ma ieri? ed erano pure in superiorità numerica mentre con Tolosa almeno erano in forte inferirità quando c’è stato il break.

      • Il Mago 29 Ottobre 2012, 13:45

        vista la partita , questa ed anche le altre !! straquoto Stefo e Ginomonza !

    • Rabbidaniel 28 Ottobre 2012, 12:27

      Concordo Stefo. Il passo in avanti si vedrà, se ci sarà, dopo il mese di test match. La stagione finora è buona, però sconfitte come quella di ieri devono far riflettere. Lasciarsci scappare la partita in casa, in vantaggio numerico e contro una squadra che è buona ma che è alla tua portata.
      Quando Munari dice che non siamo ancora al livello degli altri penso che abbia in mente proprio queste situazioni.

      • gsp 28 Ottobre 2012, 12:52

        @rabbi, io aspetterei fine stagione quando alti e bassi di tutte le squadre si saranno compensati. Allora vedremo la classifica.

        Per le zebre, per me il criterio di giudizio e’ quanti giocatori battezzano a questo livello, non prendendo imbarcate. Non e’ fuori casa con munster o scarlets che devono fare risultato.

    • kinky 28 Ottobre 2012, 14:40

      Stavolta Stefo concordo con te (vai a leggere la mia risposta a quello che mi hai scritto ieri). Piccoli passi avanti dall’anno scorso ma nulla di più, che è già qualcosa comunque!! Però continuo a ripetere che la differenza deve essere mentale perchè tecnicamente e fisicamente ormai per molti giocatori della rosa siamo al livello delle squadre migliori!! Basti guardare la partita di ieri dove secondo me eravamo ‘nettamente superiori’ (si Stefo ne sono convinto) ma abbiamo perso lo stesso. Speriamo che la differenza il Benetton la stia facendo negli allenamenti, durante la settimana quando non li vediamo, cioè facendo crescere quei giovani che ad oggi sono poco utilizzati e che stanno formandosi per le prossime stagioni!!

      • kinky 28 Ottobre 2012, 14:44

        P.S. Le Zebre per ora non possono essere giudicate o criticate ma solo incoraggiate, soprattutto per i giocatori che comunque ci mettono l’anima!! Forza Zebre e forza ragazzi!!

      • franky 28 Ottobre 2012, 15:52

        a mio parere tecnicamente siamo ancora inferiori, proprio come basi del gesto tecnico e ciò si vede soprattutto tra i trequarti; molti giocatori delle altre squadre hanno più padronanza del gesto tecnico (controllo palla, passaggio ecc) rispetto anche ai nostri migliori giocatori, questa è un po’ la mia impressione e credo sia normale vedendo la differenza fra il nostro e il loro movimento
        quando si riesce a sopperire con grinta e intensità allora limitiamo il divario tecnico quando c’è

      • Stefo 28 Ottobre 2012, 16:32

        Il problema kinky e’ che tecnicamente e fisicamente solo parte della rosa Benetton e’ di livello e questo e’ quello che la tiene assolutamente non al livello delle migliori e forse neanche al livello di squadre come Glasgow (che ha raggiunto le semifinali di CL 2 volte negli ultimi 3 anni e quest’anno e’ quarta al momento).
        LA strada e’ lunga, a questo rugby ci sonoa rrivati con la CL e gia’ quello che hanno fatto e stanno facendo e’ molto visto il livello del movimento di cui sono espressione, sono gli unici a fare rugby d’alto livello con cognizione di causa e si vede dai buoni risultati che comunque stanno facendo.
        MA la strada e’ lunga per essere al livello dei migliori.
        Piccoli miglioramenti ci sono stati (non enormi che era quello che non condivido del pezzo) e questo e’ importante. Pero’ non mi paicciono queste “pagelle” dopo 2 mesi e per Treviso le trovo anche poco calzanti visto che le prime parti di stagione sono il forte di questa squadra, per me il vero progresso la Benetton lo dimostrera’ evitando i crolli “post cotechino e lenticchie” che hanno avuto nelle ultime stagioni…quello e’ stato il loro grosso tallone d’achille nelle scorse stagioni ed e’ quello che personalmente aspetto per valutare i loro progressi.

  3. franky 28 Ottobre 2012, 12:42

    parlo di treviso : giudico questo avvio migliore di quello dell’anno scorso per la qualità delle squadre affrontate anche se a inizio anno i valori visti in campo non sono quelli reali; è stato senz’altro positivo vincere partite pur non giocando molto bene o giocando solo un tempo (es. ospreys e scarlets) ora ci sono occasioni (eccetto ulster) da non sprecare per migliorare la classifica
    note positive il pacchetto (con qualche eccellenza : minto, favaro ma anche vosawa nelle ultime uscite) e di bernardo, negative gli infortuni e dei trequarti ancora incostanti soprattutto in fase offensiva
    senza dubbio manca ancora qualcosa e come sempre le previsioni di playoff o cose del genere sono un po’ avventate ma penso che possa fare comunque bene
    in heineken una grande prestazione e una buona prestazione, se in celtic manca qualcosa per vincere non oso pensare in heineken quindi per ora l’heineken è positiva
    da vedere come la squadra reagirà durante le nazionali e durante i primi mesi del 2013 tradizionale osso duro della preparazione atletica
    la mia impressione è che la benetton vinca solo se c’è mentalmente (anche quando non ha giocato bene e ha vinto mentalmente era pronta) perché se dobbiamo affidarci alla qualità del gioco, ai nostri mezzi tecnici la differenza tra il nostro movimento e gli altri emerge

    il vero confronto lo farei con l’anno scorso e non con il primo anno celtico perché là l’effetto sorpresa-entusiasmo incise molto nelle partite casalinghe
    comunque per ora possiamo fare solo mini bilanci, le vere somme le tireremo più avanti

  4. berton gianni 28 Ottobre 2012, 13:59

    C’e’ un dato di fondo che nessuno ha sottolineato e che invece, a mio parere, e’ il piu’ importante e centrale in questa discussione. Finora Il Benetton ha giocato sempre e solo con gli italiani. Perche’ state tutti a considerare-valutare se Treviso e’ migliorata o meno rispetto alle scorse 2 stagioni, ma come si puo’ pensare che riesca a crescere di spessore se non riesce ad aver quel naturale quid in piu’ dagli strangers ? Alla fine, vorrei vedere questo roster con tre super innesti stranieri. E poi ne riparliamo…

    • kinky 28 Ottobre 2012, 14:41

      Quoto pienamente, giá scritto la settimana scorsa da me!! Questa rosa con tre stranieri che fanno la differenza e allora si che ci si diverte!!!!!!!!

    • Rabbidaniel 28 Ottobre 2012, 18:15

      Gianni, il tuo discorso è valido, ma soprattutto se ti riferisci ai club inglesi e francesi. Le risorse dei club di Pro12 forse sono un po’ superiori a quelle di Treviso, ma non più di tanto. Addirittura i gallesi hanno problemi a trattenere i propri giocatori di livello.
      Ciò che è chiaro è che il movimento italiano non ha fatto, a livello di club/franchige, salti di qualità a livello di popolarità, di sponsor e di budget, fattori indispensabili, e qui ti do ragione da vendere, per essere più che competitivi nel rugby professionistico e per avere la possibilità di ingaggiare qualche straniero importante.
      Basta vedere il Giappone, con gli sponsor giusti sta portando a casa giocatori di qualità e organizzerà i mondiali. Valuteremo poi se sarà sufficiente acché la nazionale del sol levante divenga di Tier 1, ma almeno ci sono le basi economiche e organizzative.

  5. C.U.S – TODE 28 Ottobre 2012, 14:11

    esatto gianni,teneendo conto che leamaro,corn e dingo erano appena rientrati e probabilmente se fossero stati più amalgamati sarebbe girata diversamente…cmq loro sicuramente non sono quei fenomeni di stranieri di prima fascia di cui tv probabilmente avrebbe bisogno.

    • franky 28 Ottobre 2012, 15:47

      purtroppo i stranieri di prima fascia non ce li possiamo permettere sia economicamente che tecnicamente; però penso che acquisti come nick williams e loamanu sono ottimi acquisti perché vanno a dare qualcosa in più in un area di gioco dove gli italiani deficitano di più, cioè forza fisica,potenza ecc
      vediamo le prossime partite come si comportano i nuovi arrivati e come rientra dingo

  6. nessuno 28 Ottobre 2012, 18:29

    A priscindere che io la vedo diversamente da voi perchè parto un pò indietro e forse non ricordavate dove giocava tre anni fa quelli che giocavano ieri sera e dove invece giocavano gli altri ma giustamente la tematica era dall’anno scorso quindi mi concentro sull’anno:
    Comunque vi pongo questi quesiti :
    1-il benetton ha avuto un bacino di nuovi giocatori dietro pronti per un campionato di livello che hanno alimentato i reparti come le altre squadre?
    2-Il benetton ha giocatori di 2° scelta da impiegare di livello e pronti per 80 minuti? no perchè non giocano mai e stanno a guardarsi le partite in tribuna..
    3-Tutte le squadre di celtic o francesi o inglesi hanno innesti di qualità stranieri che fanno rifiatare i soliti 15-16 che giocano assiduamente..noi li possiamo avere (sia da lato economico che di leggi)?
    4-Secondo voi cresce di piu e prima un giocatore di 20 anni o uno di 30? Ad esempio Iannone e Di Santo chi è cresciuto di più come giocatore? collegandomi con la domanda 2 e 3…
    E poi valutiamo la crescita del benetton…prima impariamo a guardare dietro e poi capiamo perchè cresce poco o tanto…
    5-Ultima cosa che non centra con la discussione: ma a voi non capita una serata storta? prima leoni leoni poi a criticarli…ringraziamo il cielo che ce l’abbiamo na squadra cosi in italia…
    Discorso delle zebre: aspettiamo dopo natale e poi valutiamo

    • Stefo 28 Ottobre 2012, 20:11

      Nessuno senza intenti polemici leggi bene quello che si scrive ad esempio io ho scritto:
      “LA strada e’ lunga, a questo rugby ci sonoa rrivati con la CL e gia’ quello che hanno fatto e stanno facendo e’ molto visto il livello del movimento di cui sono espressione, sono gli unici a fare rugby d’alto livello con cognizione di causa e si vede dai buoni risultati che comunque stanno facendo.”

      • nessuno 29 Ottobre 2012, 09:09

        Si stefo mica volevo discutere i vostri commenti pienamente corretti …la nostra crescita-decrescita è drogata-influenzata da fattori extra …e volevo “mettere i puntini sulle i” all’ articolo…corriamo con le zavorre ai piedi..

  7. ginomonza 28 Ottobre 2012, 19:50

    Nessuno,
    concordo con te però bisogna applicare la stessa misura.
    Non si può dire a proposito di TV dove giocava tre anni fa e dare solo qualche mese alle zebre; non credi?

    • nessuno 29 Ottobre 2012, 09:13

      Hai perfettamnete ragione….le zebre devono crearsi un identità che (vedendo il primo tempo con il munster) pian piano stanno avendo..ci vuole tempo…

  8. Katmandu 28 Ottobre 2012, 21:10

    partiamo dal presupposto che commentare una stagione dopo delle sconfitte non è mai facile e si riscia di non essere obbiettivi, detto ciò
    Treviso i miglioramenti ci sono a livello di prestazione e si vedono sul campo dopo un inizio terribile come quello suo le prestazioni ci sono state si sono solo presi un tempo di vacanza nella partita contro gli ospriz mica lo spilimbergo (con tutto il rispetto per il rugby spilimbergo) ma subito hanno reagito e altri cali di tensione non si sono palesati e denota una tenuta mentale molto migliorata è indubbio inoltre non ne sono sicuro ma anche a livello difensivo mi pare siano più presenti e meno fallosi e sicuramente la strada intrapresa mi pare buona ora per quanto riguarda le cose negative sicuramente c’è e si è visto la panca poco profonda a livello di qualità in alcuni settori e cioè non ha nessuno che si alza dalla panca e riesce a spaccare la partita, senza scomodare la partita con tolosa, ma anche contro i warriors si è visto benissimo loro hanno messo in campo un apertura il secondo tempo per rimpiazzare jackson rotto e, senza fare superman, ma facendo cose semplici ha messo in crisi TV. Inoltre, odio ripetermi, ma sempre nella partita contro Glasgow si è vista benissimo, il game plan scelto era completamente sbagliato o forse i giocatori non hanno fatto quello che diceva smith, e sarebbe ancora più grave, ma loro avevano ben chiaro cosa fare due fasi massimo e calciare postando pressione sul punto di caduta TV invece si sentiva in dovere di giocare maul, pick &go o aprirla non importa si sentivano di aprire ma con la pioggia battente non si dovrebbe far uscire il pallone dai primi 8 uomini e invece mettono brandon che (mi fa malissimo dirlo perchè lo adoro come giocatore) non era la sua partita per nulla come fai a mettere un giocatore che pesta sui piedi manco fosse sempre vendemmia quando il campo è simile a quello del calcio saponato?
    Ora le zebre lasciando perdere i risultati ma vedendo il livello di gioco se non si avvicinano minimamente a quello che ha fatto TV il primo anno di CL sarà sicuro un fallimento perchè TV si è messa a rinforzare la squadra con un progetto partito due anni prima dell’ingresso in CL e quindi 2 di aironi questo dovrebbe essere il terzo del progetto franchige e i risultati dovrebbero essere gli stessi e non venite a dirmi che non conta quello che succede fuori dal campo perchè anche la gestione extrasportiva di una squadra conta tanto se non di più dei risultati sul campo e quindi i risultati li volglio vedere altrimenti si ammette il fallimento dell’ intero progetto senza un identità senza un mercato adeguato dove voglio andare? e poi troppi falli . veniamo alle cose positive mi piace la gestione dei “giovani” (ma fino a quando si possono considerare giovani?) si vede che li fa giostrare bene e non chiede la luna ma credo che alla fine il logorio mentale si farà sentire alla lunga e non trovare le certezze che si trovano normalmente durante le partite in un campionato alla pari finirà per bruciare qualcuno
    La differenza fra le due italiane è questa di treviso si parla di limare dettagli (comunque importanti come il game plan) ma la strada se non sale almeno vede lo striscione del gpm a parma non hanno nemmeno improntato la salita…

    • gsp 29 Ottobre 2012, 00:14

      Ritorna l’ossessione. Ed hai perfettamente ragione, basta cambiare ‘zebre’ con ‘federazione’. Pero’ stai valutando il lavoro della federazione non delle zebre.

      E pero’ dai, fai una proposta realistica che avrebbe permesso agli aironi di continuare ad esistere.

      • Katmandu 29 Ottobre 2012, 09:43

        Sicuro non è un ossessione anche perchè stanotte ho dormito benissimo senza sogni in bianconero 😉
        Io comunque posso pure proporre ma ciò che dico io lo si può benissimo cestinare perchè vale come il due di picche con briscola denari
        Quello che dico è che i risultati di un progetto sperimentale come la CL per l’italia da una parte si vedono e dall’altra no. Niente scuse è colpa do questo di quello e di quell’altro non mi interessa a livello di gioco e solo parlando di quello si è molto regrediti rispetto a sei mesi fa. Prova a sostenere il contrario va bene i migliori se ne sono andati ma almeno lo staff si poteva confermare per un anno per dare una parvenza di continuità al progetto? Per adattarsi a un nuovo allenatore ci vuole in media un annoe mezzo se a questo ci aggiungi giocatori nuovi capisci che sul campo i risultati son questi

        • gsp 29 Ottobre 2012, 11:51

          Invece io spingo oltre. e’ bene che le responsabilita’ abbiano nome e cognome, anche in FIR ed a livelli alti cosi’ qualcuno paga finalmente per gli errori fatti. pero’ c’e’ anche da essere realisti e vedere quali erano le opzioni possibili. oggettivamente, visti i rapporti anche personali, non c’erano altre soluzioni. a meno di fare le zebre in un altro posto. ma quello avrebbe cambiato il tuo giudizio?

          Pero’, ribadisco, un conto e’ se vuoi giudicare la FIR, altro se vuoi giudicare le zebre. secondo me per adesso le zebre non stanno facendo male.

          confermare lo staff dell’anno scorso? dipende. io ero in minoranza ed ho difeso Aironi e staff. pero’ spesso mi sono chiesto se una squadra con fasi statiche solide, calciatore con ottime percentuali ed un sinoti in piu’ avrebbe potuto e dovuto fare di piu’, magari scegliendo un tipo di gioco piu’ consono. e soprattutto, a volte tu analizzi i punteggi col bilancino. hai dimenticato l’HC dell’anno scorso?

  9. boh 29 Ottobre 2012, 08:06

    Mia personalissima impressione…. giocatori stanchi e spremuti?
    Nei test match ne vedremo delle belle. Un conto è avere 30 giocatori di livello distribuiti su una decina di squadre. Un altro è averli tutti in una sola squadra.

    • nessuno 29 Ottobre 2012, 09:17

      Appunto..il peso della nazionale mi sa che per altri 3-4 anni deve prenderlo sulle spalle ancora treviso..sperando che qualcuno di nuovo si renda conto dei 16 anni di medioevo sono stati disastrosi..

  10. boh 29 Ottobre 2012, 10:38

    Katmandu, non sono i sogni bianconeri che non ti fanno dormire, sono quelli neroargento …….visto che continui a ripeterla come un rosario. Comunque se qualcuno doveva rimanere, forse quello era Philips… tutti gli altri a casa. Ma in queste condizioni, sarebbe stata dura anche per lui.

Lascia un commento

item-thumbnail

Il XV “ideale” del Benetton in dieci anni di storia celtica

Una selezione fatta dai migliori giocatori biancoverdi nel torneo transnazionale

27 Maggio 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, Pavanello: “Il nuovo accordo del Pro14? Una garanzia per il futuro”

Il ds dei veneti fa il punto della situazione in casa biancoverde, soffermandosi sugli aspetti societari

25 Maggio 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Zebre e Benetton: il punto sugli allenamenti del mese di maggio

Le due franchigie italiane proseguono nei loro programmi individualizzati

20 Maggio 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: Joaquin Riera è ufficialmente un Leone

L'ex Petrarca sbarca alla Ghirada dopo un anno da permit

20 Maggio 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Onrugby Relive: Leinster va ko, Benetton in festa per un successo storico

Kick off alle ore 20.45. Si celebra l'impresa dei Leoni

16 Maggio 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton: 3 stranieri in epoca celtica da cui ci saremmo aspettati di più

Non tutti gli acquisti sono riusciti col buco, negli ultimi anni

13 Maggio 2020 Pro 14 / Benetton Rugby