Mondiale under 20: cambia l’arbitro di Georgia-Italia. E Botturi carica i ragazzi: “Pronti alla battaglia”

Il capitano azzurro introduce il match, che vedrà anche una sostituzione nella direzione di gara

Mondiale under 20: cambia l'arbitro di Georgia-Italia. E Botturi carica i ragazzi: "Pronti alla battaglia"

Mondiale under 20: cambia l’arbitro di Georgia-Italia. E Botturi carica i ragazzi: “Pronti alla battaglia” (ph. World Rugby)

Verso Georgia-Italia, ultima giornata della fase a gironi del Mondiale under 20, arriva un cambio dell’ultimo minuto. Stavolta però non riguarda le formazioni già annunciate, ma la quaterna arbitrale. Il match infatti non sarà più diretto dal sudafricano Morné Ferreira: al suo posto il giapponese Takehito Namekawa, assistito dai sudafricani Aimée Barrett Theron e Griffin Colby, mentre il TMO sarà lo scozzese Mike Adamson.

Leggi anche: Mondiale under 20: il programma della terza giornata e dove si vede in diretta streaming gratis

Nel frattempo, l’Italia prosegue a schiena dritta l’avvicinamento a questa partita decisiva: gli Azzurrini, vincendo, accederebbero alle semifinali per il 5°-8° posto guadagnandosi l’opportunità di migliorare il miglior piazzamento della loro storia. Nel 2017 e 2018, infatti, arrivarono ottavi, poi noni nel 2019 e undicesimi nel 2023, dopo aver vinto lo spareggio-playout contro il Giappone. Proprio evitare di nuovo il torneo per la retrocessione sarà vitale per i ragazzi di Santamaria, che potrebbero quindi giocare le partite della fase finale con meno pressione.

“I 50 punti contro l’Irlanda sono stati una sveglia forte per tutto il gruppo, che ci è servita per fare poi quello che abbiamo fatto contro l’Australia” ha raccontato Jacopo Botturi, capitano dell’Italia under 20, ai canali ufficiali della FIR: “Quello contro la Georgia è un match per noi molto delicato e lo stiamo preparando con tutta l’attenzione del caso. Viste le loro caratteristiche, il predominio fisico sarà la chiave della partita”.

Le condizioni meteo dovrebbero essere simili a quelle viste contro l’Australia, e questo potrebbe essere un vantaggio per gli Azzurrini: “Il meteo dovrebbe replicare le condizioni viste contro l’Australia, e a noi non dispiace giocare con un tempo difficile, come ad esempio anche contro il Sudafrica l’anno scorso”.

“Quest’anno credo che il gruppo sia particolarmente unito, sia tra noi giocatori, sia con i nuovi innesti nello staff: con Lodi e Marcato si è subito creata una buona energia, sarà durissima ma siamo fiduciosi di poter fare una buona gara contro la Georgia” ha concluso Botturi.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Mondiale under 20: l’avversaria dell’Italia per il nono posto. Gli accoppiamenti delle finali

Agli Azzurrini toccherà una squadra già affrontata durante il torneo

item-thumbnail

Italia under 20, Santamaria dopo la Spagna: “Non una bella partita, ma mi fa piacere che i ragazzi non si accontentino”

Il tecnico degli Azzurrini: "Bene la vittoria, ma avremmo dovuto essere più cinici. In finale giocheremo senza la pressione della retrocessione, quest...

item-thumbnail

L’Italia U20 perde un titolare per infortunio, un altro in dubbio per la sfida alla Spagna

La gara contro la Georgia al World Rugby U20 Championship ha lasciato in eredità qualche problema fisico

item-thumbnail

Italia U20, le parole dei protagonisti dopo il match con la Georgia

Sconfitta netta per gli Azzurrini nell'ultima gara del girone. Ora arriva la Spagna per evitare il playout

item-thumbnail

Cosa deve fare l’Italia under 20 per evitare i playout retrocessione al Mondiale? Vincere potrebbe non bastare

Tutti gli scenari possibili: fondamentale il match delle 14 tra Irlanda e Australia