Summer Series: Georgia e Stati Uniti sconfitti in casa, passano Fiji e Romania

I risultati e gli highlights degli altri test match del venerdì

Fiji v Georgia durante la Rugby World Cup 2023

Nel corso della giornata di ieri, venerdì 5 luglio, e della nottata italiana altri test match delle Summer Nations Series 2024 sono andati in scena nei diversi angoli del Mondo. Nello specifico la riproposizione della partita vista alla scorsa Rugby World Cup, lo scontro tra Georgia e Fiji, e quella tra Stati Uniti e Romania.

Procedendo in ordine cronologico, il primo test match disputato è stato quella tra Georgia e Fiji. Sede dell’incontro Batumi, in casa dei Lelos. La prima delle impegnative sfide estive dei caucasici, che successivamente sfideranno in trasferta Giappone e Australia, non è finita come speravano i tifosi dell’Adjarabet Arena: a passare per 12-21 son stati gli isolani.

Leggi anche: Summer Series, pasticcia l’Italia e Samoa ne approfitta. Vittoria isolana per 33-25

Summer Nations Series 2024: risultati e highlights di Georgia-Fiji e Stati Uniti-Romania

Il primo tempo ha visto le due squadre scontrarsi colpo a colpo, con la Georgia tre volte dalla piazzola con Luka Matkava e le Fiji che tutte le volte hanno risposto: prima con le mete di Viliame Mata e quella di Peniasi Dakuwaqa, poi il piazzato di Vilimoni Botitu. Le trasformazioni sbagliate hanno però tenuto la situazione in bilico alla fine del primo tempo, sul parziale di 9-13.

Ma è stato nella ripresa, anzi nel corso degli ultimi 20′, che la partita è stata decisa a netto favore delle Fiji. Prima un secondo calcio di punizione, poi la decisiva meta ancora di Peniasi Dakuwaqa al 63′ hanno scavato il solco oltre il break. La Georgia ha provato fino all’ultimo a tentare di ribaltare il risultato della partita, mettendo però a segno solo il quarto piazzato della sua partita. Il primo test match dei Lelos si conclude quindi con un’amara sconfitta casalinga per 12-21.

Nel corse della nottata italiana si è giocato anche negli Stati Uniti, per la precisione al SeatGeek Stadium di Chicago, dove è andato in scena l’incontro tra i padroni di casa, con Tommaso Boni schierato tra i titolari, e la Romania. Un test match incominciato col botto, con due mete già nei primi 10′, una per parte entrambe trasformate. Il resto del primo tempo non è però stato così scoppiettante, con un piazzato a testa che ha portato al parziale di 10-10.

La ripresa ha confermato l’equilibrio del match, per quanto a un certo punto sembrasse che gli Stati Uniti potessero controllarlo. Prima la meta di MacGinty, poi un secondo piazzato sembrava potessero bastare per tenere la Romania a distanza. Gli ospiti però hanno approfittato degli errori americani andando per il concreto, andando per i pali fino a sorpassare i padroni di casa per 20-22, punteggio su cui si è chiusa la partita.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Ben 3 italiani nel XV della settimana di Planet Rugby

La prestazione degli Azzurri ha avuto importanti riscontri anche all'estero: altri 3 Azzurri, inoltre, sono stati citati pur non essendo inseriti in f...

item-thumbnail

A Chicago sarà ancora All Blacks-Irlanda: la rivincita del 2016

Al Soldier Field dovrebbe andare in scena il remake della storica vittoria degli Irish sui Tuttineri

item-thumbnail

Eddie Jones fa i complimenti all’Italia e chiede tempo per il suo Giappone

Il tecnico elogia Lamaro e compagni "rimandando" i suoi giocatori alle prossime sfide internazionali

item-thumbnail

Summer Series: l’estate della Scozia prosegue in scioltezza, Cile battuto 11-52

La squadra di Gregor Townsend ci mette 30' per iniziare a ingranare, ma poi non si ferma più

item-thumbnail

Italia, come sta Paolo Garbisi?

Il mediano di apertura azzurro è uscito al 67', durante il test match col Giappone, per un forte impatto alla testa contro l'anca di un avversario. Ag...

item-thumbnail

L’Italia chiude le Summer Series nel modo migliore, bel successo sul Giappone di Eddie Jones

Azzurri che partono e chiudono forte con un netto 14-42, soltanto un po' troppa indisciplina ha tenuto a galla i nipponici a cavallo dell'intervallo