Rassie Erasmus dice la sua sulle nuove regole volute da World Rugby

Il tecnico del Sudafrica si è inoltre espresso in difesa dell’operato degli arbitri

Guinness PRO14 Rainbow Cup Rassie Erasmus

Rassie Erasmus dice la sua sulle nuove regole volute da World Rugby (ph. Sebastiano Pessina)

Rassie Erasmus ha detto la sua opinione sulle modifiche al regolamento volute da World Rugby. I test match giocati a Twickenham lo scorso 22 giugno, infatti, non sono stati utili solamente alle Nazionali partecipanti per iniziare a scaldare i motori in vista delle Summer Nations Series 2024. Queste partite hanno fatto da apripista alle nuove regole volute dall’organismo internazionale.

Si tratta in particolare di tre modifiche al regolamento già approvate in via definitiva e che vedremo in azione anche alle Summer Nations Series: giocatori in gioco o in fuorigioco da situazione di calcio “aperto”, l’eliminazione dell’opzione di scegliere “mischia” su un calcio di punizione libero e il riconoscimento del cosiddetto “crocodile roll” come azione fallosa. Non solo: a Twickenham si è sperimentato anche il cosiddetto TMO rinforzato, ovvero che può intervenire fin dall’inizio dell’azione offensiva che poi porta a una meta.

Leggi anche: Le nuove regole del rugby introdotte al Mondiale Under 20 e non solo

Rassie Erasmus dice la sua sull’operato degli arbitri e sulle nuove regole volute da World Rugby

Il Sudafrica di Rassie Erasmus, nel corso della partita con il Galles, è quindi stato tra le prime squadre a testare queste nuove regole, che tra i tifosi hanno suscitato alcune perplessità.

Per il tecnico degli Springboks, prima di tutto, è stato importante l’apporto di conoscenze ed esperienza che sta portando l’ex-arbitro Jaco Peyper, aggregato da alcuni mesi nello staff della Nazionale sudafricana. Queste le sue parole riportate da Planet Rugby.

“Anche se possiamo avere ragione, ciò non significa che si possa mancare di rispetto agli arbitri e ai loro assistenti. Penso che in questo avere nello staff Peyper abbia aiutato molto, ci fa capire ancora di più a quanta pressione è sottoposto un arbitro. L’altro giorno ci ha detto che gli arbitri prendono circa 950 decisioni o non decisioni durante una partita, quindi fare 20 errori nel corso di un match in realtà non è poi così male”.

Leggi anche: Nigel Owens e le nuove regole di World Rugby: “Più probabile che creino nuovi problemi anziché risolverli”

Dopo queste considerazioni, Rassie Erasmus si è concentrato sulle nuove regole e le loro conseguenze. In particolare quella che riguarda la possibilità di chiedere mischia dopo aver ottenuto un calcio libero, che alcuni hanno interpretato quasi come una norma contro il Sudafrica, che fa dell’utilizzo della mischia una delle sue armi preferite. A questo proposito il tecnico ha detto:

“Non è una cosa così importante per noi, credo che nel corso di tutta la partita ci siano stati due calci di punizione contro il Galles e uno contro di noi”.

“Per quanto riguarda la legge Dupont, coi giocatori in fuorigioco che rimangono fermi, non l’abbiamo mai fatto quando siamo avanzati. L’ha fatto solo la Francia, quindi non è un grande cambiamento per noi. Infine, con lo shot clock, ti spingono in rimessa laterale e in mischia e si assicura che l’esecuzione sia più veloce”.

“Ma tutto questo ci va bene, abbiamo ancora molte mischie, molte penalità e le rimesse laterali sono ancora importanti, quindi non possiamo lamentarci di nessuna di queste modifiche al regolamento”, ha concluso perentorio Rassie Erasmus.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Eden Park: la fortezza inespugnabile che alimenta il mito degli All Blacks

La vittoria nel test con l'Inghilterra disputato nello stadio di Auckland irrobustisce un record che resiste da 30 anni

16 Luglio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

World Rugby Ranking: cosa cambia dopo due round di Summer Series

Sudafrica e Irlanda mantengono le prime due piazze, bene Italia e Georgia, perde posizioni il Giappone

14 Luglio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Italia, come alimentarsi dall’altra parte del mondo? Il nutrizionista spiega cosa mangiano gli Azzurri

Ai microfoni di Sky con Moreno Molla, il dottor Alessio Montagnoli ha spiegato come gli Azzurri hanno dovuto adattarsi anche da questo punto di vista

8 Luglio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

OnRugby Ranking: Tolosa sul tetto d’Europa, Leinster fuori dal podio. Benetton fra i primi 20

Tutte le posizioni definitive: dalla 1 alla 40, con anche Benetton e Zebre

8 Luglio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

World Rugby Ranking: Italia superata dall’Australia. La classifica dopo il primo weekend di Summer Series

Tanti sorpassi dopo il primo weekend di Summer Series: gli Azzurri pagano la sconfitta con Samoa

7 Luglio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Quando i “vecchietti” non mollano: il XV tutto “Over 33” di Planet Rugby

La nota testata internazionale ha proposto una formazione di giocatori dai 33 ai 37 anni che potrebbe vincere ovunque

6 Luglio 2024 Terzo tempo