All Blacks: due giocatori della “vecchia guardia” rinnovano fino alla Rugby World Cup 2027

Scott Robertson avrà a disposizione due elementi esperti e importanti in vista del prossimo ciclo mondiale

All Blacks: due giocatori della "vecchia guardia" rinnovano fino alla Rugby World Cup 2027

All Blacks: due giocatori della “vecchia guardia” rinnovano fino alla Rugby World Cup 2027

Due giocatori esperti hanno deciso di rinnovare con la Federazione Neozelandese fino al 2027, resteranno in Nuova Zelanda con i Crusaders e di conseguenza rimarranno convocabili anche per gli All Blacks: si tratta del seconda linea Scott Barrett e del tallonatore Codie Taylor.

Barrett, 30 anni e 69 caps con gli All Blacks, vuole arrivare fino al prossimo Mondiale: “Rappresentare il mio club e il mio Paese è sempre stato un privilegio e avere l’opportunità di far parte di un altro ciclo verso la Coppa del Mondo è stata una grande motivazione”, ha detto Barrett: “È fantastico avere certezze per me, per Hannah e per nostro figlio”.

Leggi anche: Autumn Nations Series 2024: il test match Italia-All Blacks si giocherà a Torino

Anche Codie Taylor, 33 anni e 85 presenze con gli All Blacks, si è detto felice e convinto della sua scelta di restare in Nuova Zelanda, dopo essersi preso un anno sabbatico al termine dell’ultimo Mondiale: “Avere l’opportunità di disputare un altro ciclo di Coppa del Mondo e indossare le maglie che amo ancora per qualche anno è fantastico. Sono grato alla Federazione per avermi permesso di prendermi una pausa quest’anno, mi sento ringiovanito”.

“Mia moglie Lucy ed io ci siamo stabiliti a Christchurch con la nostra giovane famiglia, ed è stata una decisione facile restare qui in Nuova Zelanda” ha concluso Taylor.

Guarda anche: Video: stop a seguire, dribbling e alla fine segna. È un calciatore? No, un rugbista

Anche il tecnico Scott Robertson si è detto felice di avere a disposizione due giocatori così esperti per i prossimi 3 anni: “Scott e Codie apportano leadership, talento ed energia alle squadre che rappresentano, ma la loro influenza positiva va oltre ciò che fanno sul campo. Inseguono standard elevati ogni giorno e ispirano coloro che li circondano con le loro azioni”.

“Scott è uno dei giocatori tatticamente più astuti del mondo, gode del rispetto e dei suoi compagni di squadra e dei suoi allenatori, e la dedizione di Codie è evidente ogni volta che entra in campo. Avere entrambi un nuovo impegno fino alla fine del 2027 è un’ottima notizia per il rugby neozelandese” ha concluso Robertson.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Summer Series 2024: i convocati dell’Argentina

Sono 34 i giocatori scelti, alcuni dei quali giocano nei club italiani

item-thumbnail

Test Match, Eddie Jones stupisce ancora: 8 esordienti per Giappone-Inghilterra

Ecco la formazione scelta dal tecnico australiano: tra i titolari anche un giovanissimo della Waseda University

item-thumbnail

Test Match, verso Galles-Sudafrica: le voci dei protagonisti

Warren Gatland: "Farà male, ma si migliora giocando coi migliori". Evan Roos: "Gallesi simili a noi sudafricani"

item-thumbnail

Irlanda: assenze di peso tra i convocati alle Summer Series 2024

Da Gibson-Park a Keenan, ecco perché Andy Farrell dovrà fare a meno di loro in Sudafrica

item-thumbnail

Esordisce il TMO “rinforzato”: primi esperimenti in Sudafrica-Galles e Fiji-Barbarians

Nelle due sfide di Twickenham gli arbitri al monitor avranno ulteriori possibilità di intervenire rispetto al precedente protocollo: la sperimentazion...

item-thumbnail

Frans Malherbe ha rinunciato alla maglia da titolare per far festeggiare i 50 caps a Vincent Koch

Un bel gesto di altruismo raccontato dallo stesso Rassie Erasmus, e non è la prima volta che accade negli Springboks