Il materasso di Hooper e i “sogni d’oro” olimpici

Quando una piccola cosa può aiutare a raggiungere il massimo obiettivo sportivo: le Olimpiadi

Australia, Michael Hooper si ripropone come di capitano dei Wallabies: “Se Jones vuole sono disponibile”

Il già leggendario ex-capitano dei Wallabies Michael Hooper, come risaputo, alla fine dello scorso anno ha deciso di salutare il rugby a XV per passare al Seven, per accarezzare il sogno di partecipare alle Olimpiadi 2024 di Parigi.

Un cambiamento non banale per il 32enne, per carta d’identità e infortuni pregressi, ma che stava iniziando a dare le sue soddisfazioni. Prima ad aprile il suo debutto con la nazionale australiana di rugby a 7 a Hong Kong, poi ai primi di maggio è arrivata la sua prima meta nel corso della prima giornata di gara a Singapore, penultima tappa del circuito SVNS.

Leggi anche: Video, la prima meta di Michael Hooper nel Sevens

Proprio quando tutto sembrava indirizzarsi sulla strada giusta, però, il fisico ha preteso il suo pedaggio. Alcune settimane fa Hooper si è dovuto fermare, rivelando che soffre di osteite pubica; guaio che rischia di mettere in dubbio la sua partecipazione alle imminenti Olimpiadi.

Il materasso di Hooper e i “sogni d’oro” olimpici

Al giocatore che ha indossato per più di 120 volte la maglia dei Wallabies è stato detto di riposare per avere maggiori probabilità di essere convocato con la squadra australiana di rugby a 7. Eppure il consiglio, come dichiarato dallo stesso Hooper al programma Between Two Posts di Stan Sport, non stava portando i miglioramenti sperati. In particolare il dolore diventava insopportabile proprio quando dormiva di notte.

“Sto soffrendo, mi sveglio continuamente alle 2 o 3 di notte. I dolori sono alla regione inguinale: è come se qualcuno ti avesse colpito ai testicoli. Poi dovevo sdraiarmi sulla schiena perché non potevo mettermi sul fianco altrimenti continuava a farmi male. Ma così anche la schiena ha incominciato a darmi problemi”.

Michael Hooper ha iniziato a pensare all’acquisto di un nuovo materasso per sentirsi più comodo. Ne ha parlato col fisioterapista, ma quest’ultimo gli ha detto che anche con un nuovo supporto “la situazione non cambierà”.

Tuttavia il dolore non passava, allora l’ex-capitano dei Wallabies è tornato sulla sua intuizione iniziale: “Ho sopportato due settimane di questa cosa. Così una mattina ne ho avuto abbastanza e verso le 3 ho comprato un nuovo letto che mi sarebbe stato spedito in giornata”, ha aggiunto.

“E questo sembra aver risolto il problema… sembra che abbia funzionato. Ora, sicuramente questo ha coinciso anche con il fatto che non mi sono allenato per 10 giorni. Quindi, chissà quale delle due soluzioni abbia influito di più”.

La simpatica soluzione alle disavventure di Hooper non gli hanno risparmiato qualche battuta da parte di ex-compagni di squadra: “Se vedi Michael Hooper che cerca di imbarcare un materasso in un bagaglio di grosse dimensioni, sai che è stato convocato per le Olimpiadi”, ha scherzato amichevolmente l’ex-centro dei Wallabies Morgan Turinui.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

European OnRugby Ranking: i Northampton Saints entrano nel podio, balzo in avanti dei Glasgow Warriors

Il Benetton resta stabile nella top 20 nonostante la sconfitta con i Bulls

12 Giugno 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Benetton nelle prime 20 d’Europa

Bath e Tolone entrano nelle prime dieci posizioni grazie alle importanti vittorie domenicali

4 Giugno 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Nigel Owens: “Alcuni arbitri non saprebbero arbitrare senza la tecnologia. Il TMO usato così genera troppe polemiche”

Secondo l'ex arbitro gallese andare indietro di 50 metri per rivedere un'azione genera troppe incoerenze nelle decisioni, pregiudicando l'operato dei ...

3 Giugno 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Lettera a un figlio: “Tu oggi mi hai insegnato come si vive una sconfitta”

Il papà di un giocatore della Rugby Experience L'Aquila scrive un profondo messaggio dopo la sconfitta nella finale scudetto U18

29 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Tolosa sempre più al comando, Leinster giù

Come hanno influito le finali delle Coppe europee sulla nostra classifica

29 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Farrell ha dato del “tuffatore” (e non solo) a un avversario. E per RugbyPass il rugby ha un problema con le simulazioni

Il mediano inglese si è arrabbiato tantissimo per una simulazione di Bevan Rodd durante Saracens-Sale, apostrofandolo duramente, e secondo Andy Goode ...

24 Maggio 2024 Terzo tempo