Gatland ha rivelato che c’è “una porta aperta per il ritorno di George North in Nazionale”

Il tecnico ha detto che valuterà le condizioni della leggenda gallese, che potrebbe concedersi un’altra “Last Dance” dopo il finale deludente di Cardiff

Gatland ha rivelato che c'è "una porta aperta per il ritorno di George North in Nazionale"

Gatland ha rivelato che c’è “una porta aperta per il ritorno di George North in Nazionale” ph. S Pessina

L’avventura di George North con il Galles potrebbe non essere finita. La leggenda gallese, in teoria, aveva deciso di lasciare la Nazionale al termine di Galles-Italia: non proprio l’addio che si aspettava, non una cocente sconfitta e un brutto infortunio che lo ha portato a uscire dal campo portato in spalla dallo staff medico. L’avventura dei North col Galles, però, potrebbe finire diversamente.

A rivelarlo è stato lo stesso Warren Gatland al podcast “Rugby Pod” con Jim Hamilton e Dan Biggar: “Ho parlato con George North e ho provato a lasciargli la porta aperta, a seconda di cosa succede in Francia. Penso che gli sarebbe piaciuto avere l’opportunità di rimanere in Galles se ci fosse stato qualcosa sul tavolo per lui, ma sfortunatamente non c’era. Deve riprendersi dall’infortunio al tendine d’Achille, quindi dovrà prima trovare un nuovo equilibrio”.

Leggi anche: Per RugbyPass il rugby ha un problema con le simulazioni, e Farrell ha dato del “tuffatore” (e non solo) a un avversario

Il 31enne North, una volta ripresosi dall’infortunio al tendine d’Achille, si trasferirà al Provence, in ProD2. In teoria questa scelta avrebbe dovuto rappresentare la fine della sua carriera internazionale, ma a questo punto chissà che non possa esserci un’ultima “Last Dance” per lui, magari con un finale diverso rispetto al match di Cardiff al Sei Nazioni.

Parlando del difficile tour estivo (Sudafrica a Twickenham, poi due volte i Wallabies in Australia) Biggar ha chiesto a Gatland se ci saranno dei cambiamenti e dei ritorni eccellenti: “La squadra sarà abbastanza simile a quella del Sei Nazioni. Ho parlato con Liam Williams, che gioca in Giappone, penso che sia  uno di quei giocatori che, anche se ha avuto problemi con gli infortuni negli ultimi anni e non è stato in forma, ha quell’esperienza può fare la differenza per noi”.

Leggi anche: Galles, altri guai per Gatland: Anscombe rifiuta la convocazione e Sheedy si fa male di nuovo

“Tutto è pensato per i prossimi Mondiali” ha proseguito Gatland: “Anche se il Sei Nazioni è una competizione davvero importante e vogliamo fare bene. Abbiamo deciso di scegliere alcuni giovani che pensiamo di poter sviluppare nei prossimi due anni. Non sempre prenderemo le decisioni giuste, ma vediamo alcuni ragazzi di talento in questo momento e abbiamo visto una certa crescita in loro”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

I convocati degli All Blacks: un nuovo capitano e 4 grandi assenti per l’Inghilterra e le Fiji

Robertson sceglie 5 possibili esordienti. Si rivedono anche TJ Perenara e Sevu Reece, fuori invece Sotutu

item-thumbnail

Marco Zanon verso le Summer Series: “Un privilegio giocare con l’Italia. Esperienza in Top 14 decisiva”

Terminata la stagione col Benetton e il primo raduno con la Nazionale, il centro guarda alle sfide con Samoa, Tonga e Giappone

item-thumbnail

Summer Series: i convocati della Francia per il tour sudamericano

Selezione decisa da coach Galthié ancor più larga e ricca di novità rispetto alla precedente

item-thumbnail

Test Match, Galles-Sudafrica: Rassie Erasmus non del tutto soddisfatto dei suoi Springboks

Al termine della partita di Twickenham, il tecnico ha però elogiato i suoi debuttanti

item-thumbnail

Test Match: i Barbarians battono le Fiji 45-32

A Twickenham la selezioni a inviti segna sette mete contro le quattro degli isolani

item-thumbnail

Test Match: a Twickenham il Sudafrica supera il Galles 41-13

Cinque mete per i campioni del mondo in carica che travolgono i dragoni nel secondo tempo