Italia, Izekor: “Ho iniziato all’oratorio, non avrei mai immaginato tutto questo, ma ora voglio esplodere”

Il terza linea azzurro: “Ho avuto un percorso particolare, ma ho sempre lavorato duro”

Italia, Izekor: "Ho iniziato all'oratorio, non avrei mai immaginato tutto questo, ma ora voglio esplodere" (ph. Sebastiano Pessina)

Italia, Izekor: “Ho iniziato all’oratorio, non avrei mai immaginato tutto questo, ma ora voglio esplodere” (ph. Sebastiano Pessina)

Dopo uno strepitoso inizio di stagione, per Izekor è arrivato l’esordio in Nazionale: il primo “cap” è arrivato contro l’Inghilterra, a partita in corso, il secondo da titolare contro l’Irlanda a Dublino. Adesso, però, non è il momento di fermarsi: Izekor vuole continuare a stupire e a prendersi soddisfazioni ad alti livelli.

“Qualche anno fa non avrei mai pensato a tutto questo, ma ho lavorato tanto per arrivarci. Ho avuto un percorso particolare, non sono stato nelle accademie ma vengo dalle giovanili del Calvisano” ha raccontato Izekor ai canali ufficiali della FIR: “Sono molto felice della fiducia che tutti gli allenatori, sia Treviso che in Nazionale, stanno riponendo su di me, tutto questo è un’ulteriore stimolo a fare ancora meglio e migliorarmi sempre di più”.

Leggi ancheGarbisi, Capuozzo, Lamaro e gli altri: Fabio Roselli racconta il suo lavoro nell’Italia Under 20

La storia del terza linea bresciano comincia all’oratorio, quasi per caso: “I miei genitori sono di origini nigeriane ma si sono conosciuti a Brescia, dove lavoravano, poi sono nato io, che sono il primo di 3 fratelli. Razzismo? Nel rugby mai, nella vita in generale ci sono stati degli episodi, ma in passato, ormai sono solo ricordi. Ho iniziato a giocare a rugby a 10 anni, ma in maniera abbastanza casuale: ho iniziato all’oratorio, dove era una delle attività previste. L’oratorio era legato al Rugby Brescia, dove ho iniziato ad allenarmi, ma all’inizio giocavo anche a calcio e vedevo quello come ‘primo’ sport. Col tempo però le cose sono cambiate”.

Da lì, è iniziato il cammino che ha portato Izekor fino alla maglia Azzurra: “Da Brescia sono passato all’Ospitaletto, perché mia madre aveva cambiato lavoro e con tutta la famiglia ci siamo spostati. Poi siamo ritornati a Brescia per poi spostarmi a Calvisano nell’under 18. Da lì ho fatto gli ultimi anni di giovanili fino alla prima squadra”. Nel 2022, poi, arriva l’esordio in URC come permit player con la maglia del Benetton, prima di diventare un effettivo biancoverde nella stagione successiva.

Leggi anche: Sei Nazioni 2024: dove si vede Francia-Italia in diretta TV e streaming

Izekor ha parlato anche delle prime due partite del Sei Nazioni, in cui l’Italia ha alternato buone cose – soprattutto con l’Inghilterra – a problemi di gestione del possesso: “Abbiamo cominciato a lavorare sul modo in cui imposteremo la partita con la Francia, su come attaccarli e su come non ripetere gli errori commessi contro l’Irlanda. Dobbiamo migliorare l’approccio mentale, perché alla fine è cambiando la mentalità che si cambia anche lo stile di gioco. Poi dobbiamo cercare di imporci di più in attacco, lavorando sulle fasi statiche in modo da avere maggior possesso e di maggiore qualità”.

Per quanto riguarda gli obiettivi personali, Izekor ha le idee molto chiare: “Vorrei provare ad impormi anche a livello internazionale. Credo che il Sei Nazioni sia un palcoscenico importantissimo e adatto ad ‘esplodere’, voglio continuare a lavorare duro per farlo”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Italia, Niccolò Cannone: “È un momento importante per il nostro rugby, non abbiamo mai smesso di crederci”

Intervistato durante la nuova puntata del nostro Podcast, l'Azzurro ha rimarcato il duro lavoro che c'è dietro i successi della nazionale

11 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Autumn Nations Series: Italia-Argentina verso il Ferraris di Genova

La prima partita dei test autunnali degli Azzurri dovrebbe giocarsi nel capoluogo ligure

6 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Tommaso Menoncello: “Sonny Bill Williams è sempre stato il mio idolo. Andrea Masi mi ha insegnato molto”

Il trequarti del Benetton è il più giovane giocatore a vincere il premio di "Best Player of Six Nations"

5 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Tommaso Menoncello nominato “Miglior Giocatore” del Sei Nazioni 2024

Riconoscimento incredibile per l'Azzurro che diventa il secondo italiano a prendersi questo prestigioso premio

5 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni: la meta di Lorenzo Pani contro il Galles eletta come la “Migliore del Torneo”

Un'azione a tutta velocità conclusa dallo scatto e dallo slalom del trequarti azzurro

3 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Juan Ignacio Brex: “Abbiamo fatto la storia ma non ci vogliamo fermare”

In una intervista a RugbyPass il centro torna sulla voglia di vincere degli Azzurri in vista del futuro

28 Marzo 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale