Champions Cup 2022/23: la finale La Rochelle-Leinster in 5 punti

Analizziamo un’ultima volta una partita memorabile. L’inizio di Leinster, la forza mentale di La Rochelle, la pressione nel secondo tempo e il convulso finale

La Rochelle-

Champions cup 2022/23: la finale La Rochelle-Leinster in 5 punti – Ph. by Anne-Christine POUJOULAT/AFP

DUBLINO – Dall’inizio di Leinster alle scelte nel consulvo finale: dividiamo in cinque punti chiavi una partita memorabile. Se lo meritava, prima di essere archiviata.

1 Partenza pazzesca di Leinster

L’intensità fisica, il ritmo e l’esecuzione di Leinster nei primi 15 minuti si vedono raramente su un campo di rugby, anche a questo livello. La prima meta, per la cui analisi si ringrazia la collaborazione di Pippo Frati, “Leinster l’ha segnata il martedì perché ha studiato che La Rochelle concede il primo blocco sulle rimesse per essere più forti contro la maul, infatti non prendono mai meta su maul. Leinster ha messo Conan lì perché lo sapeva e ha sfondato”. Perfezione sfiorata anche nel 50-22 di Lowe e il passaggio lungo di Byrne per la terza meta.

Guarda gli highlights della finale di Champions Cup tra La Rochelle e Leinster

2 La Rochelle non è crollata

Con quello che è successo nei primi 15 minuti, francamente non riesco a pensare a squadre che non avrebbero mollato. Neppure Tolosa (in pratica mezza Francia), che ho visto collassare nello stesso stadio tre settimane prima. Essere usciti dalla buca in cui Leinster li stava seppellendo dal punto di vista mentale è una cosa enorme quanto le perle di Leinster all’inizio.

3 Leinster senza leader in campo

Gli irlandesi hanno tanti campioni, ma i leader sono notoriamente un’altra cosa. In Blu i leader sono Sexton (infortunato), Furlong (infortunio il giovedì, ha giocato ma non al meglio) e Ryan (fuori dopo mezz’ora). Da quel punto in poi il leader in campo era Ringrose, ma non è la stessa cosa. Con uno dei tre in campo nel finale avremmo quasi certamente visto un drop. Leinster ha un sistema di reclutamento che è un modello, ma i titolari sono i titolari. Giocare con Furlong a mezzo servizio e Ryan fuori dopo 30 minuti contro una squadra che ha tutta la propria forza nel pack si è dimostrato un lusso troppo grande, almeno sabato.

Leggi anche: Alldritt: “Non mi sono sentito rispettato da Ryan” 

4 Le ondate gialle nel secondo tempo

Chi conosce il gioco sa che la difesa di Leinster nel secondo tempo è stata di altissimo livello. Concedere una sola meta e respingere tutti quegli attacchi chiave contro quella pressione è raro. Dall’altra parte però molto merito a La Rochelle che ha continuato a credere nel proprio piano di gioco anche se nonostante una pressione incredibile non riusciva a segnare. I gialli hanno stancato Leinster fisicamente e mentalmente, fiduciosi che prima o poi avrebbe ceduto: il piano ha pagato. Hanno avuto anche molto di più dalla panchina (quella di Leinster ha messo insieme un giallo e un rosso).

5 Le scelte finali

Ringrose a fine gara ha difeso la scelta di andare nell’angolo invece che prendere i tre punti nel finale. Non poteva dire altro, ma se qualcuno riesce a parlare con un suo amico vero, non sono sicurissimo che difenderebbe ancora la decisione. Stiamo parlando di una partita finita con un punto di distacco e chi ha perso ha visto due trasformazioni finite sul palo. Tuttavia questo rimane un errore di scelta Leinster. Fatto senza leader in campo e con la stanchezza mentale e fisica per tutta la pressione dovuta arginare nel secondo tempo, ok. Ma pur sempre un errore.

Damiano Vezzosi

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Champions Cup: finale pazzesca a Londra! Tolosa stende il Leinster ai supplementari

Una partita meravigliosa al Tottenham Stadium. I francesi battono gli irlandesi 22-31 nell'extra time grazie alla meta di Lebel e ai calci di Kinghorn...

25 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: la preview della finale tra Leinster e Stade Toulousain

Le due squadre più vincenti d'Europa in campo a Londra alle ore 15.45 di sabato 25 maggio per l'atto conclusivo della competizione

25 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Mischia devastante, Gloucester demolito: la Challenge Cup è degli Sharks

Dopo i primi 15 minuti di sofferenza i sudafricani prendono in mano la partita e conquistano la Coppa: decisivi i punti al piede di Masuku e le mete d...

24 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

La formazione di Tolosa per la finale di Champions contro Leinster

Un XV stellare per la sfida di Londra. Kinghorn batte Ramos per la maglia numero 15, mediana classica Dupont-Ntamack

24 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: la formazione del Leinster per la finale contro Tolosa

Gli irlandesi vogliono tornare sul trono continentale

24 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions e Challenge Cup: sede, calendario, orari e arbitri delle finali europee

Tutto il programma delle finali Gloucester-Sharks e, soprattutto, Leinster-Tolosa

21 Maggio 2024 Coppe Europee / Challenge Cup