Wayne Smith sul gioco attuale: “È frustrante. Sono arrivato a cambiare canale”

L’ex assistant coach degli All Blacks ha scelto di guardare un documentario piuttosto che una partita di Super Rugby

Wayne Smith sul gioco attuale: “È frustrante. Sono arrivato a cambiare canale”

Wayne Smith, attuale allenatore della Nuova Zelanda femminile, ha espresso le sue perplessità sul numero di regole del rugby moderno. A supporto della propria idea, ha riportato di essere arrivato a cambiare canale all’intervallo della partita tra Highlanders e Western Force, preferendo al match un documentario sugli animali.

“Comincio ad essere frustrato, e non a causa dei giocatori, che sono preparati e prestanti, ma dal gioco stesso, visto che le regole di adesso rallentano troppo l’andamento delle partite”. L’ex assistent coach degli All Blacks ha spiegato come nella partita arbitrata da Nic Berry, durante il primo tempo, il suo braccio fosse costantemente teso verso fuori, per indicare un vantaggio dietro l’altro.

Leggi anche: Inghilterra, un nuovo coach nello staff di Borthwick

“Arriveremo ad uno stile di gioco come quello del seven, con vantaggi che dureranno fino a 8 fasi, per poi tornare sul calcio e andare in touche. Verranno messi dei limiti in secondi per calciare ed effettuare la touche, con calci di punizione che fioccheranno per i crolli nel maul. L’arbitro allora estrarrà il cartellino giallo, fino a quando non arriverà la meta”.

L’ormai centralità nel gioco dell’avanzamento da maul è testimoniato dal numero sempre più crescentie di mete segnate dai tallonatori, che sono sempre ai vertici nelle classifiche dei try scorer. In questa stagione di Super Rugby, il trend si è un po’ invertito, con i trequarti nuovamente nelle piazze più alte della classifica di metaman, mentre in campionati come la URC, i tallonatori comandano ancora saldamente.

L’allenatore delle Black Ferns ha provato ad introdurre nello stile di gioco delle sue ragazze il tap-and-go, ovvero il giocare veloce le punizioni, a prescindere dalla zona di campo in cui avviene il fallo. Questo ha generato più ritmo e ha avvantaggiato la sua squadra, che però ha sofferto, nella finale della Coppa del Mondo, la maul inglese, con le tre mete del tallonatore inglese Amy Cockayne che hanno tenuto la partita in bilico fino all’ultimo.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Super Rugby: Ardie Savea ai Moana Pasifika. E arriva la “benedizione” di Tana Umaga

Il flanker degli All Blacks si lega fino al 2027 con la franchigia samoano-tongana ma con base ad Auckland

22 Luglio 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

E se Ardie Savea andasse ai Moana Pasifika?

Una possibile svolta nel futuro del vice-capitano degli All Blacks

19 Luglio 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby Pacific: a Auckland splende un colore solo, Blues campioni dell’edizione 2024

Match difficile per i Chiefs a Eden Park, con la squadra di Auckland che alza la coppa 21 anni dopo l'ultima volta

22 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Niente Super Rugby? E Beauden Barrett torna a giocare col suo primo club

L'All Black ha vestito la maglia della propria squadra 14 anni dopo l'ultima volta

17 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby Pacific: chi sono le finaliste dell’edizione 2024

Al termine della seconda semifinale giocata a Weelington è emerso il nome della squadra che sfiderà i Blues il 22 giugno

15 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Australia: un altro giovane talento molla i Wallabies per passare al Rugby League

Dopo Nawaqanitawase, un altro australiano lascia a piedi Joe Schmidt per passare al rugby a 13

12 Giugno 2024 Emisfero Sud