Italia, Marco Riccioni: “Siamo giù, ma possiamo rifarci nella prossima partita”

Per il pilone azzurro il problema principale degli Azzurri è stata la finalizzazione delle azioni pericolose

Marco Riccioni contro il Galles – ph. Sebastiano Pessina

La sconfitta dell’Italia con il Galles è alle spalle. Gli Azzurri sono di nuovo insieme per iniziare la marcia verso la quinta e ultima gara del Sei Nazioni 2023 contro la Scozia, ma Marco Riccioni, incaricato dell’incontro con i media del lunedì, non ha ancora smesso di pensare al match dell’Olimpico.

“I postumi fisici della partita li sto smaltendo, tutto a posto. Quelli morali invece sono ancora un po’ lì. Quando fai questo tipo di prestazione è normale non essere contenti per sé stessi e per la squadra. Siamo un po’ giù, ma per fortuna questo sport ti dà sempre l’opportunità di rifarti il fine settimana successivo.”

Nel 17-29 di Roma gli Azzurri hanno segnato due mete e fatto registrare alcune ottime statistiche in chiave offensiva, nonostante il risultato finale: il 73% delle ruck sono durate meno di 3 secondi, sono stati fatti 11 linebreaks e il Galles è stato costretto a 38 placcaggi sbagliati. Tuttavia rimangono solo 17 i punti segnati, mentre sono 4 le mete subite da una squadra che finora ne aveva segnate soltanto 3 in tutto il resto del Torneo.

Leggi anche: Video: la Francia segna una splendida meta con 6 passaggi in 7 secondi

“A livello generale il problema principale è stata la nostra freddezza nel riuscire a chiudere le azioni pericolose – commenta Riccioni, che ritiene l’aspetto offensivo decisivo rispetto a quello difensivo – Siamo la squadra che in questo turno del Sei Nazioni ha fatto più linebreaks e che ha rotto più placcaggi, non possiamo nasconderci dietro al fatto di non avere avuto le occasioni per fare punti. Ne abbiamo avute tante, anche molto evidenti, solo che invece di essere freddi, ci siamo fatti prendere dalla foga del momento e la maggior parte sono sfumate. Anche senza finalizzarle tutte, avremmo potuto essere sopra nel punteggio e vincere la partita. Il problema quindi non sta in quello che facciamo ma in come lo facciamo.”

Infine, una riflessione sulle proprie prestazioni: “Personalmente non è stato facile tornare nel Sei Nazioni dopo essere stato fermo un anno e mezzo, ma dopo ogni partita mi sento sempre meglio. In alcune prestazioni si è visto di più, in altre meno. C’è tanta competizione per il ruolo e questo mi fa sentire molto cresciuto anche solo da quando è iniziato questo Torneo.”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Italia, Quesada spiega il mancato utilizzo di Mey e Odiase ed elogia Trulla e Zambonin

Nella seconda parte della conferenza stampa il tecnico ha spiegato alcune scelte fatte durante il tour, con alcuni giocatori che non sono stati schier...

21 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Giacomo Nicotera: “E’ stata una tournée bellissima, abbiamo creato un gruppo unito e coeso”

Le parole del tallonatore azzurro e di altri protagonisti della vittoria di Sapporo

21 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Le reazioni della stampa estera alla vittoria dell’Italia sul Giappone: “Eddie Jones umiliato dagli Azzurri”

Per RugbyPass "Nipponici sempre distanti dalla ben allenata squadra di Quesada". Secondo la stampa asiatica: "Jones aveva promesso un gioco veloce, in...

21 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Summer Series: Le pagelle di Giappone-Italia

Partita difensiva strepitosa dei fratelli Cannone, che insieme fanno il 20% dei placcaggi totali degli Azzurri. Capuozzo imprendibile, gran prova di m...

21 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Quesada: “Non so quante squadre ‘top’ avrebbero accettato di fare questo tour. Noi lo abbiamo fatto bene: bilancio positivo”

Il tecnico è soddisfatto di questo intenso e difficile mese nel Pacifico: "Oggi grande difesa, il Giappone ha attaccato tanto ma non è passato, peccat...

21 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Giappone-Italia: 80 minuti per chiudere col sorriso una stagione indimenticabile

Il 2024 sarà comunque da ricordare per il rugby azzurro, ma una vittoria certificherebbe un nuovo status per la nazionale

20 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale