All Blacks, Foster: “Difficile che io sia ancora l’allenatore il prossimo anno”

Il tecnico della Nuova Zelanda ha chiesto però di concentrarsi sul presente e sulla RWC piuttosto che sul nome del suo successore

Ian Foster

Ian Foster, head coach degli All Blacks -ph. AFP

Con inconsueta trasparenza il capo allenatore degli All Blacks Ian Foster ha ammesso che è improbabile che rimanga al suo posto dopo la Rugby World Cup 2023.

In un periodo, prima dell’avvio del Super Rugby Pacific, in cui in Nuova Zelanda il dibattito sulla palla ovale si è concentrato sul nome del prossimo head coach della nazionale, Foster ha preso la parola pubblicamente per chiedere di non turbare la concentrazione dello staff e dei giocatori in vista del mondiale francese, concentrandosi sul presente piuttosto che sulla sua successione.

1News Foster ha dichiarato: “Non è una mia scelta decidere se sarò ancora il coach degli All Blacks il prossimo anno, ma si fa un gran parlare del chiChi sarà il prossimo coach. E questa è la ragione per cui sto parlando: voglio che si parli di come possiamo prepararci al meglio per la prossima Rugby World Cup, il chi viene dopo.”

Leggi anche: Steve Hansen: “Il prossimo coach degli All Blacks? La federazione non deve sbagliare il timing dell’annuncio”

“Penso che la federazione abbia le idee chiare sul futuro. Sta a loro decidere quando renderle pubbliche, mi sembra abbastanza ovvio.”

“E’ stato piuttosto frustrante – commenta poi Foster, riferendosi ad alcune dichiarazioni recenti di Scott Robertson, suo ex rivale per il posto di guida tecnica della nazionale neozelandese – che invece un allenatore abbia fatto passare il messaggio in un’intervista che la federazione avrebbe già pianificato di annunciare il nuovo tecnico prima del mondiale.”

“Ad ogni modo, sembra che ci sia voglia di cambiamento e lo capisco, ma questo non modifica il fatto che con questo gruppo di All Blacks abbiamo un grande trofeo da vincere alla fine dell’anno.”

“Penso che sia piuttosto difficile che io faccia ancora questo lavoro il prossimo anno, ma continuo a sentirmi chiedere se mi proporrò come candidato. Per me non è questa la questione, la domanda per me è cosa sia meglio fare per gli All Blacks nel 2023.”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Antoine Dupont il numero uno al mondo? Non per Wayne Smith

Il coach di lungo corso del rugby neozelandese ha espresso la sua preferenza su un mostro sacro degli All Blacks

item-thumbnail

Autumn Nations Series: il Giappone di Eddie Jones aggiunge una nuova sfida al tour europeo

I Brave Blossoms affronteranno un 2024 ricco di impegni stimolanti

item-thumbnail

All Blacks: Scott Robertson dovrà rinunciare al suo astro nascente in mediana

Il talentuoso Cameron Roigard era il maggior indiziato per la numero 9, ma è incappato in un brutto infortunio

item-thumbnail

L’Australia di Schmidt costruisce il suo staff pescando in Nuova Zelanda

Non solo Laurie Fisher al fianco del nuovo tecnico dei Wallabies: ci sarà anche Mike Cron, leggendario tecnico della mischia ordinata degli All Blacks...

item-thumbnail

Un bi-campione del mondo lascia il rugby a fine stagione

Sam Whitelock si ritirerà alla fine della stagione a 36 anni