La prima Inghilterra di Borthwick deve fare i conti con tanti infortuni

Le convocazioni dell’head coach inglese previste per il 16 gennaio dovranno tenere conto delle indisponibilità di alcuni giocatori importanti

Steve Borthwick è il nuovo allenatore dell’Inghilterra. PH Sebastiano Pessina

Il primo Sei Nazioni dell’allenatore dell’Inghilterra Steve Borthwick arriva in un momento tutt’altro che semplice per il XV della Rosa.

Il mese di dicembre è stato segnato dall’esonero di Eddie Jones ed il relativo cambio di guida tecnica ha scosso un ambiente già carico di tensione.

Adesso l’ex coach dei Leicester Tigers si trova costretto a preparare le sue prime 5 partite del Torneo dovendo guardare con preoccupazione alla lunga lista di infortunati.

L’ultimo week end di Premiership ha lasciato strascichi importanti. Non solo per la squalifica di Owen Farrell, ma soprattutto per due infortuni che hanno colpito il terza linea dei Sale Sharks Tom Curry (stiramento al tendine del ginocchio) e Il tallonatore degli Exeter Chiefs Luke Cowan Dickie (caviglia).

Curry rimarrà fuori per le prime due partite del Sei Nazioni e potrebbe rientrare il 25 febbraio in occasione del match con il Galles, mentre per Cowan Dickie lo stop si prospetta più lungo, probabilmente nell’arco delle 10/12 settimane.

Il pacchetto di mischia non se la passa benissimo anche a causa delle condizioni del seconda/terza linea Courtney Lawes, reduce da un infortunio al collo che lo ha tenuto fuori per tutta la finestra internazionale e impiegato fin qui dai Northampton Saints per soli 79 minuti. Non va meglio al pilone di Bath Will Stuart, alle prese con il recupero dalla slogatura del gomito patita a novembre.

Leggi anche: Il Galles completa lo staff alle dipendenze di Warren Gatland

Dubbi anche sulla linea dei trequarti, dove Marcus Smith, sostituito nel corso del match tra Inghilterra e Sudafrica delle Autumn Nation Series, non ha ancora fatto ritorno in campo. A tormentarlo una distorsione alla caviglia che lo ha tenuto fuori per un mese e mezzo. I tempi per il rientro dovrebbero esseri maturi e già nel prossimo turno di Champions Cup il giocatore degli Harlequins potrebbe rivedere il campo.

Borthwick, che ad oggi non può contare nemmeno sull’apertura del Bath George Ford infortunato al tendine d’Achille, dovrà comunque valutare lo stato di forma dell’estroso numero 10, dopo che il suo minutaggio è ridotto a zero dal 26 novembre 2022.

Un altro giocatore di talento che rischia di saltare il Sei Nazioni è Harry Arundell. L’ala dei London Irish ha subito un’operazione chirurgica al piede e ancora non è rientrato in squadra.

A compensare parzialmente le tante assenze si registrano due rientri che potrebbero fare comodo in fase di convocazione: Sam Underhill e Nick Isiekwe, entrambi tornati a pieno regime nell’attività agonistica di Bath e Saracens.

Lunedì 16 gennaio Steve Borthwick comunicherà la prima lista di convocati in vista della Calcutta Cup di sabato 4 febbraio.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: la classifica dopo il secondo turno, balzo dell’Italia

La vittoria in Irlanda rilancia le Azzurre, e non solo nel ranking

item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: la sanzione disciplinare a Sarah Beckett dell’Inghilterra

La giocatrice inglese si era resa protagonista di un intervento scorretto ai danni di Michela Sillari

item-thumbnail

Sei Nazioni: Lorenzo Pani candidato per la miglior meta del Torneo

Tra le quattro marcature in corsa per il titolo di più bella c'è quella dell'Azzurro contro il Galles