World Rugby avverte: “Nic White doveva uscire per concussion, ed è rimasto in campo”

Durante Irlanda-Australia il mediano di mischia è rimasto in campo nonostante un colpo alla testa del quale i medici non erano stati avvertiti

World Rugby avverte: "Nic White doveva uscire per concussion, ed è rimasto in campo"

World Rugby avverte: “Nic White doveva uscire per concussion, ed è rimasto in campo”

World Rugby ha annunciato di star indagando su quanto successo durante il test match Irlanda-Australia, durante il quale Nic White è stato prima fatto uscire per un controllo concussion, poi è rientrato e ha concluso regolarmente la sua partita.

Il mediano di mischia australiano ha subito due colpi alla testa in rapida successione, ma è stato controllato soltanto per il primo: “Sia il medico indipendente, sia il medico della squadra stavano esaminando le riprese video per il primo incidente quando si è verificato il secondo” fa sapere World Rugby in una nota.

Leggi anche: Inghilterra, Clive Woodward: “Se dovesse perdere con la Scozia manderei via Eddie Jones”

Proprio per questo, White non è stato controllato per il secondo colpo, che stando a quanto dice World Rugby “avrebbe dovuto portare all’uscita dal campo del giocatore. Il secondo incidente non è stato comunicato a nessuno dei due dottori e quindi, durante l’esecuzione controllo HIA di White, non è stato esaminato alcun filmato aggiuntivo”.

I medici, infatti, hanno potuto visionare le immagini del secondo colpo alla testa soltanto dopo la partita, e da lì hanno ravvisato una possibilità di concussion per il giocatore, che infatti ha seguito il protocollo stabilito rimanendo a riposo per 12 giorni, e non giocando infatti l’ultima partita del tour dei Wallabies contro il Galles.

Leggi anche: Galles: Dan Biggar chiede di cambiare le regole per le convocazioni in nazionale

“Le discrepanze nel processo e nella comunicazione, oltre all’interpretazione dei segnali dei giocatori, sono stati quindi i fattori chiave che hanno influenzato questo particolare processo di controllo HIA” conclude World Rugby, che cercherà di capire come evitare che questi episodi possano riaccadere in futuro.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Un altro All Black giocherà per Tonga dalla prossima estate (e potrebbe sfidare l’Italia)

La nazionale tongana potrebbe ritrovarsi questa estate con una coppia di centri fortissima, e in estate sull'isola arriveranno anche gli Azzurri

item-thumbnail

Antoine Dupont il numero uno al mondo? Non per Wayne Smith

Il coach di lungo corso del rugby neozelandese ha espresso la sua preferenza su un mostro sacro degli All Blacks

item-thumbnail

Autumn Nations Series: il Giappone di Eddie Jones aggiunge una nuova sfida al tour europeo

I Brave Blossoms affronteranno un 2024 ricco di impegni stimolanti

item-thumbnail

All Blacks: Scott Robertson dovrà rinunciare al suo astro nascente in mediana

Il talentuoso Cameron Roigard era il maggior indiziato per la numero 9, ma è incappato in un brutto infortunio

item-thumbnail

L’Australia di Schmidt costruisce il suo staff pescando in Nuova Zelanda

Non solo Laurie Fisher al fianco del nuovo tecnico dei Wallabies: ci sarà anche Mike Cron, leggendario tecnico della mischia ordinata degli All Blacks...