Garbisi: “Ho fatto 8 partite di fila da centro, ma mi sento un’apertura. I piazzati? Parleremo con Allan”

Il giocatore di Montpellier: “La Georgia? Abbiamo lasciato una brutta immagine, ma adesso guardiamo avanti”

Garbisi: "Ho fatto 8 partite di fila da centro, ma mi sento un'apertura. I piazzati? Parleremo con Allan" (ph. Sebastiano Pessina)

Garbisi: “Ho fatto 8 partite di fila da centro, ma mi sento un’apertura. I piazzati? Parleremo con Allan” (ph. Sebastiano Pessina)

Continua l’avvicinamento ad Italia-Samoa, con il gruppo azzurro che sta lavorando a Verona in preparazione al match di sabato 5 novembre contro gli isolani (diretta alle 14 su Sky Sport e Tv8). In conferenza stampa è intervenuto Paolo Garbisi, apertura della Nazionale e del Montpellier, con il quale però ha sempre giocato primo centro ultimamente.

Proprio il suo impiego è stato il primo tema affrontato, visto che ormai in Francia è schierato sempre col numero 12: “Sono stati sicuramente mesi interessanti, avevo giocato già primo centro in passato ma meno frequentemente, e spesso per spezzoni di partita. In questa stagione ho fatto 8 partite di fila da centro, non gioco apertura dalla scorsa finale di Top 14”.

“È una sfida per me molto stimolante, anche dal punto di vista dell’impatto fisico, ma mi sento un numero 10 e sento di poter performare al meglio in quella posizione. Sto cercando di ritrovare velocemente gli automatismi, e in generale sono contento di essere considerato un’apertura” prosegue il mediano azzurro.

Leggi anche: Matteo Minozzi è un nuovo giocatore del Benetton Rugby

In vista di un possibile impiego di Tommaso Allan come estremo – come detto ieri dal tecnico della difesa Marius Goosen – si apre la possibilità di giocare quindi con una doppia apertura. Non con uno schema 10-12, come visto spesso negli ultimi anni sia con Franco Smith (Allan e poi Garbisi insieme a Canna) sia con Crowley (Garbisi-Marin, e poi Allan-Garbisi), ma un 10-15 che rappresenta un’opzione diversa, come spiegato dallo stesso Paolo.

“Giocare 10-15 cambia soprattutto dal punto di vista offensivo, perché apre molte più opzioni, soprattutto per quanto riguarda il gioco al piede che a questo livello è fondamentale. Se dovessimo giocare insieme come apertura ed estremo sarà molto interessante da vedere, dovremo essere bravi a gestirci e a non creare confusione alla squadra, ma penso che in attacco saremmo un’arma in più”.

Leggi anche: Italia, Goosen: “Probabile Allan estremo”. Lucchesi: “In mischia servirà la perfezione”

In caso di presenza in contemporanea da parte dei due, Garbisi ha parlato anche della scelta che dovrà essere fatta su chi avrà la responsabilità dei piazzati, visto che è da un po’ che non piazza poiché in Francia la responsabilità è di Carbonel: “Da inizio stagione non sto piazzando quasi mai, nel caso dovessimo giocare insieme sicuramente parleremo con Tommaso e decideremo il da farsi. Siamo due buoni calciatori e non credo ci saranno problemi”.

Chiaramente, non va dimenticato che questa è la prima uscita dell’Italia dopo la rovinosa sconfitta di Batumi contro la Georgia. Garbisi ne è consapevole, ma guarda avanti e si concentra solo sul futuro: “Siamo consapevoli della brutta immagine che abbiamo lasciato, in una partita che era fondamentale sia per noi che per la Georgia. Chiaramente abbiamo analizzato le cose che non hanno funzionato in questa estate, non solo contro i Lelos, ma il nostro focus adesso è solo sulle tre partite di questo autunno, a partire dalle Samoa”.

Francesco Palma

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Italia, Niccolò Cannone: “È un momento importante per il nostro rugby, non abbiamo mai smesso di crederci”

Intervistato durante la nuova puntata del nostro Podcast, l'Azzurro ha rimarcato il duro lavoro che c'è dietro i successi della nazionale

11 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Autumn Nations Series: Italia-Argentina verso il Ferraris di Genova

La prima partita dei test autunnali degli Azzurri dovrebbe giocarsi nel capoluogo ligure

6 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Tommaso Menoncello: “Sonny Bill Williams è sempre stato il mio idolo. Andrea Masi mi ha insegnato molto”

Il trequarti del Benetton è il più giovane giocatore a vincere il premio di "Best Player of Six Nations"

5 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Tommaso Menoncello nominato “Miglior Giocatore” del Sei Nazioni 2024

Riconoscimento incredibile per l'Azzurro che diventa il secondo italiano a prendersi questo prestigioso premio

5 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni: la meta di Lorenzo Pani contro il Galles eletta come la “Migliore del Torneo”

Un'azione a tutta velocità conclusa dallo scatto e dallo slalom del trequarti azzurro

3 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Juan Ignacio Brex: “Abbiamo fatto la storia ma non ci vogliamo fermare”

In una intervista a RugbyPass il centro torna sulla voglia di vincere degli Azzurri in vista del futuro

28 Marzo 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale