“Per tutto quello che gli è successo, è incredibile che sia tornato a giocare”

Stasera Jake Polledri tornerà a vestire maglia del Gloucester dopo due anni. Il suo allenatore ne ha approfittato per ripercorrere il suo strepitoso recupero

Jake Polledri

ph. Sebastiano Pessina

Mercoledì sera Jake Polledri giocherà la sua prima partita ufficiale con il Gloucester dopo due anni. Da quel 14 novembre 2020, il giorno dell’infortunio al ginocchio rimediato contro l’Italia, il flanker della nazionale e dei cherry&white ha dovuto intraprendere un percorso lungo e complicato per poter tornare in campo. Un obiettivo che a un punto sembrava anche piuttosto lontano dal poter essere realizzato.

“Tornare a giocare dopo tutto quello che Jake ha passato è qualcosa di monumentale – ha detto il coach del Gloucester George Skivington, presentando la partita di Premiership Rugby Cup contro i Worcester Warriors – Con tutto quello che gli è successo al di fuori del rugby, è incredibile che sia anche tornato a giocare”, con riferimento alla morte del fratello di 24 anni avvenuta lo scorso marzo per un attacco cardiaco.

“Ha affrontato sfide enormi da quel punto di vista, e poi è riuscito anche a riacquistare la forma fisica necessaria per giocare in Premiership. Ora dobbiamo riportarlo a quel tipo di intensità a cui non è abituato da due anni, e speriamo di poter riavere il giocatore che era. Ma dobbiamo essere intelligenti – ha detto Skivington – Se saremo responsabili, sarà di nuovo bello vederlo in campo”.

L’allenatore ha poi descritto lo stato d’animo di Polledri in questi ultimi giorni. “È molto felice di essere tornato un giocatore di rugby, e noi cerchiamo un po’ di domarlo e di tenerlo al guinzaglio. Era molto contento di aver giocato contro Hartpury (con la squadra B di Gloucester lo scorso 1 settembre, ndr) e l’intera squadra e tutti noi eravamo davvero entusiasti che avesse superato quel test. È davvero, davvero entusiasta”.

– Guarda anche: un video per non dimenticare di cosa era capace Jake Polledri

Anche se ora la situazione sembra ormai in discesa, con il giocatore che sembra aver solo bisogno di mettere minuti nelle gambe per tornare competitivo, inizialmente le cose non erano così limpide, come ha ricordato Skivington. “I primi tempi sono stati piuttosto difficili per Jake. In pratica ci muovevamo in territori inesplorati, perché non c’erano molti altri casi simili al suo nel nostro sport”.

“Nei primi mesi Jake cercava solo di andare avanti per cercare di capire cosa sarebbe potuto succedere. Negli ultimi sei mesi invece c’è stato un cambio di marcia, e abbiamo visto quanto sia determinato a ricominciare. Non c’è stato più alcun dubbio che sarebbe tornato, ma all’inizio pensavamo solo a farlo tornare a un livello decente, e poco importava del rugby professionistico”.

“Ed è per questi motivi che bisogna togliersi il cappello davanti a lui. Ripartire da quell’infortunio e fare quello che ha fatto negli ultimi due anni per tornare al livello in cui si trova ora richiede una grande determinazione mentale”.

In conclusione, per Skivington “è assolutamente incredibile il modo in cui ha lottato per tornare”, ma l’head coach è anche consapevole di dover “controllare la bestia” fino a quando non sarà completamente tornato al suo livello. “Sarà una mia responsabilità, ma lui intanto è su di giri ed è pronto a scendere in campo”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Le parole di Jake Polledri sul suo ritorno in campo

Il terza linea ha fatto il punto della sua situazione fisica e tecnica. Protagonista con i London Irish anche Luca Morisi

22 Settembre 2022 Emisfero Nord / Premiership Rugby Cup
item-thumbnail

L’assurda formazione di Worcester per giocare in Coppa

Senza fondi per altri giocatori e in grave crisi economica, i Warriors porteranno in panchina due atleti già ritirati. Uno addirittura da nove anni

21 Settembre 2022 Emisfero Nord / Premiership Rugby Cup
item-thumbnail

Premiership Rugby Cup: tornano titolari Varney e Polledri. Spazio anche a Morisi

Gli italiani titolari per la prima giornata di coppa in Inghilterra

20 Settembre 2022 Emisfero Nord / Premiership Rugby Cup
item-thumbnail

Matteo Minozzi è tornato a giocare con i Wasps. In campo anche Varney

I due azzurri protagonisti dei successi in Premiership Rugby Cup di Wasps e Gloucester

item-thumbnail

Italiani all’estero: Garbisi fa 100 con Montpellier (ed è terzo), torna in campo Parisse

L'apertura azzurra è ancora una volta protagonista del match vinto dal suo club contro Perpignan, e torna in campo anche Sergio dopo l'infortunio

6 Dicembre 2021 Emisfero Nord / Premiership Rugby Cup
item-thumbnail

I Sale Sharks hanno vinto il primo titolo inglese, dopo lo stop

Il successo in Premiership Rugby Club chiude un digiuno di titoli che durava dal 2006

22 Settembre 2020 Emisfero Nord / Premiership Rugby Cup