Shock Gloucester: Ed Slater ha la SLA, subito avviata una raccolta fondi

La terribile diagnosi: Sclerosi Laterale Amiotrofica

Shock Gloucester: Ed Slater ha la SLA, subito avviata una raccolta fondi

Shock Gloucester: Ed Slater ha la SLA, subito avviata una raccolta fondi

Era sparito dai radar negli ultimi mesi, e purtroppo adesso sappiamo il motivo: a Ed Slater è stata diagnosticata la Sclerosi Laterale Amiotrofica, conosciuta anche come SLA. La seconda e terza linea di Gloucester era sceso in campo per l’ultima volta a gennaio, poi era stato inserito nella lista degli indisponibili senza specificare altro, per rispettare la sua privacy.

L’annuncio è stato dato dal suo club, Gloucester, in un comunicato stampa: “Siamo profondamente addolorati di dover annunciare che a Ed Slater è stata diagnosticata la malattia del motoneurone (MND). La diagnosi è stata confermata la scorsa settimana, dopo sei mesi di test. Tutti i membri del Gloucester – giocatori, dirigenti e staff – sono impegnati a supportare Ed, sua moglie Jo e i suoi tre figli in qualsiasi modo. Sappiamo che sarà lo stesso per i tifosi di Gloucester e Leicester e per tutta la comunità del rugby”.

Leggi anche: Ryan Jones, l’ex capitano del Galles: “Ho una forma di demenza precoce. Non so cosa sarà di me”

In contemporanea, Gloucester ha subito avviato una raccolta fondi, che nel giro di 24 ore ha già portato a raccogliere oltre 50mila sterline, per aiutare Slater e la sua famiglia in questa difficilissima battaglia. Il giocatore ha poi ringraziato tutti su Twitter.

“Voglio ringraziare tutti per i messaggi di supporto e generosità, che danno a me e alla mia famiglia un’enorme forza in questo momento di tristezza. Affronterò questa sfida a testa alta. Alla fine so che non posso vincere, ma lotterò con tutte le mie forze. La speranza non è perduta”.

In Italia, conosciamo bene la SLA dopo la battaglia portata avanti dall’ex calciatore Stefano Borgonovo, simbolo della lotta alla malattia. La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una patologia neurodegenerativa progressiva che colpisce i neuroni motori, le cellule nervose cerebrali e del midollo spinale che permettono i movimenti della muscolatura scheletrica. Purtroppo, per adesso non esiste una cura.

Slater è solo l’ultimo di una lunga serie di rugbisti che hanno scoperto di avere questa terribile malattia, tra i più conosciuti c’è Doddie Weir, fondatore della My Name’5 Doddie Foundation, che ha subito manifestato il proprio sostegno al giocatore. Va ricordato anche il sudafricano Joost Van der Westhuizen, scomparso nel 2017 dopo una lunga battaglia contro la SLA.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Premiership: i Wasps sono nei guai?

Il club non ha saldato il proprio debito di 35 milioni di sterline con gli investitori

12 Agosto 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Eddie Jones se la prende con le scuole: “Formano ragazzi deboli caratterialmente”

Il c.t. della Nazionale inglese è intervenuto sul tema della formazione dei giovani, a suo dire poco efficiente

8 Agosto 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Nuovo contratto e ritorno in campo per Jake Polledri

Sembra davvero essere finito l'incubo del terza linea azzurro, pronto a rientrare dopo quasi due anni di stop

28 Luglio 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Il calendario della Premiership 2022-2023

Si comincia il prossimo 9 settembre: tutti a caccia dei Leicester Tigers

19 Luglio 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Gloucester lascia la porta aperta a Polledri: “Vogliamo vederlo tornare ai suoi livelli, teniamo le dita incrociate”

Il tecnico George Skivington ha rinnovato la sua piena fiducia verso il giocatore, nella speranza di rivederlo presto in campo

17 Luglio 2022 Emisfero Nord / Premiership