Una medaglia gettata da un ponte e un emozionante regalo, diciannove anni dopo

La finale persa nel 2003 aveva portato Justin Harrison a disfarsi fin troppo presto del suo argento. Ora le cose si sono rimesse a posto

Dopo la finale di Rugby World Cup persa in casa, davanti al proprio pubblico e nei tempi supplementari per il drop più famoso di questo sport, il seconda linea dei Wallabies Justin Harrison espresse a modo suo tutta la delusione per quella beffa. Prese la sua medaglia d’argento e la lanciò giù dal Sydney Harbour Bridge, giù nella baia della città.

In quel momento, quel pezzo di metallo rappresentava la sconfitta più bruciante della carriera per Harrison, e non poteva essere un motivo d’orgoglio o un cimelio meritevole di qualche custodia particolare. Prevedibilmente, Harrison – che giocò dal primo minuto al finale del Mondiale 2003 – se ne pentì poco dopo, soprattutto perché non poteva mostrargli ai propri figli.

Harrison ne ha parlato nei giorni scorsi durante una chiacchierata organizzata con l’ex compagno di squadra Morgan Turinui per Stan Sport, in una location scelta non a caso: il Cargo Bar che si affaccia esattamente sul ponte di Sydney da cui Harrison ha gettato via la sua medaglia.

“Non l’ho messa al collo durante la premiazione. Poi sono venuto qui, ho avuto il mio momento alla Mohammed Ali e l’ho lanciata in acqua. È un mio rimpianto”. La chiacchierata tra Harrison e Turinui avrebbe dovuto riguardare la rivalità tra Inghilterra e Australia in vista del terzo Test Match tra le due nazionali, ma un’inaspettata apparizione ha svelato poi il vero motivo dell’incontro.

All’improvviso, infatti, sulla scena è comparso il presidente della Federazione inglese (RFU), Jeff Blackett, che aveva un regalo proprio per Harrison: la sua medaglia d’argento. Harrison è rimasto comprensibilmente senza parole e non ha tradito una grande emozione, come si può vedere dal video del momento.

 

Come hanno riportato i media australiani, grazie all’aiuto di World Rugby, Blackett è riuscito a contattare i produttori delle medaglie della Rugby World Cup 2023, che avevano ancora gli stampi originali. A quel punto, la RFU e la Federazione australiana hanno pagato l’azienda per averne una nuova da consegnare a Harrison.

“È incredibile vedere gli sforzi e le persone che sono state coinvolte per far succedere tutto questo – ha detto Harrison – Il rugby ha la grande capacità di far lottare persone e nazioni le uni contro le altre, ma anche di renderli compagni leali e compassionevoli”.

Per Harrison, in ogni caso, non è stata l’unica sorpresa. Subito dopo la consegna della nuova medaglia, l’ex seconda linea dei Wallabies ha ricevuto anche una videochiamata dai suoi figli che si trovavano in vacanza in Irlanda. A quel punto, dopo tanti anni, ha potuto far vedere loro la medaglia che diciannove anni fa aveva buttato via troppo velocemente.

– Leggi anche: il commovente messaggio di Jamie Roberts per annunciare il ritiro

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

I Briganti di Librino in trasferta in Inghilterra

Saranno ospiti del Bolton, squadra dilettantistica gemellata con il club catanese

12 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Ed Slater e la convivenza con SLA

L'ex giocatore di Gloucester ha raccontato com'è venuto a conoscenza della malattia e come si sta preparando ai prossimi mesi

9 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Gli All Blacks scenderanno al quinto posto nel ranking mondiale

Il Sudafrica raggiunge la Francia al secondo posto, squadre appaiate

7 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Le squadre vincitrici del Trofeo Italiano Beach Rugby 2022

Crazy Crabs e Sabbie Mobili le squadre che si sono aggiudicate il titolo maschile e femminile

31 Luglio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Il lavoro da sogno di Eddie Jones? Allenare la squadra per la quale è tifoso sin da piccolo

Il coach dell'Inghilterra è rimasto in Australia e ha visitato il camp di allenamento della squadra che guida la NRL

28 Luglio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Un libro che non è una storia ma “Filosofia del rugby”

Riflessione filosofica e narrazione sportiva al tempo stesso. Comprensibile anche a chi non è esperto delle due discipline

23 Luglio 2022 Terzo tempo