Quindici anni fa il drop di Wilkinson decideva la Rugby World Cup

Il 22 novembre 2003 l’Inghilterra conquistava il trofeo più ambito grazie anche al piede del suo numero 10

ph Reuters / Action Images

“Per me, la bellezza non è il drop allo scadere della finale 2003: è il percorso che ci ha portato lì, il modo in cui ci siamo arrivati. È cominciato tutto con una rimessa laterale. Il punteggio era di parità, 17 a 17, la squadra australiana aveva appena segnato una punizione e restavano, non so, forse cento secondi per vincere la partita… già è difficile in campo internazionale, ma con gli australiani e in Australia! Negli ultimi secondi della Coppa del Mondo, potete scommetterci che sarebbero stati pronti a tutto. C’è stato bisogno di trovare una soluzione, la migliore delle soluzioni. Ed è qualcosa che abbiamo fatto tutti assieme, tutti sulla stessa lunghezza d’onda. Ciascuno sapeva quel’era il suo compito. Si è cominciato con una rimessa in gioco, che abbiamo calciato in un angolo del loro terreno: sapendo che sarebbero andati a cercare la linea del fuori, e che avremmo avuto la palla a 45 metri dalla loro linea di meta. Di colpo, dalla rimessa laterale, i nostri avanti hanno guadagnato il pallone perché potessimo avanzare fino alla loro metà campo. Su una touche è il tallonatore che deve lanciare l’ovale, mentre gli alti avanti sollevano il saltatore. Lo hanno fatto bene, con precisione. Dopo mi hanno passato il pallone, e io l’ho passato a quello che mi stava accanto, che l’ha preso ed è avanzato. Tutti i giocatori della nostra squadra erano nella stessa zona. E’ impossibile spiegare come sia potuto accadere, ma noi quindici giocatori ci muovevamo insieme come se seguissimo un copione già scritto. Era strano. Il nostro mediano di mischia ha fintato il passaggio per provocare una breccia nella linea difensiva avversaria. Ha tentato l’uno contro uno per andare a segnare la meta, ma non è andata bene. Subito dopo, gli avanti hanno provocato un raggruppamento per continuare ad avanzare. Martin Johnson, il capitano, ha deciso di prendere il pallone ancora una volta perché vedeva che la difesa era salita per impedire qualsiasi tentativo di drop. In quei momenti, a ogni secondo, ero perfettamente cosciente che ero io, l’ultimo anello della catena, a dover calciare il pallone. Ed è andata proprio così, appena trenta secondi prima del fischio finale! Per me, la bellezza bisogna vederla in tutto lo svolgimento dell’azione, non nel gesto finale. Quello che è davvero bello è questa capacità di agire, di connettersi con gli altri, di trovare un modo di comunicare con loro più profondo delle parole e dei segni. Questo è il risultato degli allenamenti, naturalmente, ma anche del tempo che abbiamo passato insieme al ristorante, in albergo… La bellezza non è un gesto isolato, ma la connessione di tutti i giocatori.”

Jonny Wilkinson
Da Rugby Quantisticoun dialogo tra sport e fisica, ADD Editore, Italia 2013

 

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il vero valore dello sport nella carezza di Médard e nelle lacrime di Parisse

Breve riflessione su due episodi accaduti sabato all'Olimpico

18 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il postino placca sempre due volte, ep. 3: attacco e difesa

Torna la rubrica con le domande dei lettori: oggi ci occupiamo dello schieramento dei giocatori in fase offensiva e difensiva

13 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #36: l’insostenibile leggerezza dell’Earls

Con un meccanismo perfetto da orologio di grande marca, l'Irlanda manda in meta la sua velocissima ala

11 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il postino placca sempre due volte, ep. 2: alla base del rugby

Fabrizio ci ha chiesto qualche delucidazioni su alcuni ruoli del nostro sport, e abbiamo cercato di accontentarlo

6 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #35: Duecentocinquantasette secondi

Un'azione di gioco infinita, con i polmoni di Cory Hill premiati dopo lo sforzo collettivo di tutta la squadra: è la meta della settimana

26 febbraio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #33: Marlon Stockdale

Le qualità attoriali del giovane irlandese funzionali alla sua bella marcatura contro la Scozia

14 febbraio 2019 Terzo tempo