Italia, capitan Edoardo Padovani verso la Romania: “Anche per noi è la gara della vita”

L’ala degli azzurri parla a poche ore dal match contro la Romania, sicuro del fatto di guidare una squadra pronta a cambiare marcia dopo il Portogallo

Sei Nazioni 2022: Galles-Italia 21-22, gli Azzurri scrivono la storia a Cardiff

Sei Nazioni 2022: Galles-Italia 21-22, gli Azzurri scrivono la storia a Cardiff (ph. Ettore Griffoni)

Per l’Italia è arrivato il giorno della sfida contro la Romania, partita che inizierà alle 20.00 a Bucarest. Per la prima volta nella sua carriera Edoardo Padovani sarà capitano degli azzurri, e a poche ore dal kick-off è intervenuto in conferenza stampa per analizzare la situazione.
La partita di stasera per la Romania (come per il Portogallo una settimana fa e per la Gerogia il 10 luglio) sarà importantissima visto l’ambizioso status di crescita che gli est-europei hanno.

Leggi anche: Questa la formazione dell’Italia per la sfida ai romeni

Come pensa Padovani che gli azzurri dovranno interpretare la gara? “Anche per noi questa sarà come una partita della vita. Abbiamo intrapreso un processo importante per creare una identità di squadra ben precisa e guadagnarci il rispetto a livello internazionale. Affrontiamo passo dopo passo con massima determinazione ogni impegno che si prospetta davanti a noi”.

Come detto il giocatore del Benetton sarà capitano dell’Italia, una prima volta insolita per chi viene schierato all’ala (sarà numero 11): “Lead by example è il mio modo di approcciarmi. Non sono una persona che parla troppo. Cerco di dimostrare la mia leadership con i fatti. Mi sono confrontato molto con Michele Lamaro: è una persona che rispetto molto sul campo e fuori. Sono onorato di guidare sul campo l’Italia anche se so che è solo per questa partita. È comunque una situazione che non mi sarei mai potuto immaginare neanche nei sogni più belli”.

Leggi anche: Romania-Italia: programma, orario, tv e streaming del secondo Test Match Estivo degli Azzurri

Chiaramente all’Italia serve una prestazione completamente diversa rispetto a quella precedente a Lisbona: “L’analisi della partita contro il Portogallo è stata approfondita. L’obiettivo è quello sicuramente di migliorare quello che non ha funzionato. Faremo una grande partita contro la Romania e la fisicità sarà uno dei punti cardine su cui dovremo essere più performanti”.

Leggi anche: Ecco la Romania che attende l’Italia a Bucarest

Padovani pensa che conterà più il risultato o la prestazione contro la Romania: “Il risultato di oggi sarà una conseguenza della prestazione, che è quello su cui ci dobbiamo focalizzare. È il momento di dare un segnale importante per confermare il nostro processo di crescita”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

L’Azzurro U18 Nicola Bozzo negli Espoirs del Perpignan

Dopo due anni alla Sedbergh School in Inghilterra, esperienza in Francia per il giovane centro di belle speranze

12 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Granzotto, la giovane mediana cresce dietro Barattin e Stefan: “Vogliamo i quarti al Mondiale. E sui social parlo di uguaglianza”

La numero 9 della Capitolina: "Lavorare con Sara e Sofia è un grande stimolo, spero un giorno di poter essere al loro posto"

11 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Tornano gli Open Day FIR: porte aperte il 17 e 18 settembre

Un momento di accoglienza e aggregazione che punta a seminare cultura ovale

10 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Caso Castrogiovanni: World Rugby non aprirà nessuna indagine a riguardo

Il Board non ha intenzione di approfondire una questione che era già venuta fuori nel 2009

9 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

FIR: approvato il nuovo regolamento sull’impiantistica

Sarà in vigore dal 2023/2024 e consentirà di togliere ai club le responsabilità legate alle deroghe sulle omologazioni

5 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale