World Rugby: dal 1° luglio arrivano nuove regole per la concussion

Aumenta la finestra temporale di rientro in campo dopo averne subita una. Creato anche uno “storico” per i giocatori

Concussion: dall'Emisfero Sud arriva un nuovo modo per accertarle

World Rugby cambia le regole per la tutela sulle concussion

World Rugby ha comunicato che dal prossimo 1° luglio le regole in merito alle concussion verranno modificate. L’organo di controllo planetario della palla ovale ha infatti reso noto che i giocatori vittime di concussion dovranno, prima di rientrare in campo, osservare un protocollo minimo di 12 giorni.

Ciò significa che i rugbisti che subiscono tali impatti non potranno rientrare nella partita successiva della loro squadra, se questa è posta a una distanza di meno di 12 giorni dalla precedente, mentre in precedenza la distanza temporale individuata era di 7 giorni.

La specifica sulla modifica della regola arriva dalla Commissione Indipendente di World Rugby che si è focalizzata proprio sulle commozioni celebrali: “L’approccio evoluto di questa modifica – ha fatto sapere World Rugby – vedrà i giocatori, con una serie di concussion subite durante la loro carriera o che vengono tolti dal campo per sintomi istantanei evidenti, rimanere fuori dal campo per un minimo di 12 giorni non facendo parte della propria squadra per la partita successiva”.

“Nessun giocatore, inoltre, tornerà a disposizione dal settimo giorno successivo alla concussion: il ritorno di qualsiasi rugbista nel gruppo-squadra dovrà essere approvato da un consulente terzo e indipendente addetto alla visita sulle concussion”.

Giocatori con un precedente di concussion

Quali sono i giocatori identificati con “una serie di concussion subite durante la loro carriera”? Quelli che hanno ricevuto una diagnosi di concussion nei precedenti tre mesi all’eventuale momento di un altro episodio simile o quelli vittime di tre concussion nell’ultimo anno di attività.
Altri giocatori con il vissuto di concussion sono quelli che hanno subito 5 concussion in carriera o giocatori che anche avendo subito una sola concussion ci hanno messo più di 21 giorni per riprendersi dal trauma cranico occorso.

Leggi anche, Italia-Inghilterra under 20: squalificato il medico che ignorò la concussion di Bailey

Eanna Falvey, capo della Commissione Medica di World Rugby ha aggiunto: “Svilupperemo una nuova mentalità che riguarderà anche giocatori e allenatori. Ogni giocatore che subirà una concussion è altamente probabile che non sarà a disposizione nella partita successiva.
Crediamo che le prove scientifiche supportino le modifiche nei nostri protocolli: qualcosa che monitoriamo e testiamo continuamente per assicurarci che tutto sia in linea coi parametri del gioco moderno.
Sappiamo che anche tutto quello che ruota intorno all’argomento concussion è cambiato: questo ci consente di personalizzare anche i modi e i tempi di riabilitazione per i giocatori e le giocatrici professioniste”.

“Il protocollo ora ci consente di tenere più alta la soglia di attenzione evitando di sottostimare quei sintomi che alla lunga sono diventati dei problemi di difficile risoluzione”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rugby Africa Cup: in 4 per un posto alla Rugby World Cup

Iniziata la competizione che assegna una piazza al mondiale nel girone dell'Italia, Namibia favorita

3 Luglio 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

La Spagna è ufficialmente esclusa dalla Rugby World Cup 2023

Il ricorso degli iberici è stato respinto

27 Giugno 2022 Rugby Mondiale
item-thumbnail

TMO: dall’1 luglio si cercherà di dare più rapidità e precisione agli interventi

Un protocollo rivisitato per aiutare gli arbitri

16 Giugno 2022 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby Ranking: da dove si riparte in estate?

Tutti a caccia degli Springboks: i numeri uno della classifica

15 Giugno 2022 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Dopo la squalifica, la Spagna accusa la Romania: scoppia il “caso Tomane”

Un caso molto simile a quello Van den Berg potrebbe riaprire i giochi per la Federazione iberica

2 Giugno 2022 Rugby Mondiale / Rugby World Cup