Sei Nazioni: come vanno le cose in Galles

La sconfitta contro l’Italia ha generato un dibattito interno su come riformare il movimento, a partire dalle franchigie

Sei Nazioni 2022: fatto il Galles che sfida l'Inghilterra a Twickenham. PH Sebastiano Pessina

Sei Nazioni: come sta il Galles  – ph. Sebastiano Pessina

Tramontata la delusione per la sconfitta 21-22 contro l’Italia nell’ultimo turno del Sei Nazioni 2022, il rugby gallese si sta interrogando sul proprio futuro e sulla necessità di apportare riforme ad un movimento che non funziona, a detta degli stessi addetti ai lavori.

La partita di Cardiff, infatti, più che accendere una luce su una nazionale che durante il Torneo aveva in realtà performato anche al di sopra delle aspettative della vigilia, ha permesso di generare un dibattito interno al Galles, squadra che ha vinto sei volte il Sei Nazioni negli ultimi 17 anni, ma che sembra oggi destinata ad un sempre maggiore declino.

Leggi anche: Sei Nazioni 2022: Antoine Dupont premiato miglior giocatore del torneo

Se il XV allenato da Wayne Pivac, però, può ancora contare sulle valide prestazioni di alcuni dei suoi senatori, quello che preoccupa il rugby gallese è la capacità di produrre nuovi giocatori di qualità all’interno del sistema delle Regions, le franchigie che partecipano allo United Rugby Championship.

Anche perché, al di là del risultato della nazionale maggiore, in quello stesso fine settimana dell’impresa azzurra a Cardiff l’Italia U20 batteva i pari età gallesi a Colwyn Bay per la terza volta consecutiva, gli Scarlets venivano strapazzati 57-12 dai Bulls e Cardiff perdeva 40-3 con gli Stormers. In tutta la stagione le franchigie gallesi hanno vinto 18 partite su 47.

“A inizio stagione tutti noi directors of rugby ed head coaches siamo stati parte di un tavolo di lavoro dove abbiamo già segnalato quelli che secondo noi sono i cambiamenti appropriati per essere competitivi – ha raccontato Dai Young, capo allenatore di Cardiff – Pochissime squadre vincono senza appropriati investimenti, no? Non si parla solo di soldi, ma anche di strutture, business plans, dell’intero sistema.”

“Ricordo di aver allenato contro il Leinster a Donnybrook con meno di mille spettatori presenti. Poi la federazione irlandese ha deciso di investire nel professionismo. Hanno prima investito nel Leinster. Il loro standard è cresciuto e ha portato tutti su con loro. Quindi hanno investito nelle accademie: c’era una chiara direzione di dove volevano andare e ci sono riusciti piuttosto bene.”

Leggi anche: Sei Nazioni: la meta creata da Capuozzo e segnata da Padovani vista da quattro angoli diversi

“Ora noi siamo a questo punto. Al momento non credo ci sia una chiara direzione nella quale muoversi per migliorare. Ci sono state un sacco di chiacchiere, ma qualcuno alla fine dovrà prendere una decisione e indicare il sentiero da seguire, perché penso che tutti si siano accorti che le cose non possono andare avanti così.”

Uno dei principali problemi viene individuato nel conflitto di interessi fra federazione e club amatoriali. Il consiglio direttivo della Welsh Rugby Union è costituito infatti per la maggior parte da esponenti dei club, i quali da anni remano contro un più definitivo distacco fra il gioco professionistico e quello amatoriale.

Il recente tentativo dell’ex presidente federale Gareth Davies di modernizzare la governance del rugby professionistico, rendendo più agile il processo decisionale e snellendo il consiglio federale gli è valso solo l’addio alla carica.

Leggi anche: Rassie Erasmus: “La vittoria dell’Italia chiude le discussioni sul Sei Nazioni”

All’immobilismo della struttura amministrativa del rugby in Galles, si uniscono altri fattori: la federazione ha spesso investito in progetti che puntano a generare ulteriori profitti piuttosto che nello sviluppo del movimento (si dice che i 51 milioni di sterline derivanti dall’accordo con CVC possano finire in un birrificio a marchio WRU e in posti a sedere per le partite a Cardiff dalla cima del tetto del Principality); lo sviluppo dei giovani talenti è deficitario e non ha una vera e propria struttura dedicata; limitata attività nel settore scolastico.

In tutto questo Wayne Pivac sembra ancora potersi tenere seduto alla guida della nazionale. Anche se non esente da problemi, per il momento la sua gestione del Galles ha del credito da spendersi. Ma all’orizzonte c’è un tour estivo in Sudafrica che sembra possa portare più guai che buone notizie.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby

onrugby.it © riproduzione riservata
TAG:
item-thumbnail

Sei Nazioni: la Francia potrebbe “abbandonare” lo Stade de France

Una trattativa, in comune col calcio, e all'orizzonte una potenziale sede alternativa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: in vendita i biglietti per le partite in casa dell’Italia

Tre i match in agenda: contro Francia, Irlanda e Galles

26 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

6 Nazioni femminile: gli highlights della quarta giornata

Successo straripante dell'Inghilterra, la Francia insegue e vince in Galles senza brillare particolarmente

25 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: i risultati del quarto turno e la classifica aggiornata

Prosegue il testa a testa tra Francia e Inghilterra

24 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

6 Nazioni femminile: un cambio dell’ultima ora nell’Italia che sfida la Scozia

Terza linea azzurra rivista a causa dell'assenza di Elisa Giordano. Entra nelle 23 Alessandra Frangipani, pronta a sfidare le scozzesi

23 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: la preview della quarta giornata

Il Galles prova a sorprendere la Francia, Azzurre attese da una prova di riscatto contro la Scozia

22 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni