6 Nazioni femminile, Di Giandomenico: “Soddisfatto dell’Italia, continuiamo a lavorare”

La capitana azzurra Manuela Furlan sottolinea il tanto lavoro fatto dalla squadra, e un risultato che forse è stato troppo pesante per quanto visto in campo

COMMENTI DEI LETTORI
  1. spike 28 Marzo 2022, 10:27

    Il talento c’è, ci vogliono i soldi. La nuova dirigenza ha già esposto i piani per portare il rugby femminile al prossimo step?

    • Totalmente incompetente 28 Marzo 2022, 11:01

      Gemo di no. Non è nemmeno in chiaro agli addetti ai lavori (così sembra da fuori e non molto fa la FIR per dissipare incomprensioni o dubbi) i che direzione si stia nadando con la formazione dell’alto livello maschile, capirai con quello femminile

  2. ginomonza 28 Marzo 2022, 12:49

    Temo che quest’anno ne vinceremo solo una contro la Scozia

  3. feltre59 28 Marzo 2022, 13:10

    Se il livello sale gli attuali preparatori ,sia nel maschile che nel femminile, non sono adeguati (eufemismo).
    c’è poco da fare.l’inaspettato successo in galles ,dovuto esclusivamente ad una individuale genialata di un ragazzo di 72 Kg, non deve trarre in inganno.
    gli atleti ci sono in ambedue i generi ma manca il gioco ,più evidente nel maschile , fatto in prevalenza di sportellate e sfondamento così abbiamo sempre le infermerie piene , spesso giocatori fermi o. addirittura persi( lista lunghissima)
    nel femminile non vengono allocate le risorse necessarie per gareggiare con formazioni top10. le ragazze son fin troppo brave e volenterose . Innocenti ,che delusione. pronti al cambiamento, QUALE??

    • alex74 28 Marzo 2022, 13:24

      Scusa, ma se vedi la vittoria in Galles come frutto di una genialata individuale temo che l’acrimonia verso l’attuale dirigenza (che comunque su quella vittoria ha il solo merito di aver scelto il coach) ti stia un po’ offuscando il giudizio.

      • feltre59 28 Marzo 2022, 13:55

        Un conto sono le opinioni ,rispettabilissime, e un conto sono i fatti. troppa soggettività quella si offusca il giudizio. non è stato per una giocata individualissima e geniale la vittoria?? è un merito aver scelto un ct che non sa dopo anni una parola d’italiano ,ha allenato il canada e poi treviso con modesti risultati soprattutto in termini di GIOCO. l’argentina che ha un disponibilità finanziaria META’ della nostra si è presa Cheika .opinione o fatti?
        soffro a vedere ragazzi / ragazze volenterosi perchè lo sono ma disposti in campo solo per sportellare , e farsi spesso male inutilmente, mentre gli avversari corrono a destra e sinistra . o non è così?opinione o fatti?
        quanto l’attuale dirigenza dopo il “ventennio” e le promesse fatte doveva fare ben altro, per esempio preparatori con meritocrazia( bruttissima parola in italia) e un forte sostegno economico al settore femminile in particolare alla nazionale se si vuole mantenere in quella classifica altrimenti sarà impossibile. per trainare e far crescere un movimento sportivo è ineludibile il traino delle nazionali ,da che mondo è mondo
        confondere una critica motivata con acrimonia è una personalissima interpretazione oltrechè incomprensibile

        • alex74 28 Marzo 2022, 14:11

          Quello che ti volevo dire sulla partita te l’ha esplicitato molto bene qui sotto Aries, sulla scelta del CT, a me sembra che in questo momento possa funzionare bene, se mette delle buone basi il prossimo CT, magari con un nome più altisonante, potrà impostare un lavoro più ‘sofisticato’ senza dover ripartire da 0 tutte le volte. Sulla dirigenza attuale non ho elementi, per ora, per dirne bene o male, vedremo. Per il resto, ripeto, vedere la vittoria di Cardiff come un guizzo individuale mi sembra, quella sì un’interpretazione incomprensibile.

        • Winchester 28 Marzo 2022, 20:32

          Caro feltre59,
          trovo un po’ strano che confronti il budget Italiano con quello Argentino anziche’ con quello delle altre partecipanti al Sei Nazioni. Fai questo confronto e vedrai che l’Italia compete con un budget molto inferiore a quello altrui.
          Stando alla tua logica legata al budget, nel Sei Nazioni staremmo raccogliendo successi molto superiori alle aspettative.
          La cosa si puo’ invertire solo attirando molto piu’ pubblico e con un rugby di base molto, ma molto piu’ numeroso e attivo. Questo coinvolge tutti gli appassionati e ognuno dovrebbe sentirsi in dovere di fare qualcosa di positivo e costruttivo.

        • Winchester 28 Marzo 2022, 20:35

          @feltre59
          A suo tempo l’Italia ha assunto anche Nick Mallet, che per quanto riguarda i titoli e’ superiore anche a Cheika, eppure ha ottenuto dei risultati tutto sommato in linea con i predecessori.
          A volte assumere uno costoso non basta.

    • aries 28 Marzo 2022, 13:51

      Saint Ange e i suoi 72 kg qualcosa di importante lo hanno portato, direi però che a livello di squadra a Cardiff hanno fatto una partita che ha raggiunto quasi il 100% della perfezione sotto tutti i punti di vista. Si è creata la famosa situazione per la vittoria, noi che facciamo tutto bene nel 99% dei casi, loro che sbagliano il necessario per tenerci in partita fino all’ultimo, tipo il non calciare mai per i pali… Ahahahah🤣🤣🤣! Che peccato, per loro! Poi, San Capuozzo ha fatto quello che doveva fare… Dopo 80 Min aveva la metà dell’acido lattico degli altri, che infatti pesano il doppio, Padovani ha capito tutto, ha raschiato il fondo del barile e miracolo fu! Ma miracolo cercato, voluto e strameritato! Marin per esempio, aveva sbagliato partita in difesa con la Scozia, in Galles ha chiuso con 100% di placcaggi riusciti… Per me sono stati dei grandi!

      • Winchester 28 Marzo 2022, 20:26

        @aries
        Contro il Galles l’Italia ha fatto molti errori, anche non forzati. Non raccontiamoci che quella e’ stata la partita perfetta.
        Riguardatela e sono sicuro che converrai con me.

        • aries 28 Marzo 2022, 20:48

          Io intendo il 99% del nostro potenziale in questo momento, con tanti giovani e pure un po’ inesperti per il livello, comprensivo del minimo sindacale di cappelle ed errori che normalmente facciamo in misura maggiore. Tutto questo unito a certe cose fatte molto bene, tipo la difesa del drive, calciare tutto per rimanere attaccati, 80min giocati tutti, gioco al piede meglio del solito, innesto di mine vaganti, piloni che corrono come ali… Per me, ripeto per me, praticamente la partita perfetta per il nostro livello, poi puoi sempre fare meglio, ma mi sembra un ottimo punto di partenza questo, l’importante sarà ripetersi!

    • Totalmente incompetente 28 Marzo 2022, 14:03

      Feltre 59, son sono tanto d’accordo, nel senso che la situazione dell’alto livello è oggi migliorata parecchio:
      – il successo in Galles della maschile senior è sì culminato nella genialata del ragazzino, la quale è servita a vincere la partita solo perchè il resto della squadra ha giocato un buon rugby per tutta la partita che ha consentito di arrivare alla fine con un margine di distacco colmabile, con una difesa fisica (senza la quale non si va da nessuna parte in nessun tipo o categoria di rugby) ma soprattutto organizzata e consapevole, nonchè discreto gioco al piede, ecc..
      – i tre successi degli U20 di quest’anno, ma in generale LE PARTITE degli U20 degli ultimi 5 anni, hanno messo in mostra capacità atletiche aumentate, consapevolezza tattica e skills individuali mai visti sinora nei nostri giocatori. E non è un caso che ora questi giocatori, anche molto giovani, vengano ritenuti in grado di giocare a livello di franchigia o nazionale e di farlo in modo decoroso
      – le ragazze: per motivi a me sconosciuti, nonostante la mancanza di risorse, di numeri e di campionato di livello, hanno mostrato le caratteristiche che ho elogiato negli U20 in termini di competenza nel gioco, tattica e skills individuali ormai da molti anni e, anzi, sempre accrescendole.
      Mi spingerei a dire che le ragazze per molti anni (di sicuro fino ad almeno il 2016/17 di sicuro) sono state le uniche in Italia a giocare un rugby “sofisticato”, vario e intelligente.
      Alle ragazze, quindi, per lo meno a quelle coinvolte con la nazionale, non sono mai mancati buoni allenatori. Quello che è mancato nei confronti di Inghilterra e Francia sono stati i grandi numeri dell’immenso bacino di giocatrici che questi paesi hanno; ai quali ora si aggiunge il professionsimo, con la possibilità di giocare ad un livello di INTENSITA’ e sofisticazione ancora superiore.
      Per il futuro, non ho capito ancora (magari per mia incapacità, ma ho visto che anche alcuni addetti sono incerti) cosa si è previsto di fare con i cambiamenti in atto

      • Totalmente incompetente 28 Marzo 2022, 14:15

        *non sono tanto d’accordo (scusa il refuso).
        Ovviamente tutto le buone cose che ho ricordato sopra, sono vere per l’alto livello, ma nella stragrande maggioranza dei casi SOLO per l’alto livello come l’abbiamo conosciuto negli ultimi anni.
        Già immediatamente sotto, e lo vediamo appunto nei campionati domestici, il livello è ancora terribile, e apparentemente niente è ancora dunque filtrato dal piano alto a quello sottostante, con varie nefaste conseguenze:
        – i campionati domestici (maschili e femminili) non sono prodotti esteticamente e sportivamente “vendibili” e quindi non aiutano il movimento a crescere (per fare l’esempio, gli incontri “clou” del campionato francese femminile e, un pò meno quello inglese, fanno più spettatore di uan partita di URC a Treviso);
        – il bacino di giocatori/giocatrici è ristrettissimo

        • Totalmente incompetente 28 Marzo 2022, 14:24

          Per finire, quindi, quello che deve tenerci in ansia non è più (grazie al cielo), come creare e selezionare i buoni giocatori/giocatrici con le competenze e le skills corrette, ma:
          – come garantire loro uno sviluppo successivo adeguato, cioè farli giocare in campionati di livello
          – allargare il bacino dei giocatori in possesso delle competenze e degli skills in modo da avere più competizione e più scelta
          Tuttavia, scottati come siamo dall’atavica propensione nazionale all’improvvisazione, quello che tutti temiamo è che si finisca per buttare il buono acquisito, piuttosto che modificarlo piano piano per adattarlo alle ulteriori necessità.

      • feltre59 28 Marzo 2022, 14:34

        premessa per evitare fraintendimenti:
        mi dispiace tantissimo vedere atleti infortunarsi ,e molte volte gravemente, perchè adattati ad un modulo di gioco arcaico e banalmente prevedibile. e sono loro a farne le spese. per colpa di chi? se non del ct e soprattutto di chi l’ha scelto? da Innocenti& C. mi aspettavo un cambio come avevano promesso e non la riproposizione mal mascherata ( ricordano un pò il M5S…) di usurate logiche del passato ( prendere uno perchè costa meno…).
        quanto alla partita più che vinta noi l’ha persa il galles ,troppa supponenza boria e “autocelebrazione “.
        Ha riprova di quanto detto un vero e proprio assist è il discorso under 20: è la prova provata che ragazzi in gamba e di qualità ottima ce ne sono e da tempo .i risultati sono li a dimostrarlo. ma il professionismo ,purtroppo, è un’altro sport. chi li traghetta in quel mondo se non ha le competenze necessarie ?li porta al fallimento ,inevitabile. i nostri U20 in francia o inghilterra avrebbero sicuramente altro destino rugbistico
        quanto alle ragazze hanno fantasia e talento , ma se una di giorno lavora e poi va ad allenarsi come fa a competere con chi lo fa in modo professionale? è impossibile. quantomeno devi mettere a disposizione uno staff di quel livello , è il nostro non lo è . sono certo che queste ragazze allenate diversamente sarebbero tra le prime 4/5 al mondo. dopo questo 6N temo scendano e non di poco , gli altri stanno alzando il livello in vari parametri .quelli necessari. IL Galles femminile ha professionalizzato la squadra , ovvero ha messo risorse economiche . non c’è altro da aggiungere.

    • Bimbubam 28 Marzo 2022, 18:01

      Arrivo tardissimo alla festa, ma riguardo la vittoria col Galles ci tengo a dire che la meta di Capuozzo è stata la firma finale su una partita in cui:
      -Siamo stati dominanti su placcaggi e breakdown, per la prima volta dalla partita con la Nuova Zelanda
      -Hanno fatto una partita perfetta nel gioco al piede, per la prima volta da quando ho memoria (io in venti e rotti anni che seguo la nazionale non penso d’avere mai visto una prestazione così buona, nella scelta, nell’esecuzione, e nella caccia del pallone/salita della difesa)

      In particolare, ci tengo a far notare che la palla al ragazzino è arrivata al 79° perché i gallesi appena hanno avuto la palla ce l’hanno calciata malamente in faccia perché era tutta la partita che facevamo loro del male ogni volta che andavano a contatto

  4. tifoso ignorante 28 Marzo 2022, 21:20

    @feltre59 il tuo commento sulle ragazze “sono certo che queste ragazze allenate diversamente sarebbero tra le prime 4/5 al mondo” a mio parere è una pia illusione, oltre che suonare offensivo per l’artefice di quel piccolo miracolo sportivo che ha creato una squadra bella da vedersi e competitiva su basi più che modeste (e mi riferisco a Di Giandomenico).
    Per quanto riguarda il tema allenatori ti ricordo che Crowley non è l’ultimo arrivato e i giocatori di Treviso (3/4 di nazionale) si allenano seguendo standard internazionali, ma con questo me vincono ben poche…. I cambiamenti si devono fare dalla base, non dai vertici… A Rovigo allena l’ex ct degli Sprinboks, ma non vedo marziani in campo….

    • Totalmente incompetente 29 Marzo 2022, 14:05

      Aggiugo al commento di Tifoso Ignorante che le tagazze, allenate come sono (e cioè magnificamente, considerati ri risultati, il gioco espresso e che loro non sono professioniste) sono già state tra le prime cinque del mondo, quando nel 2019 sono arrivate seconde al 6 Nazioni, con vittorie sulla Scozia, l’Irlanda, la Francia e pareggiando con il Galles

  5. feltre59 29 Marzo 2022, 14:37

    vedo ora Replico ora.
    – Ciao Winchester
    perchè il riferimento all’Argentina? con metà dei soldi ha la squadra e un movimento ,come qualità, superiore al nostro,o non si è d’accordo nemmeno su questo? sono gli argentini ad essere arruolati in giro per il mondo o gli italici? e ripeto la qualità di partenza i nostri ce l’hanno ,vedi under20. META’ DEI SOLDI !!! ognuno trae le proprie conclusioni in merito.
    Gli scozzesi che non sono affatto messi benissimo sotto diversi aspetti ,anzi, hanno capito però che devono avere una nazionale presentabile e due squadre motrici il movimento investendo risorse umane e finanziarie.
    e ci sono riusciti . La scozia ha un gioco migliore o no dell’italia? per favore siamo obiettivi ,arbitraggi scandalosi a parte
    Tornado all’Argentina con metà soldi ,se fosse nel 6N farebbe vedere i sorci verdi a molte squadre, a differenza nostra . questo è il punto oggettivo.
    forse hai letto male quanto ho scritto o è poco chiaro: i ragazzi li abbiamo da tempo , con Berbizier siamo arrivati al 7- 8 posto in pochissimo tempo, come mai?, come mai è scappato dopo un anno? non abbiamo il contesto per l’alto livello da sempre. non lo dico io ma i risultati ma soprattutto il gioco. o si nega anche questa evidenza?
    capitolo ragazze;Ciao tifoso ignorante.
    scusa cosa c’entra “…oltre che suonare offensivo”.. offensivo per chi ,Giandomenico ? e perchè? il valore del ct lo rivela il campo . con l’irlanda abbiamo perso due partite fotocopia giocando in modo orrido, con una squadra che poi ha perso con spagna e scozia. spiace ma di tattica non è all’altezza e nei giochi di squadra e nel rugby in particolar modo il ct è FONDAMENTALE perchè è il direttore d’orchestra . spero non ci siano dubbi in questo . bravo e simpatico ma per le prime otto i riscontri non ci sono e la vedo dura. queste ragazze hanno un potenziale di squadra superiore a quello espresso anche loro a sportellare. come hanno fatto le mete le francesi ,a sportellate o con iniziative individuali?
    Ribadisco personalmente mi spiace tantissimo vedere i nostri ragazzi doversi adattare ad un gioco che non è il nostro e farsi male , anche molto male. Capuozzo è il paradigma del gioco italico . mi fermo anche se ci sarebbe molto altro da dire. buone cose a tutti voi

Lascia un commento

item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni