Sei Nazioni, Italia: da Edimburgo 2015 a Cardiff 2022, le mete che hanno regalato le vittorie agli azzurri

Azioni molto diverse ma entrambe arrivate nei secondi finali, in situazioni di svantaggio, e in match in trasferta

Sei Nazioni, Italia: da Edimburgo a Cardiff, le azioni che hanno regalato le vittorie agli azzurri

Sei Nazioni, Italia: da Edimburgo a Cardiff, le azioni che hanno regalato le vittorie agli azzurri (Ph. Sebastiano Pessina)

Dal pomeriggio di Murrayfield del 2015 a quello di Cardiff del 2022. Un “viaggio nel tempo” durato sette anni. Un’attesa lunga 36 partite e varie edizioni del Sei Nazioni. Una parabola che per rompere il digiuno si è accomunata di due cose: un’affermazione in trasferta e un’azione, seppur profondamente diversa nella sua natura, arrivata negli ultimi minuti utili di gara.

Leggi anche, Sei Nazioni 2022: le pagelle di Galles-Italia

Scozia-Italia 19-22 (28 febbraio 2015)

La partita è equilibrata, i padroni di casa con un piccolo vantaggio di quattro punti entrano nell’ultimo minuto di gara sul 19-15 ma è l’Italia, dopo aver recuperato un pallone a seguito di un calcio di punizione – a favore degli scozzesi – non terminato in touche, ad essere in attacco. Gli Azzurri fiutano la chance di poter fare male ai rivali ancorandosi alla proprio drive avanzante. Una carica dopo l’altra, Parisse e compagni diventano più forte di tutto e tutti, sino a quando costringono il direttore di gara ad assegnare la meta tecnica che vale il sorpasso e la vittoria.

 

Galles-Italia 21-22 (19 marzo 2022)

Gli Azzurri capitanati da Michele Lamaro fanno vedere da subito di essere in palla al Principality Stadium, anche se una meta di Josh Adams, a dieci minuti dalla fine, sembra loro tagliare le gambe, ma… “Non è finita finché non è finita”.
Al 79′ infatti Padovani recupera al volo un ovale che viene liberato dal Galles e serve Capuozzo in mezzo al campo: l’estremo si accende, riesce a mettere in moto le sue leve e la sua rapidità eludendo un placcaggio e di fatto tutta la difesa gallese sino a quando, a pochi metri dalla linea di meta, non restituisce l’ovale a Padovani, che completa l’opera andando a schiacciare in mezzo ai pali. Lo score si sistema sul 21-20, ma la conversione vincente di Garbisi lo modifica in un 21-22 che fa scattare la festa azzurra.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Le pagelle di Romania-Italia

Nemer e Zanon i migliori. Gran ritorno di Menoncello, esordio da incorniciare per Alessandro Garbisi

1 Luglio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Kieran Crowley: “buona reazione dopo la scorsa settimana, ma c’erano almeno tre o quattro mete che dovevamo segnare”

Le dichiarazioni del coach azzurro e del capitano Edoardo Padovani dopo il successo con la Romania

1 Luglio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Test Match Estivi 2022: l’Italia ruggisce, Romania battuta 45-13

Gli Azzurri segnano sette mete, doppietta per Tommaso Menoncello

1 Luglio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: con la Romania un’occasione per mandare un messaggio

Serve una reazione per preparare al meglio la gara contro la Georgia

1 Luglio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Test Match: Romania-Italia, Kieran Crowley spiega le scelte di formazione e non solo

Le dichiarazioni del ct a due giorni dall'incontro coi rumeni

29 Giugno 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Test match: la formazione dell’Italia che sfida la Romania

Esordio per Alessandro Garbisi, al fianco del rientrante Tommaso Allan. Cambia anche il capitano

29 Giugno 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale