Rugby World Cup 2025: i nuovi criteri di qualificazione

Ecco come ci si qualificherà al mondiale femminile

Rugby World Cup 2025: i nuovi criteri di qualificazione

Rugby World Cup 2025: i nuovi criteri di qualificazione (ph. Sebastiano Pessina)

La coppa del mondo femminile del 2025 sarà ricca di novità. Prima di tutto perché sarà la prima edizione a 16 squadre, poi perché sono stati rivisti anche i vari percorsi di qualificazione al torneo.

Innanzitutto, il paese ospitante e la squadra campione del mondo saranno qualificate d’ufficio. Per cui chi tra le 12 uscirà vincitrice dal prossimo mondiale, avrà già il biglietto in mano per la manifestazione del 2025. Allo stesso modo, si qualificheranno automaticamente la finalista perdente e le due semifinaliste. Nel caso il paese ospitante facesse parte delle prime 4 del mondiale precedente non ci saranno ripescaggi, ma si qualificheranno d’ufficio 4 nazioni invece di 5. Le varie competizioni continentali garantiranno un ulteriore posto a testa, per la squadra vincitrice del torneo in questione.

Infine, e questa è la vera novità, i 5 o 6 posti rimanenti verranno assegnati tramite la nuova competizione femminile: il WXV, qui spiegata nei dettagli. Nel gruppo principale, il tier 1, parteciperanno le prime 3 del Sei Nazioni e le prime 3 del torneo intercontinentale che comprenderà Australia, Canada, Nuova Zelanda e USA. Dal 2023 al 2025 non ci saranno retrocessioni. Nel tier 2 ci saranno quarta e quinta del Sei Nazioni, la perdente del torneo intercontinentale citato e una squadra dall’Asia, una dall’Oceania e una dall’Africa. L’ultima del tier 2 retrocederà in tier 3. In tutto questo, le 5 o 6 migliori classificate tra quelle non ancora qualificate al mondiale con gli altri percorsi, otterranno la qualificazione.

Questo, quindi, il quadro completo delle qualificate:

– Nazionali qualificate d’ufficio: 4 o 5, paese ospitante e semifinaliste del mondiale precedente

– Nazionali qualificate tramite i tornei continentali: 6, da Europa, Asia, Sudamerica, Africa, Oceania e Pacific Four Series

– Nazionali qualificate da WXV: 5 o 6, le migliori classificate non qualificate dagli altri percorsi

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: Beatrice Rigoni e Maria Magatti nel XV ideale del torneo

Le azzurre fanno parte di una formazione di assoluta eccellenza. Premiata la loro bravura nel placcare

14 Maggio 2022 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Nazionale italiana femminile: ufficializzato un test match in Canada a luglio

Verso la Coppa del Mondo le azzurre sfideranno la terza potenza del ranking, ritrovando il Canada dopo 31 anni

item-thumbnail

Giada Franco: “Ho sofferto tanto a stare fuori. Torneo un po’ sottotono, ma al Mondiale sarà diverso”

La terza linea di Colorno, assente per infortunio: "C'è tanta concorrenza con tante giovani promettenti: D'Incà e Ostuni Minuzzi, ma anche Granzotto e...

item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: la meta di Sara Barattin contro il Galles è fra le “Try of the Round”

La segnatura dell'azzurra contro il Galles è fra le migliori del quinto e ultimo turno

item-thumbnail

World Rugby Ranking femminile: dopo il Sei Nazioni, l’Italia risale di due posizioni

Le azzurre tornano a occupare una delle migliori posizioni della loro storia

item-thumbnail

Beatrice Rigoni: “Il livello generale si è alzato. La sconfitta in Irlanda? Ci ha fatte stare male”

La numero 12 azzurra: "È stato un torneo ancora più impegnativo rispetto agli anni scorsi, per vincere siamo ripartite dal nostro rugby"