Scozia, Townsend: “Vincere il Sei Nazioni? Possiamo giocarcela”

L’head coach della nazionale del Cardo ha parlato degli obiettivi del prossimo torneo e spiegato alcune esclusioni eccellenti, come quella di Hastings

Scozia, Townsend: "Vincere il Sei Nazioni? Possiamo giocarcela"

Scozia, Townsend: “Vincere il Sei Nazioni? Possiamo giocarcela” (Ph. Sebastiano Pessina)

Dopo l’ultimo Sei Nazioni, terminato con 3 vittorie su 5, la Scozia vuole alzare ulteriormente l’asticella. Gregor Townsend, del resto, è uno che ha coraggio, e lo ha dimostrato anche nelle ultime convocazioni, escludendo giocatori di peso come Adam Hastings, George Horne, Huw Jones, Fraser Brown, Sean Maitland e Oli Kebble.

L’head coach della Scozia ha parlato a Planetrugby degli obiettivi per il prossimo Sei Nazioni, e della possibilità di rivincere il titolo dopo oltre 20 anni dall’ultimo successo, quando le nazionali coinvolte erano ancora 5: “Nella nostra condizione attuale, crediamo di avere una squadra davvero forte. La competizione per le convocazioni è stata eccellente e abbiamo tanti giocatori in forma. Questa è una grande opportunità per noi, dobbiamo alzare l’asticella. Giochiamo ogni competizione con l’obiettivo di vincere”.

Leggi anche: Scozia: i 39 convocati di Gregor Townsend per il Sei Nazioni 2022

La scelta di convocare ben 39 giocatori, nonostante i tanti esclusi, fa capire quanto Townsend punti sul suo gruppo: “La cosa più importante è la forma in cui si trovano i nostri giocatori, che ha reso la competizione eccellente. Quindi dobbiamo essere fiduciosi. L’anno scorso abbiamo vinto 3 partite e siamo stati sempre in lotta, ma non siamo finiti tra le prime 2 in classifica, quindi questo deve farci capire la portata della sfida che affrontiamo”.

Il tecnico ha poi parlato nello specifico dell’esclusione di Adam Hastings, una delle più chiacchierate, anche perché questo sottintende che dietro Finn Russell, come apertura di riserva, ci sarà Kinghorn, che negli ultimi mesi ha giocato 10 nel suo club: “Adam è stato sempre convocato da quando è ad alti livelli, ma al momento crediamo che Finn (Russell) e Blair (Kinghorn) stiamo giocando meglio. Lui sa di avere delle cose su cui lavorare, ma se ci dimostrerà di essere in forma la porta sarà sempre aperta. Chi perde il posto in nazionale ha ragione di essere deluso, e abbiamo dato a tutti gli esclusi un feedback. Per loro è una sfida e ci aspettiamo una bella risposta”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Leggi anche la nostra guida alle regole del rugby, per studiare/ripassare o imparare il regolamento ovale e tutte le sue sfaccettature

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni: la Francia potrebbe “abbandonare” lo Stade de France

Una trattativa, in comune col calcio, e all'orizzonte una potenziale sede alternativa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: in vendita i biglietti per le partite in casa dell’Italia

Tre i match in agenda: contro Francia, Irlanda e Galles

26 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

6 Nazioni femminile: gli highlights della quarta giornata

Successo straripante dell'Inghilterra, la Francia insegue e vince in Galles senza brillare particolarmente

25 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: i risultati del quarto turno e la classifica aggiornata

Prosegue il testa a testa tra Francia e Inghilterra

24 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

6 Nazioni femminile: un cambio dell’ultima ora nell’Italia che sfida la Scozia

Terza linea azzurra rivista a causa dell'assenza di Elisa Giordano. Entra nelle 23 Alessandra Frangipani, pronta a sfidare le scozzesi

23 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: la preview della quarta giornata

Il Galles prova a sorprendere la Francia, Azzurre attese da una prova di riscatto contro la Scozia

22 Aprile 2022 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni