Shane Williams rivela: “Per un periodo della mia vita ho odiato la nazionale e Steve Hansen”

L’ex ala del Galles racconta un momento particolare della sua vita

Shane Williams rivela: "Per un periodo della mia vita ho odiato la nazionale e Steve Hansen"

Shane Williams rivela: “Per un periodo della mia vita ho odiato la nazionale e Steve Hansen” (Ph. Sebastiano Pessina)

Shane Williams “vuota il sacco”. L’ex ala del Galles in un documentario intitolato “Slammed”, in onda nelle prossime settimane sulla BBC, ha raccontato alcuni retroscena della sua incredibile carriera.

Il trequarti dei Dragoni (91 caps totali a livello internazionale, di cui 87 col Galles e 4 con i Lions, conditi da 60 mete e un totale di 300 punti) è tornato su un periodo particolare della sua vita, quello fra il 2002 e il 2003.

Shane Williams rivela: “Per un periodo della mia vita ho odiato la nazionale e Steve Hansen”

“Quando Steve Hansen prese il posto di Graham Henry sulla panchina della nazionale vissi dei momenti difficili. Lui era molto fissato sul fatto delle dimensioni fisiche nel mio ruolo e per questo mi disse che non mi avrebbe selezionato per gli impegni internazionali, perché il mio fisico non mi consentiva di essere prestazionale in particolare in difesa”.

Poi ha aggiunto: “Per me è stato un colpo al cuore. Ho pensato: “sei arrivato dalla Nuova Zelanda per togliermi il mio sogno, come osi”.

Leggi anche, Sei Nazioni 2022, il calendario: partite, luoghi, date ed orari del torneo

Sul Sei Nazioni del 2003: “Guardavo le partite in tv ed ero contento che la squadra non andasse bene. Ho odiato la nazionale e tutto ciò che veniva associato a Steve Hansen. Ho attraversato un periodo difficile. Ho pensato di essere il problema e per cercare di risolverlo ho cominciato ad andare in palestra, assumere creatina e modellare il mio fisico”.

“Ero diventato muscoloso, ma avevo perso tutte le altre peculiarità del mio gioco. Mi sentivo senza velocità e sempre in fatica: accumulai anche tanti infortuni per questo. Era un circolo vizioso, un periodo orribile della mia vita, tanto nel rugby quanto nella sfera privata. Un giorno mi sono detto: smettila di pensare ad Hansen e concentrati su te stesso”.

Sulla conclusione della faccenda: “Dopo dieci sconfitte consecutive, Hansen scelse di richiamarmi. Tornai in squadra per la Coppa del Mondo 2003 e nella partita contro gli All Blacks, pur perdendo (53-37) misi a segno una bella meta. Fu quello il trampolino di lancio verso la seconda e la terza parte della mia carriera”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Top14: Cameron Woki passa dal Bordeaux al Racing 92

Il nazionale francese, a riposo dalle fatiche estive, ha cambiato club a sorpresa

4 Luglio 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Italiani all’estero: Marco Fuser giocherà nel Massy

Il seconda linea lascia i Newcastle Falcons e si accasa nel club neopromosso in ProD2

28 Giugno 2022 Emisfero Nord
item-thumbnail

Guilhem Guirado si ritira dal rugby giocato

Il tallonatore pone fine alla carriera dopo aver vinto il Top14 col suo Montpellier

27 Giugno 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top14: il Montpellier di Paolo Garbisi è campione di Francia

Per la prima volta nella storia del club

25 Giugno 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Paolo Garbisi verso la finale del Top14: “Stagione migliore di quanto potessi immaginare”

Il numero 10 azzurro rilegge il suo percorso fino a oggi e racconta come la difesa non sia l'aspetto preferito del suo modo di intendere il rugby

24 Giugno 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top14: le formazioni della finale Castres-Montpellier e dove vederla in streaming

Sarà rivincita dopo il 2018 quando Castres vinse la finale con i diretti rivali? Oppure arriverà il primo successo nella storia di Montpellier?

24 Giugno 2022 Emisfero Nord / Top 14