Stadi, passo indietro sulla capienza: ingressi al 50%

Il Consiglio dei ministri ha deciso: stadi pieni a metà, si entra solo con green pass rafforzato

Stadi, passo indietro sulla capienza: ingressi al 50% (ph. Sebastiano Pessina)

Stadi, passo indietro sulla capienza: ingressi al 50% (ph. Sebastiano Pessina)

Dopo il recente aumento dei contagi, il Consiglio dei Ministri ha optato per una sostanziale riduzione del pubblico negli stadi. Si torna al 50%, con la disposizione dei tifosi “a scacchiera” com’era prima del precedente aumento al 75%. Prevista una riduzione del pubblico anche per i luoghi al chiuso, con l’ingresso nei palazzetti limitato al 35% della capienza degli impianti.

Leggi anche: Cosa potrebbe accadere a Sei Nazioni e Champions Cup con le nuove regole vaccinali del governo francese

Oltre alla riduzione della capienza negli stadi, l’ingresso è previsto solo per chi è in possesso del “Green Pass rafforzato”, previsto per chi è stato vaccinato o è guarito dalla malattia da meno di 6 mesi. All’interno dell’impianto sarà obbligatorio indossare la mascherina ffp2.

Il mondo del rugby, nelle ultime settimane, è stato più volte messo spalle al muro dal notevole aumento dei contagi, che ha causato il rinvio di tantissime partite. Quasi tutto l’ultimo turno di United Rugby Championship, previsto per il 24, 26 e 27 dicembre, è stato infatti rinviato ad eccezione del derby italiano tra Zebre e Benetton, unica partita disputata.

Anche le coppe europee, Champions e Challenge Cup, hanno fatto tanta fatica a portare a termine i due turni previsti a dicembre, con tante partite rinviate che necessiteranno una nuova sistemazione in calendario.

Sarà quindi ancora possibile andare allo stadio, pur con norme più restrittive per far fronte all’emergenza sanitaria.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il fuorigioco nel rugby

Una regola complessa, che cambia di situazione in situazione. Eccola spiegata

21 Gennaio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Tonga: il dramma dello tsunami raccontato dai giocatori che militano in Italia

I ragazzi originari del Pacifico che militano tra Top10 e Serie A raccontano in prima persona quello che hanno vissuto in una settimana difficilissima

21 Gennaio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Situazione grave a Tonga, Malakai Fekitoa lancia una raccolta fondi

L'ex All Black si muove in prima persona per portare aiuti al suo paese natio, travolto da uno tsunami e dalla cenere del vulcano sottomarino

18 Gennaio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

La Francia e quella meta che fu una fine del mondo

In certi stadi, per vincere, non basta essere grandi squadre. Bisogna inventarsi qualcosa di mai visto, forse qualcosa di un altro mondo.

16 Gennaio 2022 Terzo tempo